×
824
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Bottega Veneta - Global Client Engagement Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Bottega Veneta - Emea Facilities Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
IT Solutions Associate Manager
Tempo Indeterminato · NOVARA
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Amministrativo/a
Tempo Indeterminato · TREVISO
SHOWROOM MARCONA3
Shoes Showroom Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
DFP INTERNATIONAL SPA
Commerciale / Customer s
Tempo Indeterminato · CORROPOLI
THUN SPA
Head of Real Estate
Tempo Indeterminato · BOLZANO
THUN SPA
Regional Manager France
Tempo Indeterminato · MILANO
CONNECTHUB DIGITAL
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MANTOVA
CAMICISSIMA
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Impiegato/a Ufficio Commerciale
Tempo Indeterminato · MERATE
DELL'OGLIO
Resident Seller
Tempo Indeterminato · PALERMO
BRAMA SRL
Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
JD SPORTS FASHION PLC
HR & Payroll Advisor - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
OFF-WHITE C/O VIRGIL ABLOH
Franchising Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager Accessori e Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB SPA
Network & Security Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
CONFIDENZIALE
Sistemista IT
Tempo Indeterminato · LUGANO
NEIL BARRETT
IT Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Online Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
INTICOM
Digital Media Manager
Tempo Indeterminato · GALLARATE
Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
10 feb 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

LVMH diventa la prima capitalizzazione borsistica d’Europa

Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
10 feb 2021

Il colosso mondiale del lusso LVMH ha conquistato il titolo di prima capitalizzazione di mercato europea, davanti a Nestlé, grazie alle sue vendite resilienti nel 2020, nonostante il contesto sanitario.

Foto d'archivio - © AFP / Miguel Medina


Mercoledì, intorno alle 13:30 italiane, LVMH valeva 271 miliardi di euro, contro i 265 miliardi di Nestlé.
 
Il valore del titolo del numero uno al mondo nel comparto del lusso, dopo aver vacillato a febbraio e marzo, nel pieno della crisi, ha superato da inizio novembre il livello di metà febbraio 2020 (circa 425 euro), prima dell’arrestarsi dell'economia mondiale.

L’azione di LVMH è salita di oltre il 33% dal 30 ottobre, per chiudere l'anno con un incremento di quasi il 24%, a 510,90 euro. Dal 1° gennaio il titolo ha guadagnato quasi il 5%.
 
“Le azioni dei marchi di lusso, e di LVMH in particolare, sono diminuite all'inizio dell'epidemia poiché essa sembrava provenire dalla Cina”, riferisce all’AFP Régis Bégué, direttore della gestione azionaria di Lazard Frères Gestion.
 
“Ma il percorso del mercato azionario alla fine riflette abbastanza bene la situazione sanitaria, in quanto nel 2020 ci siamo resi conto che l'epidemia non si è mai diffusa in modo significativo in nessun Paese dell'Asia”, continua l'esperto.
 
"Di conseguenza, la dinamica commerciale è rimasta molto forte in quell’area e per i gruppi del lusso, che sono molto esposti in questa regione, ciò si è tradotto in un percorso borsistico notevole”, aggiunge.
 
“È una sorta di consacrazione” per il gruppo, aggiunge Arnaud Cadart, gestore di portafogli per Flornoy, intervistato dall’AFP.
 
LVMH ha saputo trarre vantaggio dalla forte ripresa registrata nella seconda metà del 2020 in Asia, dove ha realizzato lo scorso anno il 34% delle vendite (Giappone escluso) contro il 30% del 2019, mentre gli Stati Uniti hanno rappresentato il 24% del suo business.
 
L'impennata dello shopping online gli ha inoltre consentito di limitare il calo delle vendite e della redditività dello scorso anno e di avvicinarsi al 2021 con “cauta fiducia”.
 
“I prodotti di lusso di LVMH hanno rappresentato anche un elemento per regalarsi qualcosa di piacevole. Enormi risparmi si erano infatti concentrati tra le classi agiate, quelle un po' preservate dalla crisi”, aggiunge Cadart. Per loro, soprattutto per gli occidentali, “una borsa di Vuitton o un vestito di Christian Dior hanno sostituito un bel viaggio o un buon ristorante, esperienze che non hanno potuto fare nel 2020”, secondo lui.

Copyright © 2021 AFP. Tutti i diritti riservati.