×
1 427
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Financial Reporting Coordinator
Tempo Indeterminato ·
BALDININI SRL
Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · SAN MAURO PASCOLI
THUN SPA
Area Manager Wholesales Province di fr, te, lt, aq, ri
Tempo Indeterminato · FROSINONE
MANTERO SETA
Junior Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · GRANDATE
FOURCORNERS
Retail Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
G COMMERCE EUROPE S.P.A.
Emea Emarketing & Analytics Specialist
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
HR Training & Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
HERMES ITALIE S.P.A.
Stock Operations Manager - Boutique Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
IT Manager
Tempo Indeterminato · PADOVA
FOURCORNERS
Earned & Owned Media Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CLAUDIE PIERLOT ITALIE
Area Manager Italy - Permanent Contract H/F
Tempo Indeterminato · MILAN
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Toscana Settore Fashion
Tempo Indeterminato · FIRENZE
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Fashion Puglia
Tempo Indeterminato · BARI
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
MANUFACTURE DE SOULIERS LOUIS VUITTON SRL
Rsponsabile Modelleria e Industrializzazione Tomaie Sneakers e Mocassino
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
LABOR S.P.A
Business Developer - Luxury/Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VALENTINO
IT CRM Specialist
Tempo Indeterminato · VALDAGNO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
j&w, Licenses And Décor Digital Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Centro- Nord Est
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
MICHAEL PAGE ITALIA
Buyer Retail - Accessori - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Area Manager Centro Italia - Base Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
PRONOVIAS GROUP
Accounting Manager
Tempo Indeterminato · CUNEO
Pubblicità

LVMH conferma l’acquisto di Tiffany per 14,7 miliardi di euro

Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
today 25 nov 2019
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il numero uno mondiale del lusso LVMH ha annunciato lunedì l’acquisto del marchio statunitense di gioielli Tiffany per la cifra di 16,2 miliardi di dollari (14,7 miliardi di euro): è la più importante acquisizione nella storia del gruppo guidato dal miliardario Bernard Arnault.

Tiffany


In un comunicato congiunto, i due gruppi indicano di “aver concluso un accordo definitivo per l'acquisizione di Tiffany da parte di LVMH al prezzo di 135 dollari per azione in contanti. L’operazione valuta Tiffany circa 14,7 miliardi di euro, pari a 16,2 miliardi di dollari”.
 
Sin da domenica sera, fonti prossime alla pratica avevano affermato che Tiffany e LVMH erano ormai vicini ad un accordo, dopo che le trattative erano in corso da metà ottobre.

“Abbiamo l'ambizione di far brillare questo marchio emblematico con tutta la cura e la determinazione che abbiamo dimostrato per tutte le aziende che si sono unite a noi nella nostra storia”, ha commentato Bernard Arnault, citato nel comunicato.
 
Tiffany è “un'azienda con un patrimonio e un posizionamento unici nel mondo dell'alta gioielleria” e che “ci ispira immenso rispetto e ammirazione. Non vediamo l'ora di consentirgli di continuare a risplendere in futuro”, ha sottolineato Arnault.
 
Per il suo gruppo, questa acquisizione “rafforza la posizione di LVMH nella gioielleria raffinata e aumenta ulteriormente la sua presenza negli Stati Uniti. L’arrivo di Tiffany, che entra a far parte dell’elenco di 75 griffe del gruppo, darà una nuova dimensione al business della divisione Orologeria e Gioielleria”, riassume il comunicato.

tiffany.it


Il gruppo francese aveva inizialmente proposto il 15 ottobre 120 dollari per azione di Tiffany, famoso per gli anelli di fidanzamento e i gioielli in diamanti, prima di alzare la proposta a 130 dollari la scorsa settimana. Quest'ultima offerta ha spinto Tiffany a rivelare i propri conti a LVMH, che alla fine ha deciso di offrire 135 dollari per azione Tiffany.
 
Nel corso dell’esercizio 2018, il gruppo di Bernard Arnault ha generato 46,8 miliardi di euro di vendite, un record, mentre il suo utile netto è stato di 6,4 miliardi, per un margine operativo del 21,4%.
 
Dal canto suo, il gioielliere newyorchese, fondato nel 1837, cerca da anni di rendere più moderna la propria immagine e attirare una clientela più giovane. Tiffany ha registrato un fatturato di 4,4 miliardi di dollari nell’esercizio fiscale conclusosi il 31 luglio, in crescita del 6,5% in un anno. La sua crescita è tuttavia ostacolata dal dollaro forte e dal calo delle spese effettuate dai turisti negli Stati Uniti.

Copyright © 2020 AFP. Tutti i diritti riservati.