×
1 544
Fashion Jobs
RETAIL SEARCH SRL
Head of Supply Chain - Demand Planning Emea
Tempo Indeterminato · FIRENZE
JIMMY CHOO
Stock Controller Incluse Categorie Protette l. 68/99
Tempo Indeterminato · SERRAVALLE SCRIVIA
LUCA FALONI SRL
Full Time - Responsabile Magazzino e Coordinatore Ordini Online
Tempo Indeterminato · BERGAMO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Marketing And Communication Manager - English And French
Tempo Indeterminato ·
AZIENDA DEL SETTORE FASHION & LUXURY
Analista di Processi Finance & Controlling
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Knitwear Senior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Commerciale Illuminazione - Design
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Head of Operations
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga Addetto/a Lavorazioni Intermedie
Tempo Indeterminato ·
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Coordinatore di Magazzino - Department Store
Tempo Indeterminato · PALERMO
PARIS TEXAS
Online Store Manager
Tempo Indeterminato · MONZA
VICE VERSA SRL
Wholesale Area Manager For Local And Int. Markets
Tempo Indeterminato · MILANO
MANPOWER SRL
Business Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Credit Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO S.P.A
Digital Acqusition Media Specialist Appartenente Alle Categorie Protette Legge 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
HR Business Partner Corporate
Tempo Indeterminato · BOLZANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Wholesale Area Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Media Strategist, Native Content & Affiliates
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Responsabile Sviluppo Franchising - Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Talent Acquisition Partner
Tempo Indeterminato ·
Pubblicità
Di
Reuters
Pubblicato il
7 mag 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Lusso: il Covid-19 schiaccia le vendite globali fino a un -50/60% nel 2° trimestre

Di
Reuters
Pubblicato il
7 mag 2020

Dopo un primo trimestre in calo del 25%, le vendite globali di beni di lusso dovrebbero scendere tra il 50% e il 60% tra aprile e giugno per chiudere il 2020 con una contrazione che potrà oscillare tra il 20% e il 35% grazie a una parziale ripresa nella seconda parte dell’anno. 

Una donna indossa una mascherina mentre fa shopping a Seul - Reuters


È questo l’effetto della pandemia di Covid-19 sul settore del lusso secondo le stime di Bain & Company, che non si aspetta un ritorno ai livelli del 2019 (+4% a cambi costanti a 281 miliardi) prima di due o tre anni. 

La crisi sanitaria ha colpito la Cina - mercato chiave per il lusso - a fine 2019 e si è poi diffusa in Europa e negli Stati Uniti dando il via a misure di contenimento in gran parte del mondo. 

Aziende e negozi chiusi e viaggi azzerati hanno così bruscamente interrotto almeno un decennio di robusta crescita per tutto il settore. 

In Cina in realtà, dove le misure di lockdown sono state in gran parte revocate, si è registrata una ripresa dei consumi che sta aiutando a compensare in parte il calo delle altre regioni, anche se non tutti i gruppi ne stanno beneficiando allo stesso modo, sottolinea Bain. Alcuni marchi possono già vantare ricavi in crescita in Cina nei primi quattro mesi del 2020 rispetto all’anno scorso: “Il traffico nei negozi è ancora ridotto ma le persone che si avventurano a fare shopping sono più motivate e spendono più di prima”, ha spiegato Federica Levato, co-autrice dello studio. 

Bain non ha fatto nomi, ma recentemente LVMH ha detto che i suoi marchi di punta - Louis Vuitton e Dior - hanno visto un incremento del 50% delle vendite nella Cina continentale in aprile e anche Hermes è stato molto ottimista sulla ripresa nel Paese asiatico. 

I consumatori cinesi rappresentavano il 35% della spesa globale per beni di lusso nel 2019 e Bain si aspetta che il loro peso salirà a quasi il 50% entro il 2025.

Se una volta i cinesi acquistavano soprattutto all’estero, la probabile contrazione del turismo nei prossimi 18-24 mesi dovuta ai rischi sanitari porterà a una accelerazione del fenomeno di “rimpatrio” degli acquisti, che avverranno così sempre di più in Cina, sostiene Levato. 

Anche il morale dei consumatori e la loro propensione all’acquisto potrebbero rimbalzare più velocemente in Asia rispetto ad Europa e Stati Uniti, che dovranno affrontare gli effetti della crisi economica dopo quella sanitaria.

© Thomson Reuters 2021 All rights reserved.