×
1 009
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Area Manager Estero - Settore Accessori
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Online Brand Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THE THIN LINE LANZAROTE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · TÍAS
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VERSACE
Wholesale Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Sviluppo Collezioni Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Head of Marketing (Rif. Mkt)
Tempo Indeterminato · MILANO
FORPEN
Buyer Abbigliamento
Tempo Indeterminato · SAONARA
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
CONFIDENZIALE
Talent Acquisition & Employer Branding Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
ADECCO S.P.A
Responsabile Qualità
Tempo Indeterminato · SIENA
CONFIDENZIALE
Country Sales Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
CENTEX SPA
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · GANDINO
FACTORY SRL
Impiegato/a Modellista
Tempo Indeterminato · FUCECCHIO
RETAIL SEARCH SRL
Responsabile Produzione - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
BENETTON GROUP SRL
Sap Analyst
Tempo Indeterminato · TREVISO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Accessori e Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Di
Ansa
Pubblicato il
22 ott 2019
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Lusso, Generazione Z più consapevole e impegnata dei Millennial

Di
Ansa
Pubblicato il
22 ott 2019

Se la mentalità dei Millennials condiziona oggi i consumatori di lusso di tutte le età, cresce l’influenza delle generazione successiva, la cosiddetta generazione Z, che mostra segni di chiara discontinuità rispetto ai fratelli maggiori. 

Una protesta organizzata da PETA a Londra - Reuters


Secondo uno studio di Bain&Co, illustrato da Federica Levato in occasione del Milano Fashion Global Summit, le nuove generazioni, Y e Z, già valgono un terzo del mercato del lusso e guideranno la crescita del mercato fino ad arrivare a coprire, nel 2035 l’80%, dei consumi. 

Oggi i consumatori di lusso si suddividono in cinque generazioni: la silent generation (pre 1945), i baby boomer, la generazione X (nati tra 1960 e ‘80), i Millennial (o generazione Y, nati tra 1980-1995), la generazione Z (1995-2010) e la generazione Alpha (nati dopo il 2010). 

Tutte sono state influenzate nei loro comportamenti di acquisto dalla mentalità Millennial che ha portato in auge l’utilizzo del digitale, la predilezione per l’esperienza rispetto al prodotto, il ruolo dei social e degli influencer. 

La generazione successiva ha però caratteristiche diverse e i brand della moda devono iniziare a tenerne conto per conquistarla, sottolinea Levato. 

Non avendo memoria cosciente del mondo pre-11 settembre, ha incorporato un senso di incertezza e insicurezza che la spinge verso un consumo più sobrio e consapevole. I genitori non sono i permissivi baby boomers, ma “la negletta generazione X, che ha vissuto la recessione del ‘92 proprio nel momento in cui si affacciava al mondo del lavoro e ha cresciuto i propri figli in modo più autorevole e indipendente”. 

Ne risulta, secondo l’analista di Bain, che i giovani della gen Z sono determinati e pragmatici, non aspettano che il cambiamento venga da fuori ma sono attivisti e lavorano in prima linea per attuare loro stessi il cambiamento. 

Essendo nativi digitali hanno un utilizzo più equilibrato dello smartphone e rivalutano il ruolo del prodotto e del negozio fisico. 

I primi influencer sono per loro la famiglia e gli amici e, all’esterno di questa cerchia, chi si presenta come modello per ciò che ha fatto e ciò che testimonia, non bastano dunque le sole celebrities. Determinante è l’attenzione all’economia circolare, all’ambiente e alla sostenibilità. 

La generazione Z, ha concluso Levato, vuole un prodotto “eccellente ma anche buono, secondo logiche etiche e responsabili” e chiede ai brand un impegno culturale e calato nello spirito del tempo.

Copyright © 2021 ANSA. All rights reserved.