×
1 163
Fashion Jobs
CONFIDENZIALE
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Floor Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
RANDSTAD ITALIA
Art Director - Beni di Lusso e Gioielli
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Junior Trademark Attorney
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
E-Commerce Specialist - Settore Fashion &Amp; Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
ESSE-M STUDIO
Plant Quality Manager Settore Tessile
Tempo Indeterminato · COMO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
SPADAROMA
Logistic Manager
Tempo Indeterminato · NOLA
RANDSTAD ITALIA
HR Organization Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
DEDAR
Trade Marketing Manager
Tempo Indeterminato · APPIANO GENTILE
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Health & Safety Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
TAKE OFF
Buying Account Manager (Off-Price Fashion)
Tempo Indeterminato · GEZIRA
CONFIDENZIALE
Amministrazione
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Senior Creative Strategist
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Product Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Ready to Wear Uomo Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Beauty Advisor Sud Italia
Tempo Indeterminato · CATANZARO
CONFIDENTIAL
Sap Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
THE THIN LINE LANZAROTE
Responsabile Marketing
Tempo Indeterminato · TÍAS
CONFIDENTIAL
Impiegato IT/Commerciale
Tempo Indeterminato · NOLA
RANDSTAD ITALIA
Wholesale Manager Estero - Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
23 nov 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Lush lascia nuovamente alcuni social media, per la salute mentale dei suoi clienti

Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
23 nov 2021

Il marchio britannico di cosmetici Lush chiuderà da venerdì prossimo i suoi profili sui social media Facebook, Instagram, Tiktok e Snapchat per proteggere la “sanità mentale” dei suoi clienti, molti dei quali sono ragazze adolescenti.

Lush


In un comunicato di lunedì scorso, Lush, nota per le sue palline da bagno effervescenti e i saponi colorati, ha aggiunto che questi account rimarranno disabilitati nei 48 Paesi in cui opera fino a quando queste piattaforme “agiranno per fornire un ambiente più sicuro ai propri utenti”.
 
Già uscito da Facebook e Instagram nel 2019, Lush vi era poi tornato. Oggi la nuova decisione contraria. Il gruppo resterà comunque presente su Twitter e YouTube.

L’azienda britannica ha affermato di averne “avuto abbastanza” di reti come Facebook, Instagram, TikTok e Snapchat, in particolare in seguito alle recenti rivelazioni della statunitense Frances Haugen, ingegnere informatico che ha lasciato Facebook a maggio, la quale ha denunciato l'impatto dei social network sui bambini e ha accusato queste piattaforme di alimentare la disinformazione e la diffusione di contenuti d’odio.
 
Il gruppo afferma di aver già preso in considerazione in passato l'idea di ritirarsi definitivamente dai social media, ma che ha deciso di compiere questo grande passo dopo le recenti rivelazioni della Haugen e di altri informatori “coraggiosi, che indicano con chiarezza i pericoli a cui sono esposti i giovani a causa degli algoritmi attuali e di normative eccessivamente flessibili”.

Lush


Il fondatore Mark Constantine ha affermato di aver trascorso tutta la sua vita evitando di inserire ingredienti dannosi nei prodotti del marchio, aggiungendo che “ora ci sono prove schiaccianti del fatto che veniamo messi a rischio quando usiamo i social media. Non sono disposto ad esporre i miei clienti a questo danno, quindi è tempo di toglierli dal nostro mix”.
 
Lush ha promesso che non sarà “completamente anti-social. Faremo tutto il possibile per trovare nuovi modi per connetterci, per costruire altrove canali di comunicazione migliori, oltre a utilizzare le strade più vecchie e collaudate”.
 
Comunque, “qualcosa deve cambiare”, insiste il gruppo inglese, che “spera che le piattaforme introducano direttive migliori sulle buone pratiche e che vengano approvate delle normative internazionali”, conclude la nota.

Con Sandra Halliday

Copyright © 2022 AFP. Tutti i diritti riservati.