Lumberjack punta sul retail di fascia alta e progetta 6 nuove aperture in Asia

Lumberjack, brand di calzature che fa capo al player turco Zylan Group dal 2012, punta sul retail fisico di fascia medio-alta per valorizzare e tutelare la catena distributiva di più alto valore. Il brand, che ha in cantiere un ambizioso piano di aperture dirette nella regione asiatica, ha scelto la kermesse fiorentina Pitti Uomo 93 per rivelare la sua nuova linea di calzature e abbigliamento “UN.Code” (acronimo di Urban Nature Code), che sarà distribuita esclusivamente attraverso il canale tradizionale di fascia alta.

L'AD di Lumberjack Andrea Vecchiato

“L’inizio dell’alleanza tra il brand e la distribuzione tradizionale qualificata”, ha spiegato Andrea Vecchiato, AD di Lumberjack, “ha come obiettivo quello di garantire al consumatore competenza, servizio e un prodotto di eccellente fattura e stile, non omologato”. 
 
Grande escluso il canale e-commerce, a tutto vantaggio del retail fisico, che il brand ha intenzione di rafforzare con un piano di nuove aperture nell’area asiatica: tra gennaio e marzo 2018 sono previsti sei nuovi opening dislocati tra Hong Kong e Shanghai, che seguono quello del primo corner nel department store Sogo Hong Kong. 
 
Il marchio continua così a rafforzare la sua presenza nei mercati esteri, dopo l’inaugurazione risalente all’ottobre scorso negli Emirati Arabi, a Dubai, del primo store Lumberjack all’interno dell’iconico Bujuman Mall.
 
Il marchio italo-turco stima di raggiungere i 40 milioni di euro di fatturato nell’esercizio fiscale 2017, con una crescita dell’11% sull’anno precedente e un EBITDA triplicato. Nel 2018, anno in cui il brand si attende una performance ancora migliore, l’export arriverà a rappresentare circa il 20% del ricavi aziendali, grazie soprattutto alle partnership siglate in Middle East, Hong Kong ed Est Europa.

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - Prêt à porter Moda - AccessoriModa - ScarpeDistribuzioneBusiness
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER