×
1 663
Fashion Jobs
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie- Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
NUOVA TESI
Responsbaile di Produzione Tessile -nt/1234
Tempo Indeterminato · MODENA
PFCMNA SPA
Area Manager - Ispettore Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Linea Montaggio Calzature
Tempo Indeterminato · VENEZIA
BETTY BLUE S.P.A.
Area Manager Direct Retail
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Milano
Tempo Indeterminato ·
GIORGIO ARMANI
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
ANONIMA
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
CONFIDENZIALE
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
District Manager
Tempo Indeterminato · VERONA
LOGO FIRENZE SRL
Product Manager Rtw
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
NARA CAMICIE
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Account Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Retail Area Manager Piemonte/Liguria/Lombardia
Tempo Indeterminato · TORINO
ANONIMA
ww Wholesale Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Global Digital Client Development Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
ORIENTA SPA
General Manager - Bolzano
Tempo Indeterminato · BOLZANO
ANTONIOLI S.R.L.
SEO & SEM Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Sustainability Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Pubblicato il
27 apr 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Luce verde per i campioni dell’export, negozi rimandati al 18 maggio

Pubblicato il
27 apr 2020

Via libera del Governo alla ripartenza anticipata il 27 aprile per le aziende prevalentemente esportatrici, considerate strategiche per l’economia nazionale. Così, dopo un mese di stop, il tessile-moda riapre i cancelli, insieme alle attività produttive e industriali maggiormente vocate all’export.

Una sfilata Gucci


Per le imprese rivolte prevalentemente al mercato interno e non fornitrici di aziende esportatrici, il nuovo Dpcm fissa il termine del lockdown al 4 maggio, ma concedendo sin d'ora una minima attività per la manutenzione e la conservazione dei materiali e dei semilavorati.
 
Dopo le pressioni delle ultime settimane, luce verde per 400 aziende del tessile pratese. "I lanifici e i produttori di filato più importanti del territorio riapriranno e chiederanno alla filiera di ripartire insieme a loro", afferma Andrea Cavicchi, presidente della sezione Sistema moda di Confindustria Toscana Nord.

Nel weekend, avevano già ottenuto l’ok della Regione Toscana le aziende del distretto di Santa Croce sull'Arno per riprendere l'attività di manutenzione e conservazione delle pelli. Con il decreto tornano in pista anche la pelletteria di Firenze e il settore degli orafi di Arezzo.
 
Dopo aver rafforzato l’intesa sindacale sui protocolli di sicurezza, la scorsa settimana avevano riacceso i motori alcuni grandi nomi del Made in Italy, come Gucci, Cucinelli, Prada e Ferragamo, riattivando i reparti di stile e prototipia per assicurare lo sviluppo delle collezioni estive.
 
Al contrario, il retail dovrà fare i conti con altre tre settimane di stop fino al 18 maggio. Un bagno di sangue preannunciato per Federazione Moda Italia, che lancia l’allarme sulla tenuta del commercio moda, piegato da quasi due mesi di lockdown.
 
“Questo ulteriore slittamento creerà un danno irreparabile: un prevedibile calo di consumi per il 2020 di oltre 15 miliardi di euro che porterà almeno 17mila punti vendita ad arrendersi, con una perdita di occupazione di oltre 35mila persone”, spiega il presidente della federazione, Renato Borghi.
 
Il presidente parla di “decisione inspiegabile”, dopo che l’Inail ha classificato il settore a basso rischio, e non comprende “perché sia prevista una data [per la riapertura] uguale per tutte le regioni quando invece sono molto diversi i dati epidemiologici di diffusione”.
 
“Sollecitiamo Confindustria Moda ad un’assunzione di responsabilità per condividere con il retail il rischio derivante dalla perdita di un’intera stagione, attraverso il diritto di reso”, afferma Borghi, che al governo chiede di tornare sui suoi passi. Urgono, conclude, “liquidità vera attraverso contributi a fondo perduto, zero burocrazia e una moratoria fiscale e contributiva al 30 settembre”

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.