×
1 740
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Head of Production
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Site Management Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
E-Commerce Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
E-Commerce Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ELENA MIRO'
Head of Merchandising & Buying
Tempo Indeterminato · ALBA
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager - Sicilia
Tempo Indeterminato · PALERMO
PATRIZIA PEPE
Digital Adversiting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PATRIZIA PEPE
E-Commerce Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Retail Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Business Controller
Tempo Indeterminato · FIRENZE
CONFIDENZIALE
IT Help-Desk
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
International Key Account Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
CRM Manager, Fashion Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
SKECHERS
Supervisor
Tempo Indeterminato · MILAN
NALI ACCESSORI
Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · NAPOLI
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Business Developer- Interior Design Lusso
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Rtw ww
Tempo Indeterminato · VICENZA
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Denim
Tempo Indeterminato · VICENZA
CONFIDENZIALE
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · TORINO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Buyer Accessori di Produzione e Lavorazioni
Tempo Indeterminato · PADOVA
CMP CONSULTING
E-Commerce Specialist - Korean Speaking
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
8 mar 2022
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Louis Vuitton: i giovanissimi del Musée d’Orsay

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
8 mar 2022

Si può dire ciò che si vuole su Nicolas Ghesquière, ma lui ha la capacità di offrire qualcosa di nuovo ogni stagione. Questo lunedì da Vuitton: tagli sorprendentemente freschi e voluminosi, un atteggiamento in stile ‘ritorno a Varanasi’ (una delle città sacre più antiche del mondo, ndr.) e una formidabile serie di stampe con fotomontaggi di gioventù ideale.

 


Che si sono rivelate essere opere di David Sims: immagini di giovani e giovanissimi degli anni '90 che ha scattato all'inizio della sua carriera da fotografo.

Una giovinezza in fiore, agli albori dell'età adulta, che compare in una dozzina di look: sulla scollatura degli abiti flower power, o cucita su rasi rossi, su un cappotto bianco trapuntato esso stesso stampigliato con tante foto. Bambini filiformi, che danzano su pullover con stampe pixelate o che risplendono su trench con paillette.

Ma i pezzi migliori erano un assortimento di magliette da rugby a scacchi giganti, l'ultima manifestazione della principale ossessione fashion di Nicolas Ghesquière: unire l'abbigliamento sportivo e l'alta moda atletica. Metà dei suoi outfit presentava jodhpur affusolati e fioriti su dhoti con motivi a carta da parati.

E il cast era pieno di freschezza. Che si tratti di Marc Jacobs o dell’odierno periodo Nicolas Ghesquière, Vuitton ha sempre avuto la migliore scelta di top a Parigi.

“Questa collezione è dedicata alla giovinezza, nella speranza che conservi la poesia indecisa dell'adolescenza, come un capo che ti sta a meraviglia... con tutto il suo vivace romanticismo, il suo idealismo ispiratore, la sua fede nella vita, nel futuro, in un mondo migliore, e i suoi sogni di perfezione”, ha spiegato lo stilista di moda.

E come spesso è accaduto in passato, Vuitton si è anche assicurato la location migliore, attestando ancora una volta il potere del marchio di lusso più redditizio di Francia. In questa stagione la sfilata si è svolta al Musée d'Orsay. Il museo d'arte del XIX secolo, con il suo pianterreno traboccante di statue, ha costituito l'ambiente ideale per Nicolas Ghesquière e il suo stile che mescola le epoche. Altra scelta smart: la maison francese ha potuto riservare l'Orangerie per le prossime stagioni.

Louis Vuitton - Autunno-Inverno 2022 - Womenswear - Parigi - Louis Vuitton


La sfilata si è aperta con proporzioni un po' eccessive: grandi pantaloni larghi, bomber in pelle, camicie militari e una serie di cravatte a fiori color aringa affumicata. Eppure tutto era pieno di nonchalance, e fondamentalmente parigino. Una certa confusione di lì a poco si è potuta notare anche nelle giacche a baschina dagli enormi tentacoli, realizzate in quella che non si può descrivere altrimenti se non lana bouclé à la Chanel.

Detto questo, la collezione nel suo insieme è stata una dimostrazione di moda audace e memorabile. Innovazione principale: l'approccio di Nicolas al volume, di cui riesce ad appropriarsi pienamente. Blazer cocoon da immobiliaristi WASP abbinati a gilet oversize, il tutto impreziosito da risvolti stile Major League di baseball. E un poker di abiti in maglia di lana e lurex, con profonde tasche a toppa, indossati su colli da polo: assoluti must-have.

La collezione celebra ciò che Nicolas Ghesquière ha definito: “l'impermanenza e la sublime volatilità dell'adolescenza”.

La storica casa di moda ha chiuso tutti i suoi negozi in Russia, ma l'atmosfera di questo show era colma di tranquilla sicurezza e lo stilista è rimasto a salutare a lungo in passerella.

Anche la colonna sonora elettronica era frizzante, con Far Away di Julianne Wolf a farla da padrone; scelta eccellente per questa collezione. Perché è stata di gran lunga la più inaspettata della stagione parigina, realizzata da un colosso della moda il cui stilista continua a sperimentare. Ed è precisamente quello che ci si aspetta da lui!

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.