×
1 505
Fashion Jobs
247 SHOWROOM
Regional Account Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Junior Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ELEVENTY WORLD SRL
Retail Operations Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Risorse Umane
Tempo Indeterminato · FIRENZE
FIORELLA RUBINO
Fashion Editor
Tempo Indeterminato · ALBA
SIDLER SA
Collection Merchandising Manager Kids / Fashion Brand / Stabio
Tempo Indeterminato · STABIO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Prodotto & Coordinamento Fornitori
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
Area Manager Outlet Europa - Fashion & Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Sistemi Informativi
Tempo Indeterminato · VIGEVANO
JENNIFER TATTANELLI
Responsabile Ufficio Prodotto
Tempo Indeterminato · FIRENZE
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Shoes Costing Specialist
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · TORINO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · GENOVA
CONFIDENZIALE
Responsabile Vendite Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Responsabile Produzione e Avanzamento Produzione
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Sales Export Manager Usa
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Buyer Pellami, Tessuti e Semilavorati Per Pelletteria
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Categoria Kids
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Director - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
25 mar 2022
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Louis Vuitton condannato per l’utilizzo di una creazione senza autorizzazione

Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
25 mar 2022

Il marchio Louis Vuitton Malletier del gruppo del lusso LVMH è stato condannato a metà marzo a risarcire oltre 800.000 euro a una designer per aver utilizzato una fibbia di sua creazione senza la sua autorizzazione.

La fibbia incriminata "LV tournant" - Louis Vuitton


Il caso è iniziato nel 1987, secondo la sentenza della Corte d'Appello di Parigi consultata dall'agenzia di stampa francese AFP, che conferma le informazioni in possesso di Le Canard Enchaîné. Jocelyne Imbert, designer indipendente, firma un contratto con Louis Vuitton Malletier (LVM) per una fibbia di chiusura della sua creazione “LV tournant” e una linea di borse.
 
Nel 1992, Louis Vuitton Malletier acquista i diritti sulla linea di borse e la fibbia. Per quest’ultima, nel contratto si aggiunge una condizione: se una nuova gamma di borse utilizza il fermaglio-fibbia di chiusura “LV tournant”, la designer riceve una somma forfettaria di 517.689 franchi.

Nel 2014, Jocelyne Imbert scopre che la sua fibbia di chiusura veniva utilizzata sulla gamma di borse “Twist” senza che LVM l'avesse informata. Il suo legale chiede allora la somma di 111.575 euro, equivalenti ai 517.689 franchi del contratto “aumentati della svalutazione monetaria”.
 
LVM invia un assegno di 79.853 euro che la stilista rifiuta, soprattutto perché ha notato che il marchio utilizza la chiusura anche sulla gamma di borse “Go” e su vari portafogli, mentre l'accordo ne prevedeva l’utilizzo solo sulle borse.
 
Nel marzo 2017 cita in giudizio LVM per contraffazione e scopre che la sua creazione “LV tournant” viene utilizzata anche su diversi bracciali, calzature, cinture, portachiavi. Tra luglio 2010 e il primo trimestre del 2017, le vendite di questi prodotti hanno rappresentato un fatturato di quasi 3,5 miliardi di euro tasse escluse.
 
Jocelyne Imbert, che in primo grado vede respinte le sue richieste, presenta ricorso.
 
E arriviamo al 13 marzo di quest’anno, in cui la Corte d'Appello di Parigi condanna Louis Vuitton Malletier a versare “700.000 euro di danni per l'uso non autorizzato della “LV tournant” su diversi portafogli, bracciali, scarpe, cinture e portachiavi” e a pagare altri 133.088 euro tasse escluse “in applicazione del contratto” del 1992, per il suo utilizzo sulle borse “Twist” e “Go”.
 
Contattata dall'AFP, Louis Vuitton “contesta fermamente i fatti addebitatigli da alcuni”. “La maison ha sempre rispettato le clausole del contratto che la vincolano ad un’artista che ha disegnato una fibbia come riconosciuto dal tribunale di Parigi e come testimonia il rigetto di numerose richieste di quest'ultima da parte della Corte d'Appello”, assicura Louis Vuitton, che conferma che impugnerà la sentenza per ricorrere in Cassazione.
 
Louis Vuitton è il marchio di punta del gruppo francese LVMH, leader mondiale del lusso, che ha generato 64,2 miliardi di euro di vendite nel 2021.

Copyright © 2022 AFP. Tutti i diritti riservati.