Lombardia culla del sistema moda nazionale

La Lombardia si conferma culla del sistema moda italiano con 34.000 imprese attive nel settore (su 224.000 nazionali) che occupano ben 192.000 degli 846.000 addetti operativi nella Penisola, dalla produzione tessile alla vendita di abbigliamento. Completano il podio Campania e Toscana con, rispettivamente, 32 mila e 28 mila imprese; mentre a livello provinciale svetta Napoli con 21 mila (+0,5% in un anno), seguita da Roma con 15 mila e Milano con 13 mila. Vengono poi Firenze, Prato, Bari e Torino.

Facebook/Canali

Numeri da capogiro quelli del fashion milanese che impiega 91 mila addetti e genera un giro d’affari di 20 miliardi di euro l’anno. Sul dato nazionale, la città della Madonnina pesa per il 6% in termini di imprese, per l’11% in termini di addetti e oltre il 20% come ricavi.
 
L’export lombardo di moda nel mondo ha sfiorato i 10 miliardi di euro nei primi nove mesi del 2018, +3,6% rispetto all’anno precedente; una crescita superiore a quella italiana (+2,3%) che rappresenta un quarto del totale nazionale (39 miliardi di euro). 
 
È Milano a guidare le esportazioni regionali con un valore di 5,2 miliardi nei primi nove mesi, +6,4% rispetto allo scorso anno.
 
Il primo mercato di sbocco regionale sono gli Stati Uniti diventano con 979 milioni, +11,2%; sguiti da Francia con 911 milioni di euro, Hong Kong con 818 milioni, Cina con 713 milioni (+13,6%) e Germania con 652 milioni. 
 
Significativo l’incremento dei flussi verso Austria (+21,9%), Croazia (+21,4%), Canada (+17,3%), Emirati Arabi Uniti (+16,7%) e Giappone (+14,1%). 

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - Prêt à porter TessileLusso - AltroIndustry
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER