×
1 314
Fashion Jobs
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Customer Service Estero- Settore Design
Tempo Indeterminato · MONZA
ELISABETTA FRANCHI
Digital Marketing Manager
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
FOURCORNERS
Area Manager - Centro Italia
Tempo Indeterminato · ROMA
FOURCORNERS
Direttore Commerciale ww Borse
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
THE ROW
Women's And Men's Footwear Technician
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MALIPARMI
Responsabile Ufficio Tecnico
Tempo Indeterminato · ALBIGNASEGO
Di
APCOM
Pubblicato il
9 nov 2011
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Lo shopping francese in Italia, dal lusso ai latticini

Di
APCOM
Pubblicato il
9 nov 2011

Il passaggio della griffe italiana di prêt-à-porter maschile Brioni ai francesi di PPR, la holding fondata dall'imprenditore del lusso François-Henri Pinault, è solo l'ultimo tassello di una storia ormai lunga. Lo shopping francese in Italia spazia dall'industria alla finanza, passando per la grande distribuzione.

PPR, Brioni
Pubblicità Brioni

Nell'industria, il gruppo Parmalat è passato sotto il controllo dei francesi di Lactalis, che hanno acquisito a luglio 2011 l'83,3% del capitale con un'Opa. Lactalis è diventato così il leader mondiale dei latticini con un giro d'affari di 14,7 miliardi di euro.

Nel lusso, Bulgari, lo storico marchio di gioielleria di alta gamma italiana, è stato venduto nel marzo 2011 alla francese LVMH di Bernard Arnault con uno scambio azionario e un'Opa totalitaria obbligatoria. La società della famiglia di Bernard Arnault è divenuta proprietaria del 100% di Bulgari.

Nei servizi, Alitalia: i francesi di Air France hanno una quota del 25% nel capitale della compagnia italiana. È previsto che nel 2013 i soci italiani raccolti in Cai possano vendere le loro quote ai soci transalpini, con la scadenza dell'obbligo a tenere le azioni.

E ancora Edison: dopo mesi di lunghe trattative, a inizio novembre i francesi di Edf hanno ottenuto di poter acquisire gradatamente il controllo totale di Edison attraverso complessi accordi con i soci italiani di Edison raccolti in Delmi e guidati dalle utility A2A e Iren.

Infine NTV: i francesi sono presenti nel capitale della Nuovo Trasporto Viaggiatori, la società di treni ad alta velocità lanciata da Luca di Montezemolo, Diego della Valle e Gianni Punzo. La francese SNCF Voyages Développement ha una quota del 20%.

Per le banche, BNL: i francesi di Bnp-Paribas hanno preso il controllo del 100% della Banca nazionale del lavoro nel 2006, dopo il fallimento dell'operazione di acquisto da parte di Unipol. Il 3 febbraio 2006, Bnp-Paribas ha acquistato il 48% di Bnl da Unipol e ha successivamente lanciato un'Opa sul totale del capitale azionario. Anche il Banco de Bilbão ha poi conferito le azioni in suo possesso.

Poi Cariparma, dove il gruppo francese Crédit Agricole è entrato nel capitale nel 2007. L'istituto italiano è diventato poi al 100% di Crédit Agricole in seguito al perfezionamento degli accordi con Intesa-Sanpaolo.

E infine Mediobanca, dove i francesi hanno anche una presenza incisiva nell'azionariato di Piazzetta Cuccia e nel suo patto di sindacato. Il finanziere Vincent Bolloré possiede oltre il 5% del capitale, con la possibilità di salire al 6%, e fa parte del gruppo C degli investitori esteri insieme a Groupama Holding, che detiene il 4,92%.

Nella grande distribuzione, GS: lo storico marchio italiano, dopo circa 50 anni di attività, nel 2000 viene acquisito dalla Carrefour, secondo gruppo mondiale della grande distribuzione.

Senza dimenticare la Rinascente, di cui il gruppo Auchan acquisisce nel 2004 la piena titolarità delle attività alimentari, organizzate nelle due società Auchan SpA (ipermercati) e Sma SpA (supermercati).

Fonte: APCOM