×
1 854
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · COMO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Showroom Manager Arredamento Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
Sales Area Manager, Emerging Markets - Luxury Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
AZIENDA DI CALZATURE
Application Specialist
Tempo Indeterminato · SAN MAURO PASCOLI
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Website Analytics Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
DIESEL
Europe Head of E-Commerce
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Concessions
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
District Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Area Manager Nord Italia
Tempo Indeterminato · ITALIA
FORPEN
Fisso
Tempo Indeterminato · SAONARA
THUN SPA
Analytics Junior Consultant
Tempo Indeterminato · MANTOVA
THUN SPA
Analytics Senior Consultant
Tempo Indeterminato · MANTOVA
CONFIDENZIALE
Area Manager - Est Europa
Tempo Indeterminato · MILANO
SWAROVSKI
Allocator Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
DOPPELGANGER
Addetto Tesoreria
Tempo Indeterminato · ROMA
HUGO BOSS
Retail Operations Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
STIÙ SHOES
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · COMO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Operations Specialist Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NYKY SRL
E-Commerce Content Creator Specialist
Tempo Indeterminato · SILEA
Pubblicità
Pubblicato il
1 apr 2022
Tempo di lettura
4 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Linclalor vede salire del 30% il fatturato e si gode il successo di Bisbigli

Pubblicato il
1 apr 2022

Ottimi risultati economici e distributivi nello scorso esercizio per i marchi del gruppo Linclalor S.p.A., di Villanova Monferrato (AL), soprattutto grazie al successo nel retail del brand Bisbigli, che ha registrato dati persino superiori alle cifre pre-pandemiche del 2019.

L'easywear di Bee Cool by Bisbigli


Nel 2021, il gruppo piemontese di pigiameria, intimo e beachwear ha chiuso l’esercizio a 15,5 milioni di euro, salendo dunque di oltre il 30% rispetto ai circa 12 milioni di euro ottenuti a fine 2020.
 
Il comparto al dettaglio, con Bisbigli e le sue sotto-etichette, è addirittura raddoppiato nel 2021, grazie a una base comparativa naturalmente molto favorevole causa il 2020 colpito in pieno dalla crisi pandemica. Rispetto al 2019 il giro d’affari di Bisbigli è comunque salito quasi del 30%.

“A livello di gruppo non siamo ancora tornati ai livelli pre-pandemici, ma non avevamo neanche previsto di ritornarci”, spiega a FashionNetwork.com Lorenzo Giambruno, presidente e direttore commerciale di Linclalor S.p.A. “Nel 1° semestre del nuovo esercizio, le linee Primavera-Estate 2022 sono andate molto bene e quindi abbiamo già registrato una crescita di fatturato. Nel 2° semestre, l’Autunno-Inverno 2022, che stiamo vendendo in questo momento, si sta comportando altrettanto bene, soprattutto visto e considerato l’aumento dei prezzi causato dalla recente crisi dei costi di materie prime e trasporti. Avremo una marginalità un po’ inferiore quest’anno, a causa dell’incremento di questi costi vivi per noi, che abbiamo scelto di non scaricare totalmente sui prezzi finali ai clienti”, aggiunge Giambruno, che prevede comunque una bella crescita in doppia cifra per il suo gruppo a fine 2022.
 
Il gruppo possiede il marchio Linclalor, destinato alla grande distribuzione all’ingrosso per l’uomo, mentre nel settore della vendita al dettaglio possiede in particolare il brand Bisbigli, con le sue proposte di lingerie, pigiami e abbigliamento donna, seguito dalle etichette Bee Cool by Bisbigli, l’ultima nata, che è la linea di pigiameria con articoli più freschi e giovani, Bee Cool Travel, che è la parte di tute, homewear e smartwear, e B.man, l’etichetta per l’uomo. In estate il brand Bisbigli, oltre alla pigiameria, offre il beachwear e gli abiti da mare, per un totale di circa 300 referenze.

Roberto Deandrea impegnato all'ultima edizione della fiera fiorentina Immagine Italia & Co. - Giuseppe Martorana


“La volontà è di coprire il mercato a 360 gradi, che per il mondo retail parte dai prodotti pù raffinati a marchio Bisbigli, gestito anche con articoli funzionali fino alla taglia 58, creazioni dal gusto che non deve essere per forza agé. Vorremmo sdoganare l’idea che un prodotto classico debba per forza essere indossato da una donna molto avanti con gli anni, ma anche il fatto che un pigiama dal gusto giovane debba andare per forza alla ragazzina”, s’inserisce Roberto Deandrea, responsabile vendite di Bisbigli. “Anche nel segmento degli accessori (come le pantofole), una decina al momento, cerchiamo di essere il più completi possibile, per cercar di far vivere al meglio la casa a chi acquista i nostri prodotti, visto poi che il nostro core business rimane la pigiameria”.
 
Linclalor vende Bisbigli e Bee Cool by Bisbigli complessivamente in circa 600 punti vendita di medio-alta gamma, aumentati del 30% rispetto a due anni fa, mentre Bee Cool Travel e B.man sono distribuiti in un 30% di indirizzi in meno, “perché sono le collezioni nate più di recente: la Travel, con le sue 37 proposte, è attiva da due sole stagioni, la linea maschile invece esisteva già, ma con un catalogo davvero poco esteso, mentre ora l’abbiamo arricchita fino a una sessantina di referenze”, puntualizza Deandrea.
 
Il marchio Linclalor è invece distribuito in 652 negozi in Italia, primo sbocco con l’80% del volume d’affari. Ma Linclalor e Bisbigli sono distribuiti anche all’estero - che genera il restante 20% - in altre 25 nazioni sparse tra Europa, America e Asia, “con Spagna e Francia mercati internazionali principali, che presidiamo con nostre reti vendita e 300 clienti circa per Paese”, continua Lorenzo Giambruno. “Mentre in Italia i due brand hanno reti vendita distinte l’uno dall’altro (è raro da noi che vi sia sovrapposizione di clientela fra ingrosso e dettaglio), all’estero la distribuzione è più omogenea; infatti in Spagna e Francia i clienti partner locali di Linclalor comprano i nostri brand trasversalmente. In altre nazioni (Portogallo, Grecia, Turchia, Polonia, Canada e Libano) lavoriamo attraverso distributori locali, poi ci sono altri stati in cui abbiamo clienti singoli o lavoriamo con grandi magazzini, come Palacio del Hierro in Messico. Quindi la cifra di 1.200 negozi fra Italia, Spagna e Francia diventa molto più alta se consideriamo in quanti punti vendita ci distribuiscono questi partner che abbiamo in loco”.

Una proposta della label Bee Cool Travel by Bisbigli


Linclalor non possiede ancora un e-shop diretto. “In questo momento stiamo valutando come poter incrementare l’aspetto della vendita online come canale B2B, ma un nostro e-commerce diretto è allo studio”, chiosa il presidente del gruppo piemontese.
 
Il gruppo Linclalor opera, oltre che dalla sede nel Monferrato, attraverso altre 3 società: LCL Romania, centro produttivo di tutte le linee e piattaforma logistica per i prodotti finiti, e LCL France e GLG Fashion, che si occupano della distribuzione commerciale di tutte le linee di prodotto rispettivamente sul mercato francese e quello spagnolo. La produzione è dunque totalmente rumena, con una decina di referenze di coral (materiale di produzione tipicamente cinese simile alla ciniglia, che però è fatta col cotone, mentre il coral è totalmente sintetico, ndr.), “con la sua mano calda, che in questo momento è molto richiesto dal mercato, soprattutto negli articoli più giovani e nella vestaglieria. Tutta la creazione, lo sviluppo, lo sdifettamento e la modellistica del gruppo Linclalor vengono comunque fatte in Italia”, conclude Roberto Deandrea.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.