×
1 383
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Customer Service Estero- Settore Design
Tempo Indeterminato · MONZA
ELISABETTA FRANCHI
Digital Marketing Manager
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
Pubblicato il
28 lug 2014
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Liberato da Hermès, Christophe Lemaire punta sul suo nome

Pubblicato il
28 lug 2014

Christophe Lemaire ha annunciato lunedì scorso che avrebbe lasciato la direzione creativa della Donna di Hermès per concentrarsi sulla sua linea personale. Il marchio in evoluzione dello stilista francese, che realizza womenswear e menswear, da due stagioni cresce di oltre il 40% in termini di vendite. Un record per la griffe, la cui nascita risale al 1991, che si spiega in parte con l'arrivo in società di un “Business Developer”, Bastien Daguzan, formatosi in diritto e in management di aziende creative all’IFM.

Chrisrtophe Lemaire al termine della sua ultima sfilata maschile (Foto: Pixel Formula)


Dopo aver iscritto Christophe Lemaire nel calendario ufficiale dell'Uomo in questa stagione per veicolare un messaggio preciso e all'altezza delle sue ambizioni, Bastien Daguzan, assunto lo scorso ottobre per strutturare la nuova “ossatura” della società, è stato promosso amministratore delegato da Christophe Lemaire.

Quest'ultimo, per mancanza di tempo e senza dubbio anche di mezzi, ricopriva in precedenza il doppio ruolo di direttore creativo e titolare della sua azienda di moda. Un mix di incarichi “che può rivelarsi pericoloso, sia per la salute del business aziendale che dal punto di vista creativo”, afferma Bastien Daguzan, che si è fatto le ossa dal belga Kris Van Assche per 5 anni, prima di collaborare con il designer parigino.

La prima tappa del suo business plan è consistita nello spostare lo studio e gli uffici della maison, precedentemente suddivisi tra il XX arrondissement per la creazione e sopra il negozio di rue de Poitou per gli uffici, “per facilitare la coesione del team nel suo insieme”, adesso collocato in rue du Temple nell'Haut Marais.

In seguito, il nuovo PDG si è occupato della base, la produzione. “Abbiamo avuto la possibilità di accogliere un partner industriale, ECCE, per la produzione delle collezioni”, precisa Bastien Daguzan, che aveva già potuto rendersi conto delle capacità del gruppo francese durante il periodo trascorso da Kris Van Assche.

Una volta interamente artigianale e creato nell'ex atelier dello stilista a Parigi, il prodotto Christophe Lemaire si esprime adesso in tre gamme distinte, disciplinate nell'ambito di un programma sartoriale (abiti), una asse creativo più singolare e infine un guardaroba composto da capi fondamentali che permettono al cliente “di entrare nel brand” senza per questo rovinarsi. Anche in questo caso, l'emergere di una concorrenza più economica, nordica o francese, lascia poca scelta agli indipendenti: “Dobbiamo mantenere una certa accessibilità se si vuole conservare un ruolo di rilievo”, sottolinea Bastien Daguzan.

Un modello per uomo, primavera-estate 2015 (Foto: Pixel Formula)


Infine, sul versante del menswear, è il momento di "istituzionalizzare il brand”, racconta Bastien Daguzan, “e di posizionarlo nel suo ambiente concorrenziale”. A cominciare da una presentazione ufficiale della collezione Uomo primavera-estate 2015, quando invece il menswear della griffe era precedentemente presentato alla stampa e ai buyer da Christophe Lemaire stesso, nell’intimità di uno showroom e senza fotografi.

Dopo lo show Uomo per la primavera-estate 2015 accolto lo scorso giugno a Parigi, la stagione orchestrata dal nuovo direttore generale, arrivato inizialmente con una missione commerciale, è stata ancor più convincente, attraendo i leader del mercato, come il canadese Ssense o l'italiano Luisa Via Roma. Per la Donna, la scorsa stagione erano stati Net-A-Porter, Matches e i Printemps ad abboccare all'amo.

Ora completamente verticalizzata, la nuova struttura aziendale del brand consentirà a Christophe Lemaire “di affrontare le realtà del mercato”, puntualizza Bastien Daguzan, che si è anche dedicato ad ammodernare completamente il sistema informatico con il passaggio alla nuova sede, per “facilitare il dialogo tra ogni elemento della catena, dallo studio fino ai clienti, passando per i fornitori”.

Ci saranno presto delle nuove aperture di monomarca? “E' il seguito logico”, ammette Bastien Daguzan, “ma per ora si tratta di consolidare i nostri successi mostrandoci all'altezza delle esigenze dei nostri clienti”.

Prossima tappa per il brand, che impiega dodici dipendenti a tempo pieno: la prima pre-collezione Donna per l'autunno 2015. Il womenswear di Christophe Lemaire, che vale il 60% delle vendite, è assicurato dalla coppia formata dallo stilista e dalla sua compagna, Sarah Linh Tran.

Florent Gilles (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.