×
1 131
Fashion Jobs
IRIDE GROUP SRL
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
FOURCORNERS
Brand Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Events Project Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
CAPRI SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
OTTICA GIULIANELLI
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · FERRARA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Area Manager Estero - Settore Accessori
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Online Brand Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THE THIN LINE LANZAROTE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · TÍAS
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VERSACE
Wholesale Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Sviluppo Collezioni Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Head of Marketing (Rif. Mkt)
Tempo Indeterminato · MILANO
FORPEN
Buyer Abbigliamento
Tempo Indeterminato · SAONARA
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
CONFIDENZIALE
Talent Acquisition & Employer Branding Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
ADECCO S.P.A
Responsabile Qualità
Tempo Indeterminato · SIENA
Di
Reuters
Pubblicato il
8 dic 2015
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Le aziende hanno difficoltà nel promuovere i comportamenti eco-sostenibili

Di
Reuters
Pubblicato il
8 dic 2015

Che si tratti di mangiare verdure o frutti non gradevoli alla vista, di lavare i vestiti in acqua fredda, di guidare più lentamente oppure di riciclare il più possibile, sembra piuttosto difficile convincere i consumatori ad adottare comportamenti più rispettosi dell'ambiente.

H&M Conscious Exclusive 2016


Mentre i funzionari dei governi del mondo in questo momento stanno trattando a Parigi allo scopo di trovare un accordo per ridurre le emissioni di gas a effetto serra, le aziende devono affrontare la pressione crescente per quantificare e calcolare con precisione l'insieme delle loro emissioni, dalla fabbricazione dei prodotti fino al loro confezionamento e smaltimento.

Sono molte le società che hanno annunciato la loro conversione alle energie rinnovabili, o che hanno dichiarato di selezionare materie prime provenienti da allevamenti o foreste gestiti in modo sostenibile; eppure, sono altrettanto numerosi coloro che affermano che spetti in primo luogo ai consumatori il fatto di modificare il proprio comportamento.

E in effetti, cambiare le proprie abitudini sembra un compito molto difficile. Le vendite di auto elettriche faticano a decollare, le famiglie continuano a lavare i loro vestiti in acqua calda e ogni anno migliaia di tonnellate di cibo e vestiti finiscono ancora in discarica...

Secondo uno studio di Unilever, i consumatori sono responsabili del 70% delle emissioni di gas a effetto serra, contro solamente il 21% delle materie prime utilizzate per fabbricare i prodotti dei brand.

"E' molto più facile cambiare il comportamento d'acquisto dei clienti in favore di prodotti sostenibili, che di cambiare il loro modo di utilizzare questi prodotti", afferma Sally Uren, direttrice del Forum per il Futuro, un'organizzazione senza scopo di lucro che lavora con i governi e le imprese nel campo dello sviluppo sostenibile.

Tuttavia, Irit Tamir, responsabile legale di Oxfam, mette in guardia contro una possibile tentazione delle aziende, che sarebbe quella di trasferire l'onere dello sviluppo sostenibile sui consumatori: "Abbiamo bisogno anche dell'impegno dei consumatori, ma se noi ci concentriamo troppo su di loro, allora scarichiamo le aziende dalle loro responsabilità".


Chip Bergh, il CEO di Levi's, dichiara da parte sua che non lava quasi mai i suoi jeans, evidenziando il fatto che i consumatori sono mediamente responsabili del 50% del consumo di acqua durante tutto il ciclo di vita di un paio di pantaloni.

Eppure rimane particolarmente difficile far cambiare questi comportamenti.

Se uno studio congiunto di National Geographic e GlobeScan mostra che le persone sono ben consapevoli dell'impatto negativo del riscaldamento globale, lo stesso studio dimostra anche che i comportamenti e le abitudini in settori come quello dell'automobile, dei trasporti, dell'abitare, del cibo e dei beni di largo consumo sono effettivamente peggiorati fra il 2012 e il 2014, che sia in Canada, in Cina, in Germania o negli USA.

Anche se Unilever, il produttore delle saponette Dove, ha l'obiettivo di ridurre del 50% le proprie emissioni entro il 2020, questi ammette però che le sue emissioni globali per cliente sono aumentate del 4% dal 2010, soprattutto perché i consumatori rimangono riluttanti a cambiare le proprie abitudini nel momento in cui si fanno la doccia.

Di fronte a queste difficoltà, gli industriali hanno capito che hanno bisogno di unire le loro risorse e forze per far modificare questi comportamenti. Così, oggi possiamo vedere produttori di detergenti e grandi gruppi di moda allearsi per promuovere il lavaggio dei vestiti a temperature più basse, mentre i principali distributori e i colossi dell'agroalimentare si sono messi d'accordo per ridurre della metà le perdite di cibo pro capite entro il 2020.

Ignacio Gavilan, responsabile dello sviluppo sostenibile all'interno del Forum per il Futuro, conclude così: "Si tratta di fare in modo che [i consumatori] facciano le scelte giuste, ma è più facile a dirsi che a farsi".

Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: Reuters

© Thomson Reuters 2021 All rights reserved.