Le Labo entra nell'orbita di Estée Lauder

Il gruppo statunitense di cosmetici Estée Lauder sta per perfezionare l'acquisto del marchio di profumeria francese Le Labo. L'ammontare economico dell'operazione non è stato rivelato, e l'acquisto dovrebbe essere effettivo dal prossimo novembre.
Il punto vendita Le Labo del quartiere di Saint-Germain-des-Près, a Parigi.

Fondato da due ex L’Oréal, Edouard Roschi e Fabrice Penot, Le Labo ha inaugurato la sua prima boutique nel febbraio del 2006 a New York. Oltre ad essere presente in una selezione di grandi magazzini e di concept store, la griffe, il cui motto è "Nata a Grasse (capitale francese del profumo, ndr.), cresciuta a New York", può contare oggi su una rete di vari punti vendita, che si trovano a Londra, Parigi, Los Angeles, San Francisco, Tokyo e Hong Kong.

Negozi che propongono in particolare candele profumate, linee di prodotti per il corpo e naturalmente profumi. Fragranze dai nomi altisonanti, simili a quelli di formule chimiche: “Rose 31”, “Santal 33” o “Bergamote 22” (vendute a circa 110 euro per la confezione da 50 ml.).

Del resto, è proprio all'interno dei punti vendita Le Labo che si effettua la fase di impostazione alcolica dei profumi (l'incontro degli oli profumati, dell’alcool e dell'acqua) davanti ai clienti, che in seguito possono personalizzarne i flaconi.

"Le Labo è il complemento ideale al nostro portafoglio di marchi di prestigio", spiega Fabrizio Freda, presidente e direttore generale di Estée Lauder Companies, che comprende in particolare i marchi MAC, Bobbi Brown, Jo Malone, Bumble and Bumble e Smashbox.

Sarah Ahssen (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

CosmeticiDistribuzione
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER