×
1 327
Fashion Jobs
THE ATTICO SRL
HR Controller & Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
19 set 2022
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Launer, Twinings, Barbour... I marchi preferiti della regina perdono il suo sigillo

Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
19 set 2022

I tè Fortnum & Mason, gli impermeabili Burberry, ma anche fagioli e cibo per cani: con la morte di Elisabetta II, i 600 marchi preferiti della regina perdono il mandato reale e devono ora attendere l'approvazione del nuovo monarca.

Burberry - Primavera-Estate 2021 - Womenswear - Londra - © PixelFormula


Se non ottengono i favori di Carlo III, avranno due anni per rimuovere il sigillo che li contraddistingue come fornitori regolari della famiglia reale. In qualità di Principe di Galles, Carlo lo aveva già conferito a più di 150 marchi.

Si tratta prima di tutto di una garanzia di qualità: “I beneficiari di un mandato reale ricevono un magnifico documento e il diritto di apporre l'apposito sigillo reale sui loro prodotti”, afferma semplicemente l'associazione dei titolari di Royal Warrants.

Ma per alcune di queste aziende, i loro legami con la regalità costituiscono un argomento commerciale di peso, anche se è difficile misurarne il reale impatto sulle vendite.

Fortnum & Mason, fornitore di tè della famiglia reale, assicura in tutte le sue comunicazioni “di essere orgoglioso di aver detenuto un mandato di Sua Maestà dal 1954 e di averla servita con il resto della famiglia reale per tutta la vita”. Il droghiere di lusso, che afferma che il suo tè “Royal Blend” (“Miscela reale”) è stato creato per re Edoardo nel 1902, non perderà il suo mandato, poiché ne detiene anche uno assegnato dal principe Carlo.

Un altro grande nome del settore dei tè è il marchio Twinings, anch’esso uno dei fornitori della famiglia reale.

Tra gli altri brand che si avvantaggiano dall’essere accostati alla regina c’è l'aperitivo a base di vino Dubonnet, uno dei due ingredienti del suo cocktail preferito, il Dubonnet & Gin, secondo la stampa britannica.

In termini di abbigliamento e accessori, Launer, che vende le borse dalle quali la regina non si separava mai, si vantava di rifornire la sovrana dal 1968 ma ora rischia di perdere il suo prezioso sigillo. Al contrario, le giacche Barbour, particolarmente adatte al clima capriccioso del Regno Unito, sono apprezzate da Carlo III come lo erano da sua madre.

I marchi non pagano alcuna royalty per questo prestigioso mandato, né forniscono la Corona gratuitamente o a tariffe agevolate.

Per chi nell'immaginario collettivo è meno legato alla regina, il mandato è “soprattutto il riconoscimento di un know-how e di una tradizione”, spiega all’agenzia AFP Christian Porta, vicedirettore generale di Pernod Ricard, proprietario di Dubonnet.

La multinazionale francese del vino e dei liquori ha due mandati, per Dubonnet e per lo champagne Mumm (la famiglia reale, davvero ghiotta di champagne, concede il suo sigillo anche a Bollinger, Krug, Lanson, Laurent-Perrier, Louis Roederer, Moet & Chandon e Veuve Clicquot).

Anche diversi marchi di prodotti di largo consumo dispongono del mandato reale, come Heinz, noto per il ketchup e soprattutto per i fagioli bianchi in salsa di pomodoro adorati dai britannici, o una varietà di cibo per cani.

Per i cereali Kellogg's, “è ottimo per un marchio americano come il nostro potersi affermare nel Regno Unito”, spiega Paul Wheeler, responsabile della comunicazione del brand per il Regno Unito. Secondo lui, Kellogg's ha fornito in continuazione la famiglia reale dalla fine del regno di Giorgio VI, il padre di Elisabetta II: “Avevamo un camion dedicato alle consegne per la famiglia reale, che viaggiava dalla nostra fabbrica al palazzo, e che è stato soprannominato Geneviève”, dice.

Adesso i criteri per ottenere il rinnovo del mandato ogni cinque anni si sono inaspriti: “non si tratta più solo di fornire un servizio impeccabile, ma anche di dimostrare di essere una buona azienda”, che osservi in particolare il criterio del rispetto dei diritti umani, ha aggiunto Wheeler.

Di conseguenza, il sigillo reale secondo lui costituisce anche una “garanzia di qualità”, che vari britannici possono utilizzare come elemento in più per scegliere i prodotti che desiderano.

Copyright © 2022 AFP. Tutti i diritti riservati.