×
725
Fashion Jobs
EDAS
Accounting Supervisor
Tempo Indeterminato · ROMA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci_Global Client Services Program Manager
Tempo Indeterminato ·
PAGE PERSONNEL ITALIA
Product Manager Magliera Donna- Luxury- Monza
Tempo Indeterminato ·
MASSIMO ALBA SRL
Responsabile Programmazione Della Produzione
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
Controller
Tempo Indeterminato · MANTOVA
THUN SPA
Indirect Procurement Manager
Tempo Indeterminato · BOLZANO
THUN SPA
Head of Sales & Marketing Logistics
Tempo Indeterminato · MANTOVA
CONFIDENZIALE
Commerciale Estero Donna
Tempo Indeterminato · CARPI
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Bottega Veneta - Corporate Facilities Director
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Coordinatrice/Coordinatore di Campionario
Tempo Indeterminato · CARPI
MAGLIFICIO FERDINANDA SRL
Pianificatore e Controllo Produzione
Tempo Indeterminato · VAZZOLA
MARALD SPA
e - Commerce Manager
Tempo Indeterminato · NOLA
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Bottega Veneta - Corporate Facilities Director
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Retail Customer Manager (m/f)
Tempo Indeterminato ·
HAVAIANAS
Legal Manager
Tempo Indeterminato · MADRID
AXL
Category Buyer Responsabile Facility
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci - Digital Gucci.Com & Concessions General Merchandising Senior Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Junior Retail Stock Planner- Canale Ecommerce
Tempo Indeterminato ·
STEWART
Export Area Manager Europa
Tempo Indeterminato · REGGELLO
CONNECTHUB DIGITAL
Senior Sap Consultant
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO ITALIA SPA
Customer Success Specialist Tedesco Madrelingua
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Sales Director Menswear Department
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
19 feb 2020
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Lanificio Luigi Colombo: target Asia e una rigorosa tracciabilità

Pubblicato il
19 feb 2020

Il Lanificio Luigi Colombo di Borgosesia (VC) ha aumentato rispetto a tre anni fa i suoi negozi di proprietà dedicati al prodotto finito. Ora sono 12 nel mondo, tra Italia (Milano, Porto Cervo, Bergamo, Brescia, Lissone, Romagnano Sesia, e gli outlet store situati nel centro McArthurGlen di Serravalle Scrivia e nella sede di Ghemme) e Corea del Sud (2 a Seoul, 2 a Daegu e 1 a Busan). “I progetti futuri del Lanificio Luigi Colombo saranno principalmente incentrati sull’Asia, area che culturalmente apprezza molto di più il lusso intrinseco, anche se gli Stati Uniti rimangono un mercato molto importante per noi (come l’Italia e tutta l’Europa), nel quale lavoriamo attraverso i department store e vantiamo 4 shop-in-shop da Barneys e Bergdorf Goodman”, riferisce a FashionNetwork.com il CEO del lanificio piemontese, Roberto Colombo, dal 2016 Cavaliere del Lavoro.

Roberto Colombo, CEO del Lanificio Luigi Colombo


Il Lanificio Luigi Colombo rivendica di essere il maggior produttore mondiale di tessuti in cashmere e fibre nobili (come il mohair, le lane finissime o la vigogna), visto che trasforma 500.000 chili di materia prima all’anno. Materiali che sono acquisiti direttamente nei Paesi d’origine Cina, America Latina, Australia e Canada e lavorati secondo una struttura verticale.
 
Il lanificio produce in due stabilimenti, a Borgosesia e a Ghemme (NO), i quali coprono un’area di 30.000 mq, e vanta oltre 300 dipendenti diretti. Più di 200 i suoi clienti nel mondo. L’esercizio 2019 si è chiuso a 88 milioni di fatturato, in leggerissima crescita rispetto al 2018. “Che fu un anno dai risultati importanti”, afferma il CEO. “Anche il 2020 era partito bene, ma ora siamo in attesa, come tutti nell’universo del tessile-abbigliamento, degli effetti di questa ondata del coronavirus, che sicuramente arriverà ad influenzare tutto il settore. Bisognerà capire in quanto tempo si potrà contenere tale epidemia, e quindi tra quanto verranno riaprire i negozi attualmente chiusi. Del resto, bisogna pensare che il 40% del lusso mondiale viene acquistato direttamente in Cina o dai turisti cinesi che viaggiano nel mondo. Comunque, i nostri progetti per incrementare il business in Asia rimangono”.

Oltre alla divisione tessile, alla fine degli anni Ottanta l’azienda ha sviluppato la divisione prodotto finito, con proprie linee di prêt-à-porter, maglieria, accessori e homewear. Il 75% del fatturato è generato dal core business della divisione tessuti, il 25% da quella del prodotto finito.

Fibre nobili tinte in maniera eco-friendly della collezione PE 2021 - Lanificio Luigi Colombo


Negli ultimi anni, il Lanificio Colombo si è orientato ad incrementare la tracciabilità delle sue produzioni, arrivando innanzitutto a sostenere e tutelare il futuro delle comunità di pastori dell’Inner e del Outer Mongolia, un territorio tanto angusto quanto affascinante. Le imprevedibili variazioni climatiche e l’uso, a volte improprio, degli spazi dedicati alla pastorizia, stanno creando delle criticità in quei territori, i luoghi dai quali proviene il cashmere più pregiato al mondo. Il Lanificio Colombo ha allora aderito al progettodell’associazione “Sustainable Fiber Alliance”, per la protezione di quelle terre e dei loro abitanti.
 
“L’alleanza permetterà di ricavare materia prima che dovrà seguire determinate regole di sostenibilità e tracciabilità”, precisa Roberto Colombo, “che vanno dalla gestione dei pascoli, all’utilizzo dei territori con un’attenta valutazione dell’impatto ambientale,alla salvaguardia degli animali, soprattutto nei periodi invernali e nelle ore notturne, ad esempio il come lavare la materia prima o come pettinare gli animali (cosa che i pastori locali sanno fare benissimo da tanto tempo, perché stiamo parlando di una tradizione millenaria nomade)”. Il progetto punta anche a creare reti di sostentamento per le famiglie dei pastori a supporto delle oscillazioni del mercato, e assicurare così ai giovani di quelle regioni un futuro.

Il lanificio aiuta i pastori della Mongolia


Infine, nella nuova collezione Primavera-Estate 2021 il Lanificio Colombo ha presentato la novità delle tinture naturali delle fibre nobili. Le nuove colorazioni di natura vegetale trasferiscono, alle lane e alle sete GOTS (Global Organic Textile Standard) la certificazione che attesta le materie prime organiche ottenute da cicli di produzione bio, e al puro cashmere toni di colore unici ed esclusivi, nell’ambito dell’altro progetto di sostenibilità “WEareBIO”.

Copyright © 2020 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.