×
1 335
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Customer Service Estero- Settore Design
Tempo Indeterminato · MONZA
ELISABETTA FRANCHI
Digital Marketing Manager
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
FOURCORNERS
Area Manager - Centro Italia
Tempo Indeterminato · ROMA
Di
Ansa
Pubblicato il
14 gen 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

La Perla: accordo al Ministero, cassa integrazione straordinaria fino a ottobre

Di
Ansa
Pubblicato il
14 gen 2020

Dopo le proteste dell'estate scorsa e gli incontri per fermare una procedura di mobilità avviata dall'azienda, per i dipendenti di La Perla, storico marchio bolognese di lingerie d'alta gamma, si tira un sospiro di sollievo ancora per qualche mese. Al Ministero del Lavoro è stato raggiunto l'accordo per la prosecuzione del trattamento di Cassa integrazione straordinaria fino al 31 ottobre 2020. L'ammortizzatore sociale, fa sapere il Ministero, è stato rinnovato "senza soluzione di continuità, fino a concorrenza dei 12 mesi concedibili".

@laperla


L'accordo riguarda complessivamente 65 dipendenti di Bologna: 58 per La Perla Manufacturing Srl, operativi nelle linee uomo e ready to wear, e 7 per La Perla Global Management UK Limited, impegnati soltanto nel ready to wear.

In considerazione della cessazione di attività, i lavoratori saranno sospesi a zero ore senza rotazione, come stabilito dal precedente tavolo. Oltre al prolungamento degli ammortizzatori sociali sono altresì confermati gli impegni assunti a fine ottobre scorso dall'Agenzia regionale per il lavoro dell'Emilia-Romagna con misure di politiche attive legate all'attivazione dell'ammortizzatore sociale.

Tirano dunque un sospiro di sollievo i lavoratori ma la parola fine alla vertenza la metterà soltanto il rilancio del brand. Un tassello in questo senso è stato messo a settembre scorso, con lo sbarco del marchio in Borsa a Parigi. La quotazione, nelle intenzioni del CEO Pascal Perrier, dovrebbe per l'appunto aumentare la visibilità di La Perla e migliorare l'accesso al capitale per il rilancio.

Quella degli ultimi anni è stata infatti una storia travagliata per la società fondata a Bologna nel 1954 da Ada Masotti, finita pure in asta giudiziaria nel giugno 2013. In quella occasione ad aggiudicarsela era stata Sms Finance, Holding del fondatore di Fastweb, Silvio Scaglia. Nel 2018 però la società è passata di mano e ora è controllata dalla Tennor Holding del controverso finanziere tedesco Lars Windhorst.

Le difficoltà sono pesate soprattutto sui dipendenti. A giugno scorso era stata aperta una procedura di mobilità per 126 lavoratori su 500 nello stabilimento di Bologna, dove resta concentrata la produzione. Procedura poi sospesa ad agosto e superata a ottobre con l'apertura della Cassa integrazione guadagni straordinaria e degli incentivi all'esodo. In questo anno di prolungamento, oltre il quale non sarà più consentito ricorrere ad ammortizzatori, il rilancio diventa priorità ineludibile.

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.