×
1 319
Fashion Jobs
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Italia Wholesale – Responsabile Showroom
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Head of Advertising And Digital Production
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Administration And Accounting Manager / Luxury Brand / Mendrisiotto
Tempo Indeterminato · COMO
Di
Reuters
Pubblicato il
2 apr 2013
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

La pelle, nuova sfida strategica nel settore del lusso

Di
Reuters
Pubblicato il
2 apr 2013

Dopo i componenti degli orologi, ora ai gruppi del lusso interessa la pelle di prima qualità nella corsa ad assicurarsi forniture più comode e garantite. Il boom delle vendite di borse di lusso nel mondo provoca delle tensioni sulla domanda di pelle di grande qualità.

Borsa "Garden Party" di Hermès


Comprando i loro fornitori, a volte totalmente, i marchi si assicurano forniture prioritarie di bellissime pelli, apprezzate per la loro rarità (le pelli esotiche), per la finezza della loro grana o per la loro assenza di difetti (le pelli di vitello o di agnello).

Kering-PPR (Gucci, Bottega Veneta, Saint Laurent), già proprietario della maggioranza del capitale dell'italiana Caravel, ha annunciato l'acquisizione di una quota di maggioranza nella società France Croco, una delle principali pelletterie francesi specializzate nel trattamento delle pelli di coccodrillo.

All'inizio dell'anno, Hermès, già autosufficiente nei pellami esotici con quattro siti controllati, in Francia, negli Stati Uniti e in Italia, ne ha aggiunto un altro comprando la pelletteria dell'Ardèche di Annonay, una delle sue fornitrici storiche di pelli di vitello di alta gamma.

LVMH (Louis Vuitton, Fendi, Céline) ha acquistato nella primavera 2012 le concerie Roux, nella regione della Drôme, specializzate in pelle di vitello. A fine 2011, il gruppo aveva già acquisito una partecipazione maggioritaria nella società di Singapore Heng Long International, una delle più grandi concerie di pelli di coccodrillo del mondo, all'epoca valutata 92 milioni di euro.

“I pellami, esotici o meno, sono diventati preziosi come i componenti degli orologi”, rileva Marc Willaume, analista di Raymond James. E la tendenza potrebbe non fermarsi qua, spostandosi però verso il cuoio più tradizionale.

"Andremo dove sarà necessario andare per assicurare l'unicità dei nostri oggetti", ha sottolineato Patrick Thomas, responsabile della direzione di Hermès, in occasione della presentazione dei risultati annuali del sellaio. Il tasso di auto-approvvigionamento di Hermès in pelli bovine, oggi inferiore al 10%, crescerà sensibilmente grazie alla sua ultima acquisizione.

La pelletteria di lusso utilizza pelle senza difetti, graffi o macchie. In Francia in particolare sono le pelli più lisce ad essere ricercate, mentre altrove alcuni difetti abbastanza spesso sono apprezzati per l'aspetto più autentico e naturale che garantiscono.

Tra una domanda sempre più crescente e il calo del consumo di carne (che determina le quantità di pelli ricavate), crescono quindi le pressioni sull'offerta e i prezzi salgono. Secondo Patrick Thomas, l'incremento va dal 4% al 6% all'anno sulle pelli di fascia alta, escludendo gli effetti valutari che incidono sulle pelli esotiche importate.

Quindi, secondo il Centro Nazionale del Cuoio, sarebbe possibile portare dall'odierno meno del 10% a circa il 30% la percentuale di pelli di qualità superiore nel totale della produzione di pelle di vitello.

Per arrivare a queste percentuali bisognerebbe rendere obbligatoria la vaccinazione degli animali contro la tigna, diffondere le pratiche migliori in materia di allevamento e prendere le precauzioni necessarie durante il trasporto e lo scuoiamento degli animali. Oggi circa il 76% delle pelli grezze francesi viene esportato, principalmente verso l'Italia, che conta per il 70% sul valore esportato.

La Francia, che possiede 20 concerie (trattamento delle pelli bovine) e 27 industrie conciarie del cuoio (per ovini e pelli esotiche), rivendica una posizione di leadership nel trattamento delle pelli di vitello e in quello dei pellami preziosi (coccodrillo, alligatore, lucertola, serpente, struzzo), le più apprezzate dal settore del lusso.

Il fatturato combinato di questa filiera, che dà lavoro a 1.500 persone in Francia, è cresciuto del 29% nel 2011, per raggiungere i 363 milioni di euro.

Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: Reuters

© Thomson Reuters 2022 All rights reserved.

Tags :
Altro
Business