La nuova decostruzione di Giorgio Armani

Giorgio Armani è tornato nel suo storico quartier generale di Palazzo Orsini nel centro di Milano per l’ultimo défilé della collezione che porta il suo nome e l’evento si è trasformato in un vero trionfo.

Guarda la sfilata
Giorgio Armani - Primavera-Estate 2020 - Menswear - Milano - © PixelFormula

Armani spesso viene a salutare con modestia al termine della sfilata, ma lunedì sera, nell’ultimo show dei quattro giorni di Milano Moda Uomo, ha percorso tutto il giro del cortile del palazzo del XVII secolo, come un duca rinascimentale viene salutato dai suoi sudditi per una campagna militare di successo.
 
Una prima fila di fascinose star del cinema si è subito accodata rispettosamente per i complimenti ad Armani. Samuel L. Jackson in un completo grigio pallido; il rubacuori di Game of Thrones Richard Madden in un completo scuro minimalista; e l'Adone italiano Marco Mengoni in uno smoking blu notte, tutti gli hanno reso omaggio.
 
Giustamente, perché questa è stata una collezione notevole, con Armani che ha fatto quello che sa fare meglio – vestiti senza fronzoli, minimalisti e sofisticati che riescono ad essere di classe eppure estremamente informali. Il suo cast ha sfilato in modo vivace attorno al palazzo, sotto gli architravi, i timpani e le lunette del maestoso edificio neoclassico, comprato da Armani nel 1996.
 
Guarda la sfilata
Giorgio Armani - Primavera-Estate 2020 - Menswear - Milano - © PixelFormula

A livello creativo, il designer era di umore giocoso, e ha proposto pantaloni straordinariamente tagliati, stretti alla caviglia e realizzati con fitte stampe patchwork – spesso indossati con giacche slanciate a quattro bottoni. Le spalline imbottite erano praticamente inesistenti in questo show.
 
L’elemento chiave per questa PE 2020 è stato il gilet, abbinato a giacche a doppiopetto di seta, o tagliato a doppiopetto in lino ruggine e indossato senza camicia. Questa collezione co-ed includeva anche una sezione nautica, con giacche gessate in microfibra ideali per una gita su uno yacht. 
 
“Elegante, professionale e molto sexy”, ha sorriso Armani in una riunione nel pre-show all'interno del backstage della sfilata. Armani può passare dall'assolutamente affascinante all’estremamente burbero a velocità di curvatura. In particolare quando gli è stato chiesto perché è tornato nella sua sede storica, all'11 di Via Borgonuovo, e fuori dal suo moderno spazio espositivo in Via Bergognone.
 
“Altri sentono il bisogno di scappare a Taormina o Shanghai per mostrare i loro vestiti! Così la location diventa più importante degli abiti, il che non ha senso per me nel nostro settore della moda. Spendere tonnellate di soldi per aerei, alberghi, limousine”, ha sbuffato Giorgio, in un chiaro riferimento a Dolce & Gabbana e Prada. Anche se lo stilista ha convenientemente dimenticato di aver portato diverse decine di giornalisti e VIP fino a Tokyo il mese scorso per lo show della sua Cruise Collection!

Guarda la sfilata
Giorgio Armani - Primavera-Estate 2020 - Menswear - Milano - © PixelFormula

“Sapete, la gente mi dice che il pubblico si annoia se si usa lo stesso spazio”, dice arricciando il naso e indicando con un cenno delle mani alcuni dei suoi addetti alle comunicazioni. “E quando penso a quanti miliardi ho speso per costruire Via Bergognone!”, ha detto, riferendosi al suo moderno quartier generale nella zona sud di Milano.
 
Perché, ci si chiedeva, non ha mai fatto l’alta moda maschile, come altri marchi milanesi come Ermenegildo Zegna o Dolce?
 
“È vero che c'è stato un grande cambiamento nel modo in cui gli uomini si vestono per la sera, meno papillon, nessuna vera cravatta, persino meno colletti. E molti uomini vogliono un look più elaborato. Ma quella non la chiameremmo mai couture. Abbiamo il bespoke, il fatto su misura per gli uomini, ma non la chiamerei couture. La couture sono le donne!”, ride.

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Lusso - AltroSfilate
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER