×
1 741
Fashion Jobs
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
CAMICISSIMA
Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Wholesale Area Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
EUROPRINT SRL
Export Manager
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
SKECHERS RETAIL SWITZERLAND
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
is&t Finance Specialist
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
Supply Chain Planning Analyst
Tempo Indeterminato · NOVARA
BOGLIOLI S.P.A.
Junior IT Application Manager\Junior IT Data Analyst
Tempo Indeterminato · GAMBARA
RANDSTAD ITALIA
Strategic Policy Manager Categoria Protetta ai Sensi Della lg. 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Rtw Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · NOVARA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
SPADAROMA
E-Commerce
Tempo Indeterminato · NOLA
JIMMY CHOO
Senior Costing And Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile di Produzione- Fashion Luxury Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Ansa
Pubblicato il
11 apr 2019
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

La moda rallenta la sua corsa, perderà 47.000 addetti per pensioni

Di
Ansa
Pubblicato il
11 apr 2019

Il fatturato della moda italiana crescerà nel primo semestre dell'anno solo dell'1,5%, dimezzando la sua corsa rispetto allo stesso periodo del 2018. La stima è di Sistema Moda Italia che, facendo il punto sul preconsuntivo del 2018 e le stime 2019, lancia un allarme: in cinque anni andranno in pensione 47.000 addetti del settore, mentre solo 10.000 neodiplomati usciranno dalle scuole professionali.

Giorgio Armani - A/I 2019 - Womenswear - Milano - © PixelFormula


Un 'buco' che l'introduzione di 'Quota 100' aggraverà, con l'emergenza che potrebbe concretizzarsi in soli 2-3 anni. Il presidente di SMI, Marino Vago, non ha peli sulla lingua: "La questione relativa a 'Quota 100' è stata oggetto di un mio intervento al tavolo con il ministro Di Maio, da cui ho ricevuto una risposta stizzita". La federazione che presiede raggruppa 50.000 aziende di tessile e abbigliamento, parte delle 67.000 imprese di Confindustria Moda. Una realtà che rivendica di essere "un asset strategico che meriterebbe più attenzione", capace di generare nel 2018 oltre 55 dei 96 miliardi di ricavi della moda italiana (che oltre ad abiti e tessuti, comprende anche occhiali, gioielli, calzature e accessori).

Il grido d'allarme di Vago non è nuovo, ma ha maggiore rilievo all'indomani della presentazione del DEF che ha messo nero su bianco una 'crescita' asfittica dello 0,2%. "Che la precedente stima fosse un'utopia l'avevamo detto", spiega Vago, cui però il ruolo della Cassandra sta stretto, perché "non è che ci divertiamo a fare previsioni fosche: se ci ascoltassero, si potrebbero prendere delle iniziative".

Ora, all'orizzonte, si addensano nuvole che si chiamano stagnazione, Brexit e guerra dei dazi. Il settore teme. Se il 2018 si è chiuso con un aumento dei ricavi del +2,1%, il primo semestre dell'anno è partito con una palla al piede. Pure l'export, tradizionalmente il campione della moda, è in affanno col fatturato che dovrebbe crescere dell'1,8%, ma senza lo stesso slancio (+2,6%) mostrato nel gennaio-giugno 2018.

Il 'downsizing' innescato dalle crisi 2005 e 2009 ha fatto sì che il settore, dal 2013, abbia perso oltre 12.000 dipendenti. La moda italiana ha trovato ora un suo equilibrio e le "competenze distintive" sono considerate l'asset preferenziale per agganciare quei 3,7 miliardi di vendite in più che gli analisti di Prometeia credono possibili entro il 2023. A meno che non manchino tintori, tessitori, operai e tecnici. "Abbiamo un Governo che ha un programma che è un non senso”, è critico Vago. “Sono due anime che hanno posizioni che sarebbero inconciliabili. Non so quanto questa cosa possa reggere, ma ne stiamo pagando le conseguenze come Paese". A chi gli fa notare che i Navigator potrebbero trovare gli addetti che servono alla moda risponde, laconico, "speriamo".

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.