×
1 695
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Website Analytics Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Supply Chian & Logistic Operator
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Brand Manager Sneakers
Tempo Indeterminato · COLDRERIO
CI MODA SRL/COMPAGNIA ITALIANA
Resp. Amministrativo
Tempo Indeterminato · GUIDONIA MONTECELIO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager - Sicilia
Tempo Indeterminato · PALERMO
SKECHERS
Supervisor
Tempo Indeterminato · MILAN
TALLY WEIJL
Merchandise Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
ALANUI
Product Back-Office Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Design Consultant, Slgs
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Sportswear Merchandising Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Technical Textile Production Manager – 271.Adv.21
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
HUGO BOSS
Sales Area Manager - Wholesale
Tempo Indeterminato · MILANO
ASCOLI HFD SRL
Impiegato Ufficio Acquisti e Gestione Cliente
Tempo Indeterminato · MILANO
HUGO BOSS
Construction Junior Project Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
NEIL BARRETT
Menswear Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Omnichannel Technology Analyst
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Project Manager
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
MOTIVI
Head of Merchandising
Tempo Indeterminato · ALBA
RUBENS LUCIANO S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · STRA
BLUDUE
Responsabile Prodotto e Produzione
Tempo Indeterminato · NAPOLI
CHABERTON PROFESSIONALS
Global Retail Planner, Fashion Premium Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
P448
Area Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
13 dic 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

La moda italiana punta a un fatturato di 82 miliardi di euro nel 2021

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
13 dic 2021

L'industria della moda italiana vede la luce in fondo al tunnel. Secondo gli ultimi dati pubblicati dalla Camera Nazionale della Moda Italiana (CNMI), il fatturato del settore, comprendente tessuti, abbigliamento, accessori, gioielleria e bellezza, è previsto a 82,85 miliardi di euro nel 2021, con una crescita del 20,5% sul 2020. Tuttavia, esso resta ancora al di sotto del livello del 2019, quando raggiunse i 90,2 miliardi, scendendo del 23,8%. “Abbiamo recuperato sedici miliardi dopo la pandemia, ma ne mancano ancora otto”, ha affermato lunedì il presidente di Camera Moda, Carlo Capasa, durante una conferenza per presentare il programma della Milano Fashion Week di gennaio.

Il presidente di Camera Moda, Carlo Capasa - CNMI


Il mercato italiano, che ha registrato una forte crescita nel primo e nel secondo trimestre (+24% nel semestre), si sta stabilizzando, registrando una marcata decelerazione tra luglio e settembre, poiché l'aumento delle vendite nel terzo trimestre del 2021 è stato solo dell'8,6% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.
 
La stessa tendenza si riflette nelle vendite all’estero, con un boom nel primo semestre e un rallentamento nel terzo trimestre. Comunque, le esportazioni della moda italiana flirtano ancora una volta con il loro livello elevato del periodo pre-pandemia. Quindi nel 2021 l'export dovrebbe aumentare del 21%, a 67,9 miliardi di euro, secondo le previsioni di Camera della Moda. Nel 2019, il dato aveva raggiunto i 71,5 miliardi, per poi scendere del 21,5% l'anno successivo a causa del Covid.

Nei primi nove mesi dell'anno, le esportazioni del Made in Italy sono salite del 15,7% verso i 27 Paesi dell'Unione Europea e del 18,2% nel resto del mondo. In particolare, sono aumentate del 55,2% in Cina, del 31,2% negli Stati Uniti e del 20,6% in Russia.
 
Allo stesso tempo, le importazioni sono diminuite del 2,7%, “soprattutto a causa delle difficoltà logistiche e di approvvigionamento dei Paesi extraeuropei (-13,2%) e in particolare della Cina e dei Paesi dell'Asia orientale (-13,2%), che hanno influito anche sui sourcing dei mercati italiani”, sottolinea lo studio, rilevando che, al contrario, le importazioni dai Paesi europei verso la Penisola sono aumentate del 12,7%.
 
“Per il 2021 le importazioni verso l’Italia sono previste a 34,7 miliardi di euro, contro i 39,2 miliardi del 2019. Si sono quindi ridotte di 5 miliardi di euro, non solo a causa dei problemi di approvvigionamento di materie prime in Asia e nel resto del mondo, ma anche perché sempre più produzioni tessili vengono svolte in Italia”, stima Carlo Capasa. Di conseguenza, solo il saldo positivo della bilancia commerciale, atteso a 33,2 miliardi di euro, dovrebbe raggiungere e superare nel 2021 il livello del 2019, quando arrivò a 32,2 miliardi di euro.
 
“La moda rappresenta il secondo settore industriale d’Italia. Impiega quasi 600.000 persone e altrettante indirettamente attraverso il commercio e il terziario. Quasi tutte le grandi maison internazionali producono le loro collezioni dai nostri artigiani”, ricorda il presidente della Camera della Moda, sottolineando una volta in più il dinamismo e il ruolo svolto dall'industria italiana a livello europeo.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.