×
1 116
Fashion Jobs
CONFIDENZIALE
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Floor Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
RANDSTAD ITALIA
Art Director - Beni di Lusso e Gioielli
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Junior Trademark Attorney
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
E-Commerce Specialist - Settore Fashion &Amp; Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
ESSE-M STUDIO
Plant Quality Manager Settore Tessile
Tempo Indeterminato · COMO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
SPADAROMA
Logistic Manager
Tempo Indeterminato · NOLA
RANDSTAD ITALIA
HR Organization Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
DEDAR
Trade Marketing Manager
Tempo Indeterminato · APPIANO GENTILE
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Health & Safety Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
TAKE OFF
Buying Account Manager (Off-Price Fashion)
Tempo Indeterminato · GEZIRA
CONFIDENZIALE
Amministrazione
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Senior Creative Strategist
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Product Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Ready to Wear Uomo Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Beauty Advisor Sud Italia
Tempo Indeterminato · CATANZARO
CONFIDENTIAL
Sap Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
THE THIN LINE LANZAROTE
Responsabile Marketing
Tempo Indeterminato · TÍAS
CONFIDENTIAL
Impiegato IT/Commerciale
Tempo Indeterminato · NOLA
RANDSTAD ITALIA
Wholesale Manager Estero - Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Di
APCOM
Pubblicato il
28 feb 2013
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

La moda italiana ispira l'uomo russo

Di
APCOM
Pubblicato il
28 feb 2013

L'uomo russo è "sempre più elegante". Parola di Gianni Giordano, sales manager della Angelo Nardelli 1951, impresa leader per la moda uomo presente a Collection Première Moscow, la più importante fiera di abbigliamento e accessori per uomo, donna, bambino e intimo della Federazione Russa. "Questo Paese per noi rappresenta un 30% del mercato".

Una vetrina di Angelo Nardelli 1951


"Abbiamo seminato molto e continuiamo. Per poter arrivare al nostro obiettivo: creare dei monomarca Angelo Nardelli" continua Giordano. "Speriamo di riuscirci, anche grazie alla collaborazione di enti e supporti", come la partnership fra Sistema moda Italia e Intesa Sanpaolo, siglata lo scorso 4 maggio per promuovere l'export del settore.

Il marchio, prodotto e distribuito dalla ITN, è nato nel 1951 e ha preso il nome dal suo fondatore. È sorto e si è sviluppato a Martina Franca in provincia di Taranto (Puglia). "Abbiamo un ufficio di rappresentanza con sede in Germania. Molto strano, ma i russi si spostano molto spesso verso gli show room tedeschi, oppure sul nostro a Milano, in via Tortona".

Mosca è "un mercato in crescita, nell'ordine del 10%. Vediamo che c'è grinta e voglia di fare. È il secondo mercato, dopo la Cina, da lì c'è un progetto con due partner con obiettivi abbastanza ambiziosi", ha aggiunto Giordano che ieri ha preso parte al ricevimento in Ambasciata d'Italia dedicato alla Collection Premiére Moscow.

La produzione di Angelo Nardelli 1951 è invece rigorosamente italiana. "Anche per le materie prime. Produrre in Russia? Non ci è mai balenata l'idea. Abbiamo avuto delle richieste di partnership, con studi o per supporto tecnico, ma non le abbiamo mai prese in considerazione". Quanto invece al nostro mercato, "ahimè, sta attraversando un momento difficile. I clienti storici non ce la fanno più la riduzione delle vendite. E anche l'incertezza politica non aiuta".

L'Italia è comunque il paese che forse ha contribuito maggiormente allo sviluppo del gusto e del senso dell'eleganza in Russia. "L'uomo russo ha migliorato tantissimo il suo stile. Prima non si riusciva a vendere una giacca check (fantasia a quadretti), oggi si può tranquillamente. Anzi il compratore osa anche abbinamenti aggressivi. E soprattutto ha dimenticato il colore nero, che prima impazzava. Ora vogliono il grigio chiaro, o piuttosto il blu, ma chiaro. Il nero a Cpm non è stato comprato. È il segnale che il mercato si sta evolvendo. Con grinta".

Lo scorso anno su Mosca il brand aveva registrato una crescita del 18% e del 13% su San Pietroburgo. D'altronde l'abbigliamento, come del resto anche calzature, pelletteria e accessori italiani sono in posizione leader nei due grandi centri urbani russi (Mosca e S.Pietroburgo), ma anche nelle città medio-grandi della provincia (Novosibirsk, Ekaterinburg, Omsk) le insegne italiane sono le più diffuse ed evidenti.

Alla fiera moscovita, che si chiude domani, partecipano 235 aziende italiane, presenti con 351 marchi, organizzate da EMI, Ente moda Italia promosso da Sistema moda Italia e dal Centro di Firenze per la moda, grazie anche all'accordo siglato lo scorso 4 maggio per promuovere l'export del settore, fra Sistema moda Italia e Intesa Sanpaolo.

Fonte: APCOM