×
1 426
Fashion Jobs
BURBERRY
District Manager Outlets Northern Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIA SRL
Fashion Buyer-Woman Collection
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Hse Specialist / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
RANDSTAD ITALIA
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
MARNI
Account Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Retail Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · ALBA
ADECCO ITALIA SPA
Tecnico/a Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · STRA
CONFIDENZIALE
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce & Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · ROMA
Di
Ansa
Pubblicato il
17 ott 2019
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

La moda italiana a Bruxelles denuncia i danni della contraffazione

Di
Ansa
Pubblicato il
17 ott 2019

"La contraffazione colpisce le aziende e genera fatturato illegalmente, alimentando un giro malavitoso" e per questo "deve essere affrontata a livello nazionale e europeo". Così Claudio Marenzi, presidente di Confindustria Moda a margine dell'evento di presentazione a Bruxelles della pubblicazione "Making IT- Fitting the Future" di Deloitte e Scuola Holden che ha raccolto le esperienze di 25 imprenditori per raccontare l'industria della moda Made in Italy e le sfide del futuro.

ansa


Tra queste sicuramente l'acquisizione di grandi marchi italiani da parte di gruppi esteri. "Non siamo preoccupati perché le acquisizioni di gruppi europei e francesi hanno portato beneficio alle dimensioni aziendali sui territori creando occupazione e innovazione. Bottega Veneta e Gucci non sono andate a produrre in Cina", ha commentato Marenzi ricordando che ciò che può rappresentare un problema per le imprese è piuttosto la delocalizzazione, cioè "quando portano via il nostro know-how". Le conoscenze e le capacità delle maestranze sono infatti un valore aggiunto frutto di anni di lavoro, un fattore fondamentale per il successo delle aziende italiane.

I lavori della conferenza sono stati preceduti da una cena presso l'Ambasciata italiana a Bruxelles organizzata dall'ambasciatrice Elena Basile alla presenza del Senatore a vita ed ex-presidente del Consiglio Mario Monti, il presidente di Confindustria Moda Claudio Marenzi, il presidente di Deloitte Central Mediterranean Gianmario Crescentino, il presidente e CEO di Deloitte Italia Fabio Pompei, gli europarlamentari Irene Tinagli, Simona Bonafè, Massimiliano Salini e il direttore generale della Direzione Connect della Commissione europea Roberto Viola.

Secondo la pubblicazione presentata nel corso di una conferenza svoltasi al Parlamento Europeo, nel 2018 il fatturato dell'intero settore tessile, moda e accessorio (TMA) ha raggiunto i 95,5 miliardi di euro e registrato un saldo della bilancia commerciale positivo per oltre 28 miliardi. Inoltre, in Europa, il comparto moda italiano genera il 34% del valore aggiunto e occupa un quinto dei lavoratori dell'eurozona (22%).

Tra le istanze che Confindustria Moda ha portato all'attenzione della platea internazionale riunitasi per l'occasione, ci sono, oltre alla lotta alla contraffazione, la protezione del Made in Italy e della proprietà intellettuale, nonché la reciprocità. "Importiamo facilmente dalla Cina, mentre l'esportazione verso l'Asia è problematica", ha spiegato Marenzi. Tra le problematiche da affrontare anche i "mass market", mercati di massa, che sfruttano e copiano modelli identici a quelli fatti in Italia producendoli fuori dall'Europa a prezzi stracciati. "Le piccole imprese artigiane”, ha concluso Marenzi, “che hanno tempi di produzione più lunghi vengono derubate della propria originalità".

Copyright © 2023 ANSA. All rights reserved.