×
1 522
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CMP CONSULTING
E-Commerce e Marketplace Specialist
Tempo Indeterminato · SAN GIOVANNI LA PUNTA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Commerciale - Accessori e Minuterie - Settore Moda
Tempo Indeterminato · PADOVA
RETAIL SEARCH SRL
Back Office Commerciale - Customer Service Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Customer Engagement Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci HR Control Project Lead & Analyst
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Operation Manager/Director
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
BOTTEGA VENETA SRL
Bottega Veneta Human Resources Generalist (Creative Talents)
Tempo Indeterminato · MILANO
SETTORE BELLEZZA
CRM Specialist (Sede Origgio)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
RETAIL SEARCH SRL
Direttore Boutique Lusso Firenze
Tempo Indeterminato · FIRENZE
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Learning & Development Specialist
Tempo Indeterminato ·
JIMMY CHOO
Stock Controller
Tempo Indeterminato · SERRAVALLE SCRIVIA
PVH ITALIA SRL
E-Commerce Content Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Wholesale Account Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Facility & IT Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PHILIPP PLEIN
Vip Key Account Manager / Online Sales Associate
Tempo Indeterminato · LUGANO
PHILIPP PLEIN
E-Commerce Coordinator
Tempo Indeterminato · LUGANO
PHILIPP PLEIN
(Junior) Marketplace Manager (Farfetch)
Tempo Indeterminato · LUGANO
PHILIPP PLEIN
(Junior) Marketplace / Multichannel Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato ·
Pubblicato il
23 mar 2020
Tempo di lettura
4 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

La moda fa fronte comune contro l’emergenza coronavirus: le ultime iniziative

Pubblicato il
23 mar 2020

Nelle ultime settimane, numerose aziende, italiane e internazionali, si sono attivate per dare il loro contributo alla lotta contro il coronavirus, attraverso progetti diversificati, che vanno dalle donazioni, alle raccolte fondi, fino alla produzione di mascherine e attrezzature sanitarie. Vediamo le ultime iniziative in ordine di tempo.

Mario Moretti Polegato, Presidente di Geox, ha donato insieme al figlio Enrico (Presidente di Diadora) un milione di euro alla Regione Veneto

 
Sul fronte donazioni, il gruppo Mayhoola, a cui fanno capo i brand Valentino, Balmain e Pal Zileri, supporterà con 1 milione di euro ciascuno due diversi progetti: il primo è la donazione all’Ospedale Sacco di Milano di un nuovo macchinario di ventilazione a pressione negativa, che consentirà all’equipe medica di assistere in sicurezza i pazienti di coronavirus; il secondo milione andrà invece alla Protezione Civile. Mario ed Enrico Moretti Polegato, rispettivamente presidenti di Geox e di Diadora, hanno invece donato un milione di euro a beneficio della Regione Veneto, per contribuire alla gestione dell’emergenza sanitaria dettata dal coronavirus. Dal 23 marzo al 12 aprile, la maison Moschino, insieme al suo partner Triboo Digitale, donerà il 15% di ogni acquisto effettuato sul proprio store online all’Azienda Unità Sanitaria Locale della Romagna e all’Istituto Clinico Humanitas di Milano. Infine, Tessitura Taiana Virgilio ha trovato un metodo originale per contribuire alla lotta contro il coronavirus, coinvolgendo direttamente i propri dipendenti: per ogni euro raccolto da dipendenti e collaboratori, l'azienda ne devolve altri tre. A oggi sono stati raccolti diverse migliaia di euro che andranno devoluti attraverso la Fondazione della Comunità Comasca agli ospedali Sant'Anna e Valduce, per l'acquisto di macchinari e dispositivi medici.
 
Per quanto riguarda il fundraising, Camera Buyer Italia ha avviato il progetto #thebestshopsxthecause, a cui è possibile aderire direttamente dal sito dell’associazione, mirato a raccogliere donazioni che verranno devolute alla ricerca, all’estensione delle terapie intensive e al reperimento di mascherine e materiali per medici, infermieri e operatori sanitari. Da parte sua, lo specialista dei tessuti Eurojersey ha aderito alla raccolta fondi lanciata dall’Unione degli Industriali della Provincia di Varese, finalizzata all’acquisto di ventilatori polmonari e altro materiale sanitario da donare ai reparti di terapia intensiva e subintensiva delle Aziende Socio Sanitarie Territoriali del Varesotto.

Diversificate le iniziative del colosso francese del lusso Kering: dopo le donazioni finanziarie a quattro ospedali italiani in Lombardia, Veneto, Toscana e Lazio e all’Institut Pasteur di Parigi, per sostenere la ricerca contro il Covid-19, il gruppo donerà nei prossimi giorni 3 milioni di mascherine, acquistate e importate dalla Cina, alla sanità francese. Inoltre, gli stabilimenti produttivi di Balenciaga e Yves Saint Laurent, maison del gruppo, inizieranno a produrre mascherine protettive non appena le autorità avranno approvato processi e materiali.

Molti brand del lusso produrranno mascherine e camici medici - Prada

 
Gucci, altro brand del gruppo francese, è tra i grandi nomi che hanno risposto all’appello della Regione Toscana sulla produzione di dispositivi di protezione contro il contagio del coronavirus destinati agli operatori sanitari, insieme a Ermanno Scervino, Salvatore Ferragamo, Fendi, Celine, Serapian, Prada e Valentino. In particolare, Gucci stima di poter donare nelle prossime settimane più di un milione di mascherine e 55.000 tute mediche, mentre Prada ha dichiarato che entro il 6 aprile consegnerà 80.000 camici e 110.000 mascherine. Anche il gigante dal fast fashion H&M sta riorganizzando la sua catena di fornitura per produrre dispositivi di protezione individuale da fornire agli ospedali e agli operatori sanitari; per consegnare il materiale il prima possibile, il gruppo utilizzerà l’intera catena di approvvigionamento, comprese le fasi di acquisto e logistica. Infine, l’insegna spagnola Mango donerà nei prossimi giorni 2 milioni di mascherine a diversi ospedali in Spagna, molti dei quali si trovano in una situazione di carenza di materiale medico.
 
Accanto ai grandi nomi internazionali, anche realtà di dimensioni più contenute non si tirano indietro nella lotta per contrastare la pandemia: il gruppo padovano Plissè, proprietario dei marchi made in Italy Beatrice .b, Sfizio e Smarteez, ha deciso di mettere a disposizione le proprie risorse per la produzione di mascherine e camici da sala operatoria, stimando che già all’inizio della prossima settimana riuscirà a donare circa 15.000 mascherine e 1.000 camici alle ASL di zona, oltre a venderle al prezzo di costo a case di cura per gli anziani e ad aziende locali. Da parte sua, Campo Marzio, storico brand romano specializzato in linee artigianali di pelletteria, accessori da viaggio e per il business, si è messo a disposizione per la donazione di 5.000 mascherine alla Protezione Civile, destinate ai cittadini per ridurre il rischio di contagio. Le prime 2.000 mascherine sterili usa e getta sono già state recapitate; seguirà un invio di altri 3.000 pezzi che sono in lavorazione in queste ore. Importante sottolineare che a questa donazione hanno contribuito due importanti fornitori cinesi con i quali l’azienda collabora da tempo. Factory Srl, azienda toscana operante nel settore tessile, a cui fa capo il brand DROMe, ha deciso di sospendere tutte le sue attività per proteggere la salute dei propri dipendenti, alcuni dei quali hanno però deciso volontariamente di affiancare il Direttore Creativo Marianna Rosati nella conversione delle attività produttive per la realizzazione di mascherine in cotone da donare alle aziende ospedaliere locali.

I laboratori Clarins produrranno gel disinfettanti

 
Infine, dopo LVMH, un’altra azienda francese, Il gruppo Clarins, è scesa in campo per far fronte alla scarsità di gel idroalcolici nel Paese: i siti di produzione a Pontoise, Strasburgo e Amiens hanno già fabbricato e distribuito agli ospedali 14.500 flaconi di gel idroalcolici in maxi formato da 400 ml, con l’obiettivo di proseguirne la produzione finché sarà necessario. Anche la padovana Pettenon Cosmetics, attiva da oltre settant’anni nel mondo della cosmetica professionale e parte del Gruppo Industriale Agf88 Holding, ha deciso di destinare parte della sua area produttiva alla preparazione di un’emulsione fluida mani ad azione igienizzante, senza risciacquo, a base di acqua ossigenata.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.