×
1 381
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Customer Service Estero- Settore Design
Tempo Indeterminato · MONZA
ELISABETTA FRANCHI
Digital Marketing Manager
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
FOURCORNERS
Area Manager - Centro Italia
Tempo Indeterminato · ROMA
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
4 ott 2022
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

La moda è attualmente la sesta industria più inquinante al mondo

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
4 ott 2022

Un nuovo rapporto denuncia la moda come una delle industrie più inquinanti del pianeta. Mentre la buona notizia è che si trova solamente al sesto posto della lista, la cattiva notizia è che la quantità di inquinamento generato dal settore è ancora notevole, nonostante gli sforzi per essere più sostenibile e green.

Image: Pexels


Lo studio, condotto dal gruppo di consulenza ambientale londinese The Eco Experts, rileva che le industrie più inquinanti, in base alle loro emissioni annuali di gas serra, sono nell’ordine l'energia, i trasporti, la manifattura e l'edilizia, l'agricoltura, la vendita al dettaglio di prodotti alimentari, la moda e la tecnologia.

La società cita McKinsey & Company, stimando che l'industria della moda emette all'incirca la stessa quantità di gas serra all'anno di quanto fanno le economie combinate di Francia, Germania e Regno Unito.

Il rapporto individua cinque ragioni principali. La prima è l'utilizzo di materie prime a buon mercato, materiali – con coloranti tossici – che il settore utilizza in grandi quantità per produrre i vestiti, “rendendolo uno dei maggiori inquinatori dell'acqua potabile”. Gli esperti di The Eco Experts puntano il dito in gran parte contro il poliestere che è “prodotto da combustibili fossili e rilascia microplastiche nel sistema idrografico quando viene lavato”.

Anche il fatto che per confezionare i propri vestiti l'industria si affidi a fabbriche in Asia, che spesso funzionano a carbone e gas, costituisce un grosso problema.

Per non parlare del suo elevatissimo consumo di acqua, questione importante se si considera che il comparto utilizza 93 miliardi di metri cubi di acqua all'anno. “Anche i tessuti naturali possono rivelarsi problematici nel settore della fast fashion”, aggiunge il rapporto, sottolineando che la produzione di una singola camicia di cotone richiede circa 3.000 litri di acqua.

La classifica redatta da The Eco Experts - DR


Il trasporto è un altro dei problemi, con la spedizione degli ordini online che contribuisce in modo massiccio alle emissioni annuali. Negli Stati Uniti, le emissioni combinate di servizi di consegna come FedEx, UPS e US Postal Service sono all'incirca equivalenti alle emissioni annuali di gas serra di 7 milioni di automobili.

Naturalmente, pure i rifiuti costituiscono un grosso problema. Con l'aumento del fatturato del prêt-à-porter indotto dalla fast fashion, l'85% dei tessuti finisce in discarica ogni anno.

Il gruppo The Eco Experts chiede che vi sia una spinta per passare al noleggio di vestiti, alla loro rivendita come capi di seconda mano e alla loro riparazione. Diversi marchi indipendenti, ma anche grandi nomi del settore, hanno già intrapreso questa strada.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.