×
1 500
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Fabric Research Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Replenishment
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
District Manager Wycon - Calabria
Tempo Indeterminato · COSENZA
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Art Director
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · LUGANO
ROSSIMODA S.P.A.
Buyer Componenti Calzatura
Tempo Indeterminato · VIGONZA
FIRST SRL
Helpdesk IT Specialist
Tempo Indeterminato · RHO
DELL'OGLIO
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · PALERMO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Lombardia/Piemonte- Settore Profumeria
Tempo Indeterminato ·
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
BOT INTERNATIONAL
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga Addetto/a Ufficio After Sales Calzature
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Retail Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
SYNERGIE ITALIA
Sales Account
Tempo Indeterminato · LUCCA
STUDIO RENÉ ALBA
E-Business Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Floor Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Floor Manager
Tempo Indeterminato · VERONA
PALOROSA SRL
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
HUMANA PEOPLE TO PEOPLE
Unit Manager Retail
Tempo Indeterminato · ROMA
Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
2 feb 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

La moda britannica teme di essere “spazzata via” dalla Brexit

Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
2 feb 2021

In una lettera aperta pubblicata dall'organismo Fashion Roundtable, il mondo della moda britannico avverte il governo che il settore rischia di essere “decimato” a causa della Brexit.

La stilista Phoebe English fa parte dei firmatari della lettera aperta. Nella foto un outfit della sua collezione PE 2021 - © PixelFormula


Il tessile-abbigliamento, “industria che contribuisce con 35 miliardi di euro al PIL del Regno Unito e impiega quasi un milione di persone”, “rischia di essere decimato dall'accordo per la Brexit e dall'attuale politica del governo”, avverte la lettera, indirizzata al primo ministro Boris Johnson, nonché ai suoi ministri della cultura, dell'industria e dell’interno.
 
L'accordo che è stato raggiunto con l’Unione Europea “lascia un vuoto dove si dovrebbe trovare la libera circolazione di beni e servizi per tutti i creativi, compresi quelli dei settori della moda e del tessile, che era stata promessa”, sostengono i firmatari, 400 secondo il Financial Times, tra i quali figurano le modelle Twiggy e Yasmin Le Bon.

Il settore contribuisce maggiormente al PIL del Regno Unito rispetto alle industrie della pesca, della musica, del cinema e dell'auto messe insieme, dice la lettera.
 
Sottolineando che l'UE rappresenta il principale partner, sia per l'import che per l'export, il mondo della moda denuncia ritardi e “montagne di scartoffie” indotti dalle nuove regole, chiedendo dunque al governo di adottare misure di sostegno e sgravi fiscali.

La Brexit sta causando molti danni al comparto della moda del Regno Unito - Photo: Public domain/Pixabay


Prima delle personalità dell’universo della moda, molte star della musica britannica hanno recentemente accusato il governo di avere deluso e “abbandonato in modo vergognoso” i musicisti, che non possono più muoversi liberamente nell'Unione Europea per le loro tournée a causa della Brexit.
 
La moda, la musica e molti altri settori risentono della necessità, imposta dalla fine della libera circolazione tra l'UE e il Regno Unito, di ottenere visti individuali, che comportano, tra l'altro, costi aggiuntivi.

Copyright © 2021 AFP. Tutti i diritti riservati.