×
1 726
Fashion Jobs
SIDLER SA
HR Business Partner / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
SELECTA
Responsabile Tecnico di Produzione in Outsourcing
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Digital Catalogue Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
CAMICISSIMA
Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Wholesale Area Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
EUROPRINT SRL
Export Manager
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
SKECHERS RETAIL SWITZERLAND
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
Supply Chain Planning Analyst
Tempo Indeterminato · NOVARA
BOGLIOLI S.P.A.
Junior IT Application Manager\Junior IT Data Analyst
Tempo Indeterminato · GAMBARA
RANDSTAD ITALIA
Strategic Policy Manager Categoria Protetta ai Sensi Della lg. 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Rtw Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · NOVARA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
26 mar 2020
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

La moda al fronte

Pubblicato il
26 mar 2020

I colori e le silhouette visti sulle ultime passerelle sembrano solo un lontano ricordo. Da qualche tempo, la moda è scesa in trincea per combattere il virus. In un batter d’occhio, le aziende hanno iniziato a sfornare mascherine e camici, al posto del classico guardaroba.

La sfilata Fendi PE 2020 a Milano


A fare da apripista è stato il Gruppo Miroglio, seguito a ruota da Confindustria Moda con una call, amplificata sui social da Erika Andreetta (responsabile luxury goods PwC Italia), che ha raccolto nei primi giorni ben oltre 200 candidature. 
 
Il settore si è mobilitato per dare il proprio contributo e combattere l’emergenza, che sta portando al collasso il sistema sanitario nazionale. Allo schieramento di forze tessili, pronte a convertire le fabbriche alla produzione di dispositivi di protezione, si sono aggiunti anche grandi nomi, come Prada, Gucci e Armani.

La storia si ripete: sebbene ora si combatta un nemico invisibile, già nella Prima guerra mondiale l’industria tessile pratese ricevette ingenti commesse da parte dell’esercito italiano, soprattutto di tessuto per le coperte militari e per le uniformi.
 
Al netto delle iniziative solidali, la moda ha dovuto interrompere il suo ciclo, dopo l’emanazione dei decreti che hanno disposto, in un’escalation di misure restrittive, lo stop alle attività commerciali e produttive non essenziali (almeno) fino al 3 aprile. 
 
Fabbriche chiuse, ordini fermi, pagamenti congelati e incassi al palo. Comincia così una corsa contro il tempo, che mette a dura prova la sopravvivenza dell'intera filiera, costituita da piccole e medie imprese, incapaci di resistere ad un’inattività prolungata. 
 
Pesa l’incognita della durata del blocco: difficile tirare avanti senza vendere e dovendo comunque pagare i costi fissi, come mutui, tasse, salari, lamentano gli imprenditori.
 
Il mantra ‘andrà tutto bene’ non convince e si moltiplicano le richieste di aiuti al governo per gestire la crisi e porre le basi per il futuro rilancio. A suonare l’allarme è uno studio di Cerved: nello scenario peggiore, il comparto rischia una contrazione del fatturato fino a un massimo di 4,5 miliardi di euro (-4,9%) nel biennio 2020-2021.
 
Per il presidente di Camera Moda, Carlo Capasa, la moda dev’essere inclusa, insieme a turismo e trasposti, tra i settori considerati più a rischio dopo la crisi innescata dal coronavirus. Le misure invocate prevedono strumenti per salvaguardare i livelli occupazionali e fare fronte alla crisi di liquidità.
 
Confindustria Moda avanza l’idea di un patto con i locatori per sospendere gli affitti a brand e retailer, finché non sarà possibile riaprire i negozi, mentre Beraldo di OVS chiede lo slittamento verso fine anno per tutte le scadenze fiscali e contributive e un periodo di grazia per evitare che azioni esecutive portino ad una catena di fallimenti.
 
Le boutique chiuse bruciano 68 milioni di euro di vendite al giorno ricorda Camera Buyer. L’associazione che riunisce i top multibrand italiani suggerisce di saltare la collezione primavera-estate 2021 per organizzare la ripartenza e permettere lo smaltimento delle giacenze.
 
Secondo l’Istat, l’Italia sta precipitando in un clima di incertezza che non ha precedenti nell’intero dopoguerra. Rimane difficile, ad oggi, scorgere la fine del tunnel, dal momento che il numero dei contagi non accenna a diminuire. Ma come la civiltà greca ha dato alla luce i poemi omerici nel momento più buio della sua storia, così la moda potrebbe accogliere grandi cambiamenti in questa fase e sviluppare nuovi soluzioni creative, che (si spera) torneranno presto a brillare sulle passerelle di tutto il mondo.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.