×
1 505
Fashion Jobs
247 SHOWROOM
Regional Account Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Junior Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ELEVENTY WORLD SRL
Retail Operations Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Risorse Umane
Tempo Indeterminato · FIRENZE
FIORELLA RUBINO
Fashion Editor
Tempo Indeterminato · ALBA
SIDLER SA
Collection Merchandising Manager Kids / Fashion Brand / Stabio
Tempo Indeterminato · STABIO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Prodotto & Coordinamento Fornitori
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
Area Manager Outlet Europa - Fashion & Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Sistemi Informativi
Tempo Indeterminato · VIGEVANO
JENNIFER TATTANELLI
Responsabile Ufficio Prodotto
Tempo Indeterminato · FIRENZE
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Shoes Costing Specialist
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · TORINO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · GENOVA
CONFIDENZIALE
Responsabile Vendite Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Responsabile Produzione e Avanzamento Produzione
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Sales Export Manager Usa
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Buyer Pellami, Tessuti e Semilavorati Per Pelletteria
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Categoria Kids
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Director - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
Pubblicato il
22 dic 2008
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

La Mobile Art di Chanel ferma la sua corsa itinerante a causa della crisi

Pubblicato il
22 dic 2008

22/12/2008 - La Mobile Art di Chanel non farà scalo a Parigi. Stessa sorte per Londra, Los Angeles e Mosca. Cominciato a gennaio 2008, il percorso internazionale del museo nomade d’arte contemporanea della celebre maison si è concluso il 9 novembre scorso a New York, dopo aver lasciato senza fiato Hong Kong e Tokyo per design e inventiva.

Chanel
Mobile Art Chanel

Pensato dall’architetto Zaha Hadid, questo insolito «museo» di 700 metri quadrati ha ottenuto un successo spettacolare ed ha potenziato l’immagine della maison in tutto il mondo.

Tuttavia, l’ affascinante viaggio che ha permesso ad oltre 95000 persone di conoscere un nuovo volto della celebre maison, ha dovuto interrompersi prima del previsto.

A causa della congiuntura negativa seguita alla crisi finanziaria Chanel ha infatti deciso
di dare la priorità all’apertura di nuove boutique e allo sviluppo dei suoi prodotti, nonché agli investimenti strategici.

Lo spirito delle opere esposte, nate dall’immaginazione di una ventina di artisti – Les Blue Noses, Fabrice Hyber, Loris Cecchini, Lee Blu, Michael Lin, Pierre & Gilles, Sophie Calle, ... – gravita intorno all’universo Chanel e, in particolare, a quello delle sue note borsette. Gli artisti sono stati invitati a visitare l’appartamento parigino della Mademoiselle Chanel, rue Cambon, e gli atelier dove vengono create le borse”, spiega Chanel.

Hanno in seguito avuto carta bianca per creare opere ispirate ai dettagli che caratterizzano l’identità della storica maison francese, come la sua famosa borsa “matelasse”, accessorio emblematico del marchio.

Questa idea ambiziosa, sostenuta da Karl Lagerfeld, aveva lo scopo di mescolare “moda e arte”, ha dichiarato il direttore artistico della griffe durante la conferenza stampa organizzata al Moma di New York lo scorso ottobre.

“Quando Chanel mi ha chiesto di immaginare qualcosa riguardo alle borse doveva essere questo o nulla. Volevo lavorare con Zaha Hadid e costruire un concetto che fosse trasportabile da una città all’altra. Non poteva essere realizzato altrimenti”.

Di Elena Passeri

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.