×
1 346
Fashion Jobs
PAGE PERSONNEL ITALIA
Buyer Man Appareal - Retail Fashion Company
Tempo Indeterminato ·
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Head of Direct Procurement
Tempo Indeterminato ·
PVH ITALIA SRL
Legal Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
IL GUFO SPA
Area Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Knitwear Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Global Consumer Campaign Manager
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Retail Planning Analytics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Product Marketing Manager- Azienda Accessori Luxury- Sesto San Giovanni
Tempo Indeterminato · SESTO SAN GIOVANNI
ERMANNO SCERVINO
Rspp & Facility Manager
Tempo Indeterminato · BAGNO A RIPOLI
CONFIDENZIALE
Customer Care Team Leader (m/f)
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
Area Manager Trentino Alto Adige
Tempo Indeterminato · BOLZANO
SLAM JAM SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
SLOWEAR SPA
Area Manager Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
CRM Manager - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Area Manager Sardegna
Tempo Indeterminato · OLBIA
CONFIDENTIAL
District Manager Sardegna
Tempo Indeterminato · OLBIA
CONFIDENTIAL
Responsabile Laboratorio Collaudo e Certificazione Qualità
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Key Account Manager - Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIOLI S.R.L.
E-Commerce Operations Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
TOMMY HILFIGER
Assistant Manager
Tempo Indeterminato · PONTECAGNANO FAIANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Ansa
Pubblicato il
4 giu 2014
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

La Fondazione Ferré riacquista 2.000 capi storici

Di
Ansa
Pubblicato il
4 giu 2014

Sono tornati a casa duemila tra i capi più importanti della straordinaria storia stilistica di Gianfranco Ferré. La Fondazione Gianfranco Ferré, presieduta dal fratello Alberto e diretta da Rita Airaghi, storico braccio destro dello stilista scomparso, è riuscita a recuperare l'importante patrimonio, che ora si trova ben custodito a Milano.

Gianfranco Ferré - Foto: Ansa


E sempre a Milano potrebbe finalmente arrivare anche la mostra su "La camicia bianca" di Ferré, il prossimo settembre. La Fondazione finora aveva solo una piccolissima parte dell'archivio vestimentario che era stato acquisito in blocco, con tutto il resto del marchio, dal Paris Group. Ora che il gruppo di Dubai ha chiuso la sua attività in Italia, la Fondazione è riuscita a venire in possesso di circa duemila pezzi dell'importante archivio, acquistandoli e scegliendoli fior da fiore. Oltre all'investimento economico, nello scambio è entrata anche una "consulenza culturale" per la selezione e classificazione di tutto ciò che resta al Paris Group. A questo supporto culturale si è dedicata anche Alessandra Arezzi, responsabile di Europeana Fashion (che gestisce la biblioteca virtuale della moda con 24 partner europei).

"L'archivio di Gianfranco Ferré era enorme - spiega Rita Airaghi - avevamo spazio e quindi conservavamo tutto, circa 10 mila pezzi già ai miei tempi, tra abiti, accessori e gioielli creati da Gianfranco, ma anche una sua collezione vintage molto interessante, messa assieme scovando i pezzi in giro per il mondo". Il Paris Group evidentemente vuole utilizzare l'archivio nell'ottica del business, tant'è che sul red carpet del Met Ball 2014, una delle eleganti gemelle Olsen indossava un abito da ballo Ferrè di 15 anni fa, in gazard gessato. "Ma l'importante è che ora - spiega la Airaghi - oltre al materiale che abbiamo già schedato, disegni, foto, filmati, disponiamo anche del nucleo fondamentale delle collezioni Ferré, circa tremila pezzi (di cui 200 di moda maschile, soprattutto giubbotti in pelle e giacche da sera): la nuova importante acquisizione si va infatti a sommare ai capi che avevamo rilevato prima che la maison fosse ceduta al gruppo arabo, e a quelli che ci sono arrivati con donazioni individuali, comprese alcune cose mie, tra cui una gonna della prima collezione sfilata nel 1978. Ora si tratterà anche di far riprendere aria a molti capi e alcuni andranno restaurati, ma nel complesso la conservazione è buona".

La Fondazione Gianfranco Ferré, nella sua bellissima sede di Via Tortona 37, è molto attiva anche con un serio lavoro di archiviazione e documentazione: "C'è ormai, a livello internazionale, una moda degli archivi di moda, ma non tutti hanno la stessa ricchezza di materiale unita alla capacità di utilizzare le nuove tecniche digitali. Quanto alle esposizioni, noi ci muoviamo sul modello della Fondazione Saint Laurent-Bergé e abbiamo in programma mostre tematiche, dopo la camicia bianca sarà la volta dei bijoux, da dove è partita la creatività di Gianfranco".

La prima mostra, "La camicia bianca secondo me", organizzata in collaborazione con il Museo del Tessuto di Prato, potrebbe finalmente approdare a Milano a settembre, in concomitanza con le sfilate. La Camera Nazionale della Moda, per motivi quasi incomprensibili, aveva inizialmente bocciato l'ipotesi, ma ora che è stata chiarita la distinzione tra la Fondazione Ferré e il marchio di proprietà araba, potrebbe tornare sui suoi passi. A confermare questa speranza è stata il 3 maggio l'amministratore delegato della CNMI, Jane Reeve, che ha parlato di riapertura delle trattative per portare la mostra a Milano.

Copyright © 2021 ANSA. All rights reserved.

Tags :
Altro
People