×
1 909
Fashion Jobs
UNIGROSS SRL
Area Manager Lombardia
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Fabric R&D Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Allocator
Tempo Indeterminato · MONZA
MICHAEL PAGE ITALIA
Sales Manager Boutique Multibrand Luxury Varese
Tempo Indeterminato · VARESE
INTERFASHION SPA
Retail Supervisor Italia ed Estero
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
E-Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Head of Sales - Western Europe
Tempo Indeterminato · SALISBURGO
CHABERTON PROFESSIONALS
Business Development Manager - Clothing & Apparel
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Showroom Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Concessions
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Events And Special Projects Manager - Arredamento e Design
Tempo Indeterminato ·
TESSILFORM SPA -PATRIZIA PEPE
Franchising & Dpt. Stores Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Collection Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · COLDRERIO
MICHAEL PAGE ITALIA
Events And Special Projects Manager - Arredamento e Design
Tempo Indeterminato ·
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Website Analytics Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Supply Chain & Logistic Operator
Tempo Indeterminato · MILANO
CI MODA SRL/COMPAGNIA ITALIANA
Resp. Amministrativo
Tempo Indeterminato · GUIDONIA MONTECELIO
CONFIDENTIEL
Regional Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager - Sicilia
Tempo Indeterminato · PALERMO
SKECHERS
Supervisor
Tempo Indeterminato · MILAN
TALLY WEIJL
Merchandise Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
ALANUI
Product Back-Office Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
8 mar 2021
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

La femme fatale di Jil Sander, la sciatrice olimpica di Thom Browne

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
8 mar 2021

Sogno o realtà? Capi fugaci e misteriosi per Jil Sander, una fiaba sportiva onirica da Thom Browne, nei seducenti video mostrati dalle due case di moda il settimo giorno della Fashion Week di Parigi.

La lady chic immaginata da Lucie e Luke Meier - Jil Sander


Nel cortometraggio di Jil Sander, appena acquistato dal gruppo veneto OTB, è soprattutto una questione di sensazioni. La grana dell'immagine crea un'atmosfera avvolgente e misteriosa. Le donne filmate da Stephen Kidd, autore fra l’altro dello spot “Dior J’adore”, appaiono tra ombra e luce, con il viso spesso nascosto.
 
Calzando lunghi stivali in nappa, le braccia guantate con la medesima pelle morbida, la lady sofisticata immaginata da Lucie e Luke Meier attraversa, da sola, le stanze della sua casa vuota, in lunghi abiti fluidi dal design essenziale, a volte attillati, altre voluminosi.

Indossa cappotti compatti in lana e pelle, tagliati dritti, vestiti dai tagli impeccabili, camicie di seta plissettate o abiti-tuta bordati di pizzo, in colori delicati: burro, crema, polvere, malva, lilla, cardamomo.
 
Tutto è molto tattile. Tessuti accartocciati, pieghettati, ricami, pellicce, maglie guarnite con fiori. La camera indugia sui dettagli mostrati in primissimo piano: le finiture di un abito, i materiali, una parte del corpo in movimento, e soprattutto i gioielli, dalle dimensioni importanti, protagonisti di questa stagione. Come le file di perle bianche che coprono tutto il petto come un prezioso plastron, e le collane fatte di grandi catene.

La pluricampionessa mondiale e olimpica di sci alpino Lindsay Vonn come Regina delle Nevi - ph Jonathon Zadrzynski - Thom Browne Inc


Cambio di registro da Thom Browne, che ci immerge come suo solito nel proprio universo fatato attraverso un film in bianco e nero dal sapore di un melodrmma retrò di Hollywood. In un paesaggio di montagna con abeti innevati, una principessa con lunghe trecce bionde cerca il sentiero che la porterà a casa, accompagnata da omini stilizzati, le cui sagome ricorrono in tutto il guardaroba sotto forma di ricami o stampe.
 
Tutta la collezione è declinata in bianco e nero. Equipaggiata con stivaletti e una luminosa cartella d’oro, la nostra Regina delle Nevi ha infilato sul suo completo con farfallino un lungo abito drappeggiato in satin dorato, proprio come il voluminoso cappotto trapuntato dal maestoso strascico appoggiato sulla schiena. Dopo lo straziante addio al piccolo popolo della montagna, sale sulla sua carrozza-elicottero.
 
Atterraggio in una nuvola polverosa, pochi minuti dopo, in cima a una pista innevata sul Monte Hector in Canada. La vedette del film girato da Clarissa Gallo si rivela essere Lindsey Vonn, la super campionessa statunitense di sci ritiratasi da poco, che lascia cadere l’abito e, con guanti e caschetto, in un’elegante tenuta disegnata da Thom Browne, si lancia, gli sci ai piedi, in uno slalom gigante mozzafiato.

L'abito coi loghi dei giochi olimpici invernali - ph Jonathon Zadrzynski - Thom Browne Inc


Il malizioso designer ha avuto l’idea di piantare nella neve, come fossero paletti, i suoi modelli, uomini e donne, che ad ogni curva incrociano lo sguardo della sciatrice. Il volto nascosto da una specie di maschera di scherma, sono tutti vestiti con raffnati completi vittoriani neri con stivaletti alla Mary Poppins o scarpe da alpinismo.
 
I capi sono il risultato di una costruzione raffinata che mischia materiali come taffetà, seta, cotone, lana e scultorei piumini sartoriali, in un gioco intelligente di drappeggi e pieghettature. Nodi giganti, maniche a sbuffo, delicati ricami si distinguono in questi look del diciannovesimo secolo.
 
Da segnalare il maglione ritorto, fatto a mano, dalle proporzioni esagerate, e le giacche e gli abiti in panno di lana coperti di patch coi loghi delle città che hanno ospitato i giochi olimpici invernali: Chamonix, Lake Placid, Oslo, Salt Lake City, Sapporo, Albertville, Torino, Cortina d’Ampezzo…

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.