×
1 588
Fashion Jobs
CONFIDENTIAL
Responsabile Ufficio Tecnico
Tempo Indeterminato · NOLA
FOURCORNERS
Media Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
E-Commerce Specialist Azienda Fashion
Tempo Indeterminato · GAGGIO MONTANO
FOURCORNERS
Sales Account
Tempo Indeterminato · REGGIO CALABRIA
CONFIDENZIALE
Sales Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CVG GOLD
Senior Buyer Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Fabric Research Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Replenishment
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
District Manager Wycon - Calabria
Tempo Indeterminato · COSENZA
RANDSTAD ITALIA
Art Director
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · LUGANO
ROSSIMODA S.P.A.
Buyer Componenti Calzatura
Tempo Indeterminato · VIGONZA
FIRST SRL
Helpdesk IT Specialist
Tempo Indeterminato · RHO
DELL'OGLIO
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · PALERMO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Lombardia/Piemonte- Settore Profumeria
Tempo Indeterminato ·
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
BOT INTERNATIONAL
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga Addetto/a Ufficio After Sales Calzature
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Retail Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
SYNERGIE ITALIA
Sales Account
Tempo Indeterminato · LUCCA
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
27 set 2021
Tempo di lettura
4 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

La Fashion Week di Milano si chiude con Francesca Liberatore, Luisa Spagnoli, Dsquared2 e Pucci

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
27 set 2021

Nonostante un tempo capriccioso, con una domenica particolarmente piovosa a Milano, gli stilisti sono riusciti a cavarsela al meglio delle loro possibilità in questo penultimo giorno di Fashion Week mostrando collezioni molto varie. Come Francesca Liberatore e Luisa Spagnoli, che hanno sfilato in presenza, e Dsquared2 ed Emilio Pucci, che hanno optato per un format digitale.

Il trench reinterpretato dalla stilista italiana - Francesca Liberatore


La stilista-artista Francesca Liberatore ha aperto le danze al mattino con una sfilata-performance originale organizzata in uno storico cinema di Milano con il supporto tecnico di Naumachia Network, che gli ha permesso di duplicare le sue indossatrici, i cui ologrammi sfilavano nella lobby di fronte ai passanti e al pubblico rimasti all’esterno.
 
Mentre le modelle sfilano nella sala in mezzo agli spettatori, questi possono seguire simultaneamente un film sul grande schermo, che illustra in un collage di immagini lo spirito della collezione. Per l'estate del 2022, la designer è stata ispirata dalle quattro sculture che ornano gli angoli della chiesa sconsacrata di San Michele di Ferrara, acquisita quest'anno dalla famiglia Liberatore per farne un centro culturale.

Il leone, l'aquila, il toro e l'angelo determinano i quattro temi della collezione con vestiti di volta in volta appariscenti, con tessuti dorati e ricamati, fluidi, con tessuti impalpabili marezzati e iridescenti, come organza e tulle, o più solidi, come il cotone, il jersey metallizzato, il vinile e la pelle pieghettata.

Un look firmato dalla casa di moda perugina - Luisa Spagnoli


Luisa Spagnoli, che ha fatto il proprio ingresso nel calendario milanese in questa stagione, ha avuto la fortuna di poter dribblare la pioggia, approfittando di un miglioramento delle condizioni atmosferiche, per rivelare la sua collezione molto estiva ispirata all'America Latina sotto le arcate del chiostro del rinascimentale Palazzo Isimbardi.
 
Cappelli di paglia a bordo rialzato in stile cowboy, top ricamati e finemente frangiati come scialli andalusi, giacche e gonne in pelle scamosciata anch’esse a frange, abiti da zingare a maniche cadenti stretti alla vita da una cintura... La silhouette per la prossima estate di questo marchio di lusso accessibile fondato nel 1928 è un richiamo all’evasione verso terre calde e lontane.
 
“Volevo far viaggiare i miei clienti almeno mentalmente”, dice Nicoletta Spagnoli, che rappresenta la quarta generazione della famiglia a capo dell'azienda, e che ha ne ha preso le redini nel 1986. “Questa prima sfilata nel calendario della Settimana della Moda di Milano segna un punto di svolta per la nostra maison, che ha sempre messo in evidenza i suoi valori di qualità e autenticità”, continua.
 
Capelli lunghi ondulati, che cadono con naturalezza sulle spalle, la donna Luisa Spagnoli distilla la sua eleganza con semplicità in tutte le circostanze, con tenute pratiche e impeccabili, dalle maglie in jacquard sovraricamate ai maxi abiti fluttuanti di seta ai corpetti di pizzo, passando per gli outfit più sportivi, come i completi kaki o le tute-pantalone a quadratini Vichy.

L'estate grunge immaginata da Dean e Dan Caten - Dsquared2


Cambio netto di ambientazione per Dsquared2, che ha filmato la sua sfilata mista nei giganteschi spazi fatiscenti e scalcinati di una fabbrica dismessa ai margini di Milano, e nei suoi dintorni invasi da una vegetazione lussureggiante. Un gruppo di giovani, ragazze e ragazzi, ai piedi stivali neri a lacci bianchi, in stile scarpette da boxe, si ritrovano in quel luogo per imbrattarne i muri decrepiti.
 
I ragazzi si mostrano in atteggiamenti ribelli, mescolando lo stile da rocker maledetto con il grunge, mentre una vena poetica attraversa il set nelle delicate ali di tulle e tessuto di cui sono dotate alcune giacche e camicie maschili. Il duo di designer Dean e Dan Caten ha lavorato in particolare sui contrasti per costruire un guardaroba alla fine molto vario.
 
I gilè del papà senza maniche s’infilano su corpetti raffinati pieni di fiori, la sciarpa sottile come uno spago annodata intorno al collo. I capi in denim sono proposti in patchwork o usati e strappati. Anche i pantaloni in pelle e in vinile sono lacerati, combinati con tute-babydoll che lasciano intravedere il reggiseno realizzate in tessuti leggeri e trasparenti come tulle e organza.

Il nuovo stile minimalista della griffe fiorentina - Emilio Pucci


Questi stessi materiali delicati si ritrovano da Emilio Pucci, che proietta i suoi modelli in un arredamento totalmente bianco. I tessuti diafani, stampati o ricamati, sono usati per confezionare lunghe tuniche che s’infilano sui corpi come un filtro decorativo, lasciando vedere in trasparenza un top, un legging, un costume da bagno, ecc.
 
Il marchio italiano di LVMH, noto per gli stampati e i motivi vintage, propone per la prossima estate, con un approccio inaspettato, anche una serie di abiti minimalisti, declinati in bianco o giallo lime, come una gonna lunga e dritta abbinata a un top a losanga e una serie di abitini-grembiule dalle profonde scollature.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.