×
1 744
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Head of Production
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Site Management Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
E-Commerce Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
E-Commerce Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ELENA MIRO'
Head of Merchandising & Buying
Tempo Indeterminato · ALBA
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager - Sicilia
Tempo Indeterminato · PALERMO
PATRIZIA PEPE
Digital Adversiting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PATRIZIA PEPE
E-Commerce Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Retail Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Business Controller
Tempo Indeterminato · FIRENZE
CONFIDENZIALE
IT Help-Desk
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
International Key Account Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
CRM Manager, Fashion Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
SKECHERS
Supervisor
Tempo Indeterminato · MILAN
NALI ACCESSORI
Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · NAPOLI
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Business Developer- Interior Design Lusso
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Rtw ww
Tempo Indeterminato · VICENZA
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Denim
Tempo Indeterminato · VICENZA
CONFIDENZIALE
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · TORINO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Buyer Accessori di Produzione e Lavorazioni
Tempo Indeterminato · PADOVA
CMP CONSULTING
E-Commerce Specialist - Korean Speaking
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
24 mag 2022
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

La confederazione Euratex si rallegra di un esercizio 2021 “incoraggiante”

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
24 mag 2022

L'industria europea del tessile-abbigliamento è riuscita a ridurre il proprio deficit commerciale a 48 miliardi di euro nel 2021, grazie a un aumento del 10,6% delle esportazioni e al calo del 7,5% delle importazioni. Un segnale ritenuto incoraggiante dall'organismo di rappresentanza Euratex, che ha appena pubblicato il suo rapporto annuale, il quale però tiene a richiamare alla mente i tanti fattori di instabilità, dalla Brexit all'Ucraina, passando per i costi dei trasporti.

Shutterstock


“I dati sull'export per il 2021, presentati in questo rapporto di primavera, confermano che i membri di Euratex hanno guadagnato slancio”, si rallegra il direttore generale dell'organizzazione, Dirk Vantyghem. “Anche se i prezzi dell'energia causano seri problemi nel breve periodo, la nostra ambizione a lungo termine rimane quella di essere un leader mondiale nel settore dei tessuti sostenibili”.
 
In quest'ultimo rapporto, Euratex segnala il leggero calo dei prezzi alle importazioni di abbigliamento, e il calo più marcato dei prezzi legati alle importazioni tessili. Quest'ultima diminuzione è in gran parte dovuta alla discesa del prezzo delle importazioni di mascherine e protezioni mediche provenienti dalla Cina, i cui prezzi erano aumentati vertiginosamente rispetto all'anno finanziario precedente.

Sul versante delle esportazioni, Svizzera, Cina e Stati Uniti sono state le forze trainanti dell'esercizio finanziario 2021. Allo stesso tempo, Euratex rileva anche il calo del 23% delle esportazioni europee di tessile-abbigliamento verso il Regno Unito. Diminuzione legata alla Brexit, che causa “ritardi doganali e carenza di camionisti” dall'altra parte della Manica.
 
Un effetto Brexit che si riflette anche sul versante delle importazioni. Le spedizioni di tessile-abbigliamento dal Regno Unito sono diminuite del 48% in un anno, ovvero di 3 miliardi di euro. Euratex registra anche un calo del 28% degli ordini dalla Cina. Il principale fornitore di tessile-abbigliamento dell'UE scende così di 13 miliardi di euro.
 
L'Ucraina è naturalmente menzionata in questa relazione. Euratex sottolinea che questo Paese sta dimostrando di offrire “preziose opportunità di approvvigionamento” per i datori di lavoro europei che cercano di avvicinare a casa (nearshoring) la loro produzione. Una tendenza alla produzione locale di prossimità che secondo la confederazione sta mostrando segnali di crescita nei dati del comparto.
 
Il rapporto Euratex dà logicamente ampio spazio al progetto “Sustainable and Circular Textiles by 2030” presentato dalla Commissione Europea lo scorso 30 marzo, il cui obiettivo è che qualsiasi prodotto tessile messo in vendita nello spazio comunitario sia, entro la fine del decennio, sostenibile, privo di materiali pericolosi e prodotto nel rispetto degli standard normativi sociali.
 
“Con 100 miliardi di euro di importazioni e oltre 20 miliardi di articoli tessili 'stranieri' che vengono immessi nel mercato unico, c’è la necessità di un drammatico aumento della sorveglianza del mercato, senza disturbare il regolare funzionamento delle catene di approvvigionamento fluide”, avverte Euratex. Che continua a sviluppare il suo hub europeo dedicato al riciclaggio dei tessuti.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.