×
1 087
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Ansa
Pubblicato il
24 set 2013
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

La CNMI si affida a una manager inglese

Di
Ansa
Pubblicato il
24 set 2013

La Camera Nazionale della Moda Italiana ha scelto di farsi guidare da una manager inglese. Ha firmato il contratto una settimana fa e dal 24 settembre la sua nomina è stata resa pubblica da un annuncio ufficiale: l'inglese Jane Reeve è stata scelta come nuovo amministratore delegato della CNMI.

Foto Adnkronos


La notizia era congelata, in attesa che la signora desse le dimissioni da AD della agenzia pubblicitaria J.Walter Thompson Italia. La ricerca di un amministratore delegato era iniziata fin dall'insediamento dei nuovi vertici della Camera Nazionale della Moda, che aveva visto l'ingresso di tutti gli imprenditori di peso, da Patrizio Bertelli di Prada (vicepresidente vicario) a Diego Della Valle, da Gildo Zegna a Renzo Rosso, da Angela Missoni a Stefano Sassi di Valentino e a Giovanna Gentile Ferragamo.

Il nome della Reeve, selezionato dai cacciatori di teste di Egon Zender, pare sia stato scelto tra una ventina di curriculum. La signora, che vive da oltre venti anni in Italia, è stata scelta - dicono dalla Camera della Moda - non certo perché straniera, ma semplicemente perché era il nome migliore, di maggiore esperienza e prestigio.

Come altri manager del lusso, non viene dal mondo della moda, dove la conoscono in pochi, ma avrà tempo e modo - viene spiegato ancora - di inserirsi e farsi apprezzare, grazie ai suoi trascorsi nel mondo della pubblicità e soprattutto perché - garantisce chi l'ha conosciuta - "è una donna tosta".

Comunque pare che la scelta fosse stata fatta già nel direttivo della CNMI dello scorso 24 luglio, anche se molti speravano che fosse un orientamento e non ancora una decisione. Tanto più che Franca Sozzani, influente direttore di "Vogue Italia", la settimana scorsa aveva spiegato, in occasione di una conferenza stampa sugli eventi della fashion week, che il nome non era ancora certo e che era in ballo anche un italiano.

Questo infatti sembra l'unico problema, più che altro simbolico e di immagine: non era possibile trovare una italiana o un italiano per guidare l'organismo "di bandiera" che coordina la moda italiana? C'è anche chi fa notare come la CNMI non sia una azienda che deve fare business e utili, ma deve saper dialogare con le realtà della moda italiana e straniera, con la stampa e con le istituzioni.

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.