×
1 598
Fashion Jobs
AZIENDA DEL SETTORE FASHION & LUXURY
Specialista Amministrazione Del Personale
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Allestimenti Visual - Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
RANDSTAD ITALIA
HR Organization & Agile Transformation
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Regional Account Manager DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Learning And Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA SRL
Bottega Veneta People Engagement And Employer Branding Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Allocatore
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Retail Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
ANONIMO
Responsabile di Magazzino
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Head of Communication Per Noto Brand Del Lusso
Tempo Indeterminato ·
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga IT Project Leader
Tempo Indeterminato ·
SELTIS HUB SRL
Autista Personale di Presidenza
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Responsabile Ufficio Tecnico
Tempo Indeterminato · NOLA
FOURCORNERS
Media Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
E-Commerce Specialist Azienda Fashion
Tempo Indeterminato · GAGGIO MONTANO
FOURCORNERS
Sales Account
Tempo Indeterminato · REGGIO CALABRIA
CONFIDENZIALE
Sales Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CVG GOLD
Senior Buyer Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Fabric Research Director
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Ansa
Pubblicato il
13 apr 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

La Cina sanziona Alibaba, multa antitrust da 2,8 miliardi di dollari

Di
Ansa
Pubblicato il
13 apr 2021

La Cina ha inflitto la multa record di 2,8 miliardi di dollari ad Alibaba, il colosso dell'e-commerce fondato da Jack Ma, chiudendo un'indagine antitrust su abuso di posizione dominante, nel mezzo degli sforzi di Pechino per riportare sotto controllo l'enorme potere accumulato dai grandi gruppi Internet.

Reuters


La sanzione di 18,2 miliardi di yuan è pari al triplo del precedente massimo di quasi 1 miliardo di dollari comminata nel 2015 al produttore di microchip americano Qualcomm ed è circa il 12% dell'utile netto del 2020 di Alibaba: la mossa aiuta a rimuovere parte dell'incertezza che grava sulla compagnia dopo l'avvio dell'indagine di dicembre, ma lascia diversi punti ancora in sospeso.

Pechino, infatti, punta a frenare i suoi giganti Internet e fintech ed è possibile che l'esame sull'impero di Jack Ma possa toccare altre 'province', dalla costola fintech Ant Group (la cui Ipo dei record da 35 miliardi di dollari fu stroncata a inizio novembre 2020) fino alle partecipazioni nei media.

Colpendo il gruppo di Hangzhou, il presidente Xi Jinping ha voluto spingere la campagna anti monopolio prannunciata per il 2021, lanciando un chiaro messaggio all'industria Internet nazionale, escludendo trattamenti di favore per rafforzare la supervisione su Big Tech.

La State Administration for Market Regulation, l'antitrust cinese, ha ritenuto la compagnia responsabile di regole distorsive come quella del divieto ai venditori di usare anche altre piattaforme per l'e-commerce, ostacolando la concorrenza nella vendita al dettaglio online, influenzando l'innovazione nell'economia di Internet e danneggiando gli interessi dei consumatori.

Alibaba ha usato le regole della sua piattaforma e i metodi tecnici come dati e algoritmi "per mantenere e rafforzare il proprio potere di mercato e ottenere un vantaggio competitivo improprio". La società dovrà probabilmente modificare una serie di pratiche, come l'esclusività commerciale, che secondo i critici l'ha aiutata a diventare il più grande player dell'e-commerce in Cina.

In un commento pubblicato online subito dopo l'annuncio della multa, il Quotidiano del Popolo, la 'voce' del Partito comunista cinese, ha definito la regolamentazione "una sorta di amore e di cura. Il monopolio è il grande nemico dell'economia di mercato" e "non c'è contraddizione tra regolamentare secondo la legge e sostegno allo sviluppo. Piuttosto, si completano a vicenda e si rafforzano a vicenda".

È improbabile che la multa incida in modo sostanziale sulle attività di Alibaba, dato che, come precisato dall'Antitrust, la multa rappresenta il 4% delle vendite interne del 2019, quando la società ha registrato profitti per oltre 12 miliardi di dollari solo negli ultimi tre mesi del 2020.

In una nota, la compagnia ha "accettato la pena con sincerità garantendone la sua conformità con determinazione", continuando a rafforzare "i suoi sistemi di conformità" e "la crescita attraverso l'innovazione". Il pericolo di misure più draconiane, come il temuto spezzativo ipotizzato da alcuni analisti, è per ora scampato.

Copyright © 2021 ANSA. All rights reserved.

Tags :
Altri
Business