×
1 347
Fashion Jobs
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
MARNI
Account Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Retail Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · ALBA
ADECCO ITALIA SPA
Tecnico/a Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · STRA
CONFIDENZIALE
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce & Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · ROMA
YVES ROCHER
Digital Performance Marketing Specialist (Origgio-va)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
ULTIMA ITALIA S.R.L
Production And Sourcing CO-Ordinator (Production Merchandiser)
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Estero
Tempo Indeterminato · PECCIOLI
CONFIDENZIALE
Europe Buying Manager Woman Ready to Wear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Stock Controller - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
HERMES ITALIE S.P.A.
in Store Trainer - Boutique Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
STAFF INTERNATIONAL
Industrial Controller
Tempo Indeterminato · NOVENTA VICENTINA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Head of Merchandising
Tempo Indeterminato · ALBA
ISAIA E ISAIA
Information Technology Business Analyst
Tempo Indeterminato · CASALNUOVO DI NAPOLI
RANDSTAD ITALIA
Showroom Manager - Arredamento
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Showroom Manager- Arredamento
Tempo Indeterminato · BRESCIA
RANDSTAD ITALIA
Sales Manager Usa
Tempo Indeterminato · COMO
Pubblicità
Di
APCOM
Pubblicato il
14 mag 2019
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

La Cina alzerà i dazi su 60 miliardi di dollari di import da USA

Di
APCOM
Pubblicato il
14 mag 2019

La Cina ha annunciato che dal primo giugno alzerà dal 10 al 25 per cento i dazi su prodotti importati dagli Stati Uniti del valore di 60 miliardi di dollari.


Pechino, quindi, ha ignorato le minacce del presidente statunitense, Donald Trump, che aveva detto al governo cinese di non procedere con ritorsioni, "altrimenti le cose peggiorerebbero soltanto". Venerdì, è scattato l'aumento dal 10 al 25% dei dazi statunitensi su 200 miliardi di dollari di importazioni dalla Cina.

Le autorità cinesi hanno poi specificato che l'aumento colpirà circa 5.000 prodotti statunitensi attualmente colpiti da dazi tra il 5 e il 10%, che saliranno in alcuni casi fino al 25 per cento.

Al 25% saranno tassati prodotti animali, frutta congelata e verdura; al 20% saranno tassati, per esempio, prodotti chimici e vodka. I dazi saranno applicati sui prodotti che lasceranno gli Stati Uniti a partire dal primo giugno.

Oltre ad alzare i dazi, la Cina sta valutando altre misure per colpire gli Stati Uniti, tra cui una riduzione degli ordini di Boeing, la vendita dei Treasury che ha in portafoglio (Pechino è il principale creditore degli Stati Uniti) e l'interruzione dell'acquisto di prodotti agricoli ed energetici. A scriverlo, su Twitter, è stato Hu Xijin, il direttore del Global Times, giornale in lingua cinese e inglese, che è espressione di Pechino.

Fonte: APCOM