×
1 579
Fashion Jobs
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Business Intelligence Analyst - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Moulds & Soles Buyer
Tempo Indeterminato · PADOVA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Event Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ELISABETTA FRANCHI
Retail Dos/Fch Supervisor Estero
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
WYCON S.P.A
Commerciale Estero Wycon Con Lingua Francese - Sede
Tempo Indeterminato · NOLA
CONFIDENTIAL
Senior Buyer - Menswear
Tempo Indeterminato · MILANO
S.A. STUDIO SANTAGOSTINO SRL
Responsabile di Produzione Moda d'Alta Gamma
Tempo Indeterminato · PESCARA
PATRIZIA PEPE
E-Commerce Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Retail Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Controllo Qualità-Accessori e Minuterie
Tempo Indeterminato · VIGONZA
SLAM JAM SRL
Back Office Specialist
Tempo Indeterminato · FERRARA
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Customer Experience Manager_premium Brand Lingerie _ Orio al Serio
Tempo Indeterminato · ORIO AL SERIO
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
MIRA GROUP SRL
Responsabile Prodotto
Tempo Indeterminato · POGGIOMARINO
CONFIDENZIALE
Responsabile Amministrativo/Contabile
Tempo Indeterminato · FIRENZE
DIAMONDS 4U SRL
Jewelry Sales Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LYLIANE
Purchasing Manager
Tempo Indeterminato · VIGONZA
CONFIDENZIALE
Commerciale Junior Nord Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Stock Specialist Bologna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
Di
Ansa
Pubblicato il
11 lug 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

La Bce apre a più inflazione

Di
Ansa
Pubblicato il
11 lug 2021

Una piccola rivoluzione, anche se già nei fatti: la Bce mette nero su bianco un nuovo obiettivo d'inflazione, non più "vicino, ma inferiore al 2%" ma un target simmetrico del 2%. Un cambiamento deciso all'unanimità dal Consiglio direttivo dopo un anno e mezzo di preparativi, che ha una conseguenza importante: mettendo nero su bianco il 2% simmetrico viene superata una formulazione di vent'anni fa cara all'ortodossia della Bundesbank, e di fatto si allontana il futuro rialzo dei tassi, e con esso l'uscita dal quantitative easing che tanto sta aiutando l'Italia e i vicini mediterranei.

Reuters


La mossa - parte dell'attesa Strategy Review Bce - era stata preannunciata per la seconda metà del 2021, insieme alla lotta al cambiamento climatico. Il clima, infatti, entra direttamente nella sala macchine della Bce e contribuirà a orientare le decisioni di politica monetaria: ad esempio, assicura Lagarde, i bond che le banche forniscono a garanzia dovranno avere piena trasparenza sulle emissioni che finanziano, una sorta di 'certificato green'.

La Strategy Review "pone delle solide fondamenta che ci guideranno nel condurre la politica monetaria negli anni a venire", dice Lagarde. La Bce non si accontenterà di un'inflazione che sfiora il 2%, ma pretenderà che sia stabilmente attorno al 2%, consentendo 'sforamenti' per mettere al sicuro la stabilità dei prezzi dopo un decennio di obiettivi inflazionistici mancati da parte delle maggiori banche centrali del mondo. Ciò consentirà di guardare con più freddezza alla ripresa dell'inflazione attesa nei prossimi anni. C'è di più: "Quando l'economia opera con tassi nominali vicini al limite minimo, richiede un'azione particolarmente forte o persistente per evitare il radicarsi di deviazioni negative dal target d'inflazione. Questo può anche comportare un periodo transitorio in cui l'inflazione è moderatamente al di sopra dell'obiettivo", spiega un comunicato della Bce.

E Lagarde rinforza il messaggio, "facciamo sul serio". Nei fatti, significherà allungare l'attuale periodo di tassi ai minimi storici. E, a ricaduta, allontanare ulteriormente il riassorbimento del programma di quantitative App (Asset Purchase Programme), visto che la Bce prevede di smettere di reinvestire i bond comprati solo dopo il prossimo rialzo dei tassi. Un ulteriore fattore di stabilità per i Paesi più vulnerabili come l'Italia, altamente dipendenti dalle condizioni finanziarie favorevoli assicurate dalla Bce e con buona parte del deficit di quest'anno di fatto assorbito da Francoforte.

Conclusa la Strategy Review, si apre la partita che per la Bce si giocherà a settembre, quando si inizierà a discutere di quando chiudere il programma pandemico 'Pepp' e cosa fare della sua flessibilità che consente di concentrare gli acquisti sui bond dei Paesi fragili.

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.

Tags :
Industry