La Martina lancia una capsule con Andrea Pompilio e Condé Nast

È un progetto a 360° che unisce moda, creatività, comunicazione e tecnologia quello presentato da La Martina con la capsule collection “La Martina resized by AP” il 16 giugno, in occasione della fashion week milanese dedicata all’uomo, con un evento presso la Sala Reale della Stazione Centrale. Ce ne parla Enrico Roselli, CEO di La Martina Europa, la società del gruppo argentino che gestisce Europa, Asia, Medio Oriente, Russia e Africa.


La Martina resized by AP, primavera/estate 2020

“Il messaggio principale che vogliamo trasmettere è che un brand è un’entità viva, in continua evoluzione. Abbiamo avviato circa un anno fa un’importante trasformazione dei nostri codici stilistici e comunicativi, con l’obiettivo di dialogare con un target più giovane. La nuova capsule è uno step importante di questo percorso: con essa ci rivolgiamo alla prima fascia di età dei millennials, quella dai 23 ai 27 anni, mentre con la main collection a una clientela tra i 27 e i 36”, ha spiegato Roselli. “Abbiamo individuato dei partner strategici con cui condividere questo viaggio, tra cui Condé Nast, che ci supporta dal punto di vista della comunicazione e della creazione dei contenuti e che ci ha aiutato a individuare in Andrea Pompilio il designer giusto, con le competenze idonee in termini di esperienza e creatività, per reinterpretare il DNA e l’heritage di La Martina in chiave contemporanea”.
 
Nato a Pesaro nel 1973, Andrea Pompilio ha collaborato con alcuni dei più importanti brand internazionali, tra cui Prada, Calvin Klein e Saint Laurent, prima di lanciare nel 2010 la sua collezione omonima, alla quale sono seguite le esperienze da direttore creativo per Canali e per Onitsuka Tiger. Nel 2019 ha fondato in Cina “A Personal Note 73”, la sua seconda linea, dedicata a uomo e bambino.
 
La nuova capsule La Martina resized by AP verrà comunicata attraverso i canali social, oltre a quelli tradizionali, in modo da creare un dialogo diretto con consumer, retailer e addetti ai lavori: “Il progetto ha l’ambizione di avere un approccio olistico, vogliamo essere disponibili e intercettabili dai consumatori sui diversi canali, grazie allo sviluppo di contenuti emozionali e l’organizzazione di eventi ad hoc”, prosegue Roselli.

La Martina resized by AP, primavera/estate 2020
 
Altro partner importante del progetto è Samsung: “Per una proposta contemporanea che vuole parlare ai più giovani, abbiamo pensato a una campagna non tradizionale, ma scattata interamente con uno smartphone Samsung di ultima generazione da un fotografo professionista che ha accettato di mettersi in gioco in questa sfida”, ha rivelato Roselli. “Inoltre Samsung sarà coinvolto nell’allestimento dei negozi in cui la capsule sarà presente, che saranno dotati di touch screen collegati ai nostri sistemi aziendali: in questo modo, oltre a usufruire dei contenuti che saranno veicolati attraverso questi schermi in base a un calendario editoriale, i clienti potranno anche accedere al nostro sistema logistico per acquistare capi non presenti nel punto vendita e farseli recapitare in store o a casa. In entrambi i casi, al negozio sarà riconosciuta una percentuale della vendita”.
 
Composta da 15 look di ispirazione maschile, ma genderless, la capsule è stata pensata da Andrea Pompilio a partire da un prodotto e da un concetto chiave per La Martina: la polo, reinterpretata anche in altre tipologie di capi, e il fair play. I prodotti saranno distribuiti all’interno dei monomarca del brand, mentre per quanto riguarda il wholesale, l’azienda intende esplorare un canale diverso rispetto a quello della main collection, approcciando concept store e negozi di ricerca. L’obiettivo per la prima stagione è un massimo di 10 punti vendita in ogni mercato di riferimento, partendo da Italia, Regno Unito, USA, Cina e Giappone. “Sul fronte online, avvieremo da gennaio un e-commerce dedicato alla capsule e stiamo valutando collaborazioni con marketplace importanti, come Farfetch”, conclude Roselli.
 
Nel frattempo, La Martina sta portando avanti la propria strategia di espansione retail, in collaborazione con dei partner. Dopo aver inaugurato il primo store egiziano a Il Cairo lo scorso marzo, sono previsti altri due punti vendita nella città, uno entro fine 2019 e uno nel primo semestre 2020, mentre il partner marocchino, che conta già uno store a Marrakech e uno a Casablanca, prevede di aprirne un terzo sempre a Casablanca e dei punti vendita multibrand che venderanno anche La Martina in città minori, come Rabat. Infine, in Cina il brand sta dialogando con alcuni grossi gruppi cinesi per lo sviluppo del business tradizionale e ha in previsione nell’arco del prossimo mese di implementare piattaforme e-commerce nel Paese, attraverso WeChat.

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

SportDistribuzioneCollezione
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER