La Carrie a quota 3 milioni di euro nel FY 2018 (+25%)

La Carrie continua il suo percorso di forte crescita. Il brand di borse fondato da Paola e Francesco Amatori raggiungerà quota 3 milioni di euro nel 2018, registrando un incremento del 25% sull’esercizio 2017, chiuso con un +10% dei ricavi a 2,4 milioni.

Facebook/La Carrie
 
“Abbiamo concluso la campagna vendite FW18-19 in netto vantaggio rispetto alla medesima stagione dell'anno precedente (FW 17-18) confermando le stime che avevo previsto, continuiamo a crescere a double digit”, ha spiegato Giancarlo Tafuro, marketing manager di La Carrie.
 
Analizzando il dato dal punto di vista geografico, il mercato italiano, in costante crescita, ha generato l’86% dei ricavi della stagione autunno-inverno 2018-19. Sul fronte estero, che contribuisce per il 14% del giro d’affari complessivo, significative le performance riportate da Spagna e Portogallo, entrambi con un’incidenza di circa il 6% sui ricavi del gruppo. Infine, ottimo riscontro anche dal mercato tedesco, che rappresenta una new entry con la stagione FW18/19.
 
“Questo ottimo risultato è frutto di una precisa strategia di marketing, capace di spingere, ogni stagione, La Carrie sempre a livelli più alti e di aumentarne la brand awareness”, ha concluso Tafuro.
 
Nato nel 2015 sotto il tetto della Bigfoot S.r.l., storica azienda dell’entroterra romagnolo specializzata nella produzione di scarpe e accessori per le grandi firme del fashion, La Carrie è oggi una realtà del Made in Italy in grande espansione: già presente, oltre all'Italia, in Spagna, Portogallo, Grecia/Cipro, Polonia, Germania, il marchio punta ad entrare in due nuovi mercati, Belgio e Olanda.
 
Ad oggi, l’insegna originaria di Castel Bolognese, provincia di Ravenna, distribuisce i suoi prodotti attraverso 472 negozi multibrand di fascia premium ed entry-to-luxury, di cui 416 in Italia e 56 all'estero.

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - AccessoriLusso - AccessoriDistribuzioneBusiness
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER