LVMH lancia la blockchain Aura con Microsoft e ConsenSys

LVMH ha collaborato con Microsoft e la società ConsensSys per lanciare una piattaforma blockchain denominata Aura, con l’obiettivo di garantire la tracciabilità e l’autenticità dei prodotti di lusso.

Guarda la sfilata
Louis Vuitton - Cruise Collection 2020 - Womenswear - New York

Inizialmente la nuova tecnologia sarà adottata da Louis Vuitton, primo brand mondiale del lusso, il cui fatturato supera i 10 miliardi di euro, e dai profumi Christian Dior, ha precisato in un comunicato ConsenSys, specialista nei software per la blockchain.
 
“La piattaforma è aperta a tutti i marchi del lusso, senza intermediari, che potranno così sfruttare l’enorme potenziale di questa tecnologia”, si legge nella presentazione dei brand LVMH presenti al salone Vivatech (Parigi, 16 e 17 maggio).
 
La piattaforma permetterà di avere la prova dell’origine dei prodotti, di seguire il loro ciclo di vita, di proteggere la proprietà intellettuale e di combattere la contraffazione. Sarà attivata sotto forma di “white label” e consentirà la riservatezza assoluta dei dati.
 
I brand potranno scegliere le informazioni che vogliono far comparire sul “certificato” rilasciato da Aura: alcuni potrebbero voler mettere l’accento sull’origine dei materiali, altri proporre servizi ad hoc o programmi di fidelizzazione.
 
La tracciabilità è cruciale per contrastare la contraffazione dilagante nel settore del lusso, amplificata dalla crescita dell’e-commerce e del mercato delle occasioni.
 
Aura potrà essere utile anche per i clienti che vogliano conoscere l’origine della produzione dei prodotti e dei materiali utilizzati, oggi che i consumatori sono sempre più sensibili alle questioni di responsabilità sociale, ambientale e al benessere degli animali.

Versione italiana di Laura Galbiati

© Thomson Reuters 2019 All rights reserved.

LussoInnovazione
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER