×
1 035
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Area Manager Estero - Settore Accessori
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Online Brand Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THE THIN LINE LANZAROTE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · TÍAS
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VERSACE
Wholesale Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Sviluppo Collezioni Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Head of Marketing (Rif. Mkt)
Tempo Indeterminato · MILANO
FORPEN
Buyer Abbigliamento
Tempo Indeterminato · SAONARA
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
CONFIDENZIALE
Talent Acquisition & Employer Branding Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
ADECCO S.P.A
Responsabile Qualità
Tempo Indeterminato · SIENA
CONFIDENZIALE
Country Sales Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
CENTEX SPA
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · GANDINO
FACTORY SRL
Impiegato/a Modellista
Tempo Indeterminato · FUCECCHIO
RETAIL SEARCH SRL
Responsabile Produzione - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
BENETTON GROUP SRL
Sap Analyst
Tempo Indeterminato · TREVISO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Accessori e Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
16 apr 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

L'Oréal: sostenute dall’Asia-Pacifico, le vendite hanno il segno + nel primo trimestre

Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
16 apr 2021

Il colosso francese dei cosmetici L'Oréal sembra essersi messo la crisi alle spalle nel primo semestre, con vendite in crescita nella maggior parte delle sue divisioni, più di un anno dopo l’inizio della pandemia.

Buon trimestre per l'Oréal - L'Oréal


Il gruppo ha registrato, nei primi tre mesi del 2021, un incremento di fatturato del 5,4% a 7,61 miliardi di euro. A dati comparabili, le vendite salgono addirittura del 10%, sottolinea l’azienda in un comunicato. Si tratta, tuttavia, di una cifra inferiore al consensus degli analisti intervistati dal fornitore di servizi Factset.
 
In un contesto “che migliora progressivamente a seguito delle campagne vaccinali”, il numero uno mondiale della cosmetica si dice quindi ancora una volta “fiducioso” nella sua “capacità di sovraperformare il mercato e realizzare un anno di crescita del fatturato e dei risultati”, secondo il suo CEO Jean-Paul Agon, citato nel comunicato.

Per settore d’attività, quasi tutte le divisioni sono in territorio positivo. L'Oréal Luxe, dedicata ai prodotti di bellezza d’alta gamma (Lancôme o Yves Saint Laurent), continua il suo slancio, con un aumento del 12,4%, a 2,77 miliardi di euro, guadagnando “quote di mercato nella quasi totalità delle zone geografiche”, precisa il comunicato.
 
La divisione Prodotti Professionali, in forte calo nello stesso periodo dello scorso anno a causa della chiusura di saloni di parrucchiere, cresce anch’essa, registrando un balzo di quasi il 13% nel primo trimestre.
 
La divisione Cosmetica Attiva si è comportata ancor meglio (+21,8%), trainata dalle vendite online. L’e-commerce rappresenta ormai oltre un quarto (27%) delle vendite complessive del gruppo.
 
L'unico aspetto negativo è che le vendite nella divisione principale dell'azienda, i prodotti di largo consumo, sono diminuite 6,2% (ma sono quasi stabili su base omogenea).
 
“L'estensione delle misure di protezione della salute continua ad avere un impatto sul mercato del make up e quindi sull'attività della divisione, leader mondiale in questa categoria”, spiega L'Oréal.
 
Sul piano geografico, l'Asia-Pacifico, oggi il più grande mercato del gruppo, è il principale motore della crescita, con un balzo in avanti di circa il 19%, a 2,78 miliardi di euro.
 
“In un mercato molto dinamico, con una forte ripresa dei punti vendita”, la Cina registra addirittura una crescita di quasi il 38% a perimetro comparabile, e tutte le divisioni vi guadagnano quote di mercato, afferma il comunicato.
 
Ben lontana da simili performance, l’Europa occidentale, secondo mercato della società, ristagna nel primo trimestre (-0,1%, a 1,99 miliardi di euro): l'attività è stata ancora una volta penalizzata dalle “chiusure di profumerie, grandi magazzini e saloni di parrucchiere in diversi Paesi e dalle restrizioni volte a limitare le interazioni sociali”.
 
Il Nord America dal canto suo è sceso del -1,8%, a 1,81 miliardi di euro, ma ha registrato un miglioramento a marzo, beneficiando secondo L'Oréal del piano di rilancio economico e dell'avvio della campagna vaccinale.

Copyright © 2021 AFP. Tutti i diritti riservati.