×
1 454
Fashion Jobs
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

L'Oréal presenta un sistema per la personalizzazione su scala industriale dei cosmetici

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
today 13 mag 2019
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Realtà aumentata, intelligenza artificiale e personalizzazione saranno i temi al centro dell'appuntamento parigino Viva Technology, che si terrà dal 16 al 18 maggio prossimi presso la Porta di Versailles. Tra le 1.500 aziende che partecipano a questo evento dedicato all’innovazione tecnologica, il colosso mondiale della bellezza L’Oréal presenterà la sua visione della bellezza del futuro.

Un'immagine della "My Little Factory" di L'Oréal


“Virtual Hair Advisor”, che consente di provare virtualmente diverse tonalità di colore dei capelli, “SkinConsult” di Vichy, che permette di rilevare i segni dell'invecchiamento cutaneo e offrire una routine di cura della pelle su misura, sono solo alcune delle tecnologie che L’Oréal presenterà. Però la più impressionante dovrebbe essere “My Little Factory”, che può soddisfare il crescente desiderio di personalizzazione dei consumatori di tutto il mondo.
 
“My Little Factory”, o “La mia piccola fabbrica” in italiano, è un'innovazione tecnologica che consentirà la produzione di fondotinta su misura su scala industriale. Questa linea di produzione automatizzata al 100% è, secondo il comunicato del gruppo L’Oréal, “in grado di produrre su richiesta un centinaio di referenze all'ora”. “My Little Factory” sarà testata in un primo tempo negli Stati Uniti, prima di essere sviluppata in tutto il mondo.

La piattaforma produttiva “My Little Factory” ha preso il via tramite Lancôme, che appartiene alla divisione lusso del gruppo L’Oréal. In effetti dal 2017, in una quarantina di punti vendita (tra i quali le Galeries Lafayette Haussmann), Lancôme propone “Le Teint Particulier”. Il suo principio? Dopo una scansione della pelle, i dati relativi alla carnagione vengono elaborati utilizzando l'algoritmo, che propone quindi una cosiddetta ‘perfetta alleanza’ tra la pelle e il fondotinta. Sul posto viene allora preparata una formulazione su misura in una ventina di minuti (circa 89 euro).
 
E per muoversi sulle orme di “Le Teint Particulier”, Lancôme presenterà a Viva Technology un nuovo concept chiamato “Shade Finder”. Una tecnologia basata sull'intelligenza artificiale per raccomandare alle consumatrici direttamente nel punto vendita la tinta più adatta a ciascuna di loro tra i fondotinta Lancôme esistenti. Questo servizio è in corso di diffusione in tutto il mondo e comprenderà oltre 1.000 punti vendita che ne saranno attrezzati entro la fine del 2019.

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.