×
1 128
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
16 dic 2019
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

L’Oréal ha potenziato ancora il proprio portafoglio nei profumi per superare Coty

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
16 dic 2019

Dal 1° gennaio 2021, il colosso mondiale della bellezza L’Oréal diventerà il nuovo licenziatario dei prodotti di bellezza di Prada. Grazie a questo contratto, il cui valore economico non è stato reso noto, il gruppo si sta avvicinando al suo obiettivo, e potrebbe addirittura superarlo: “diventare il numero uno mondiale della profumeria”. Un’ambizione – superare lo statunitense Coty – annunciata a maggio 2018 da un portavoce del gruppo francese al momento dell’annuncio della firma della licenza per i cosmetici di Valentino.

Il profumo "Idole" di Lancôme, uno dei marchi principali della divisione di lusso del gruppo L'Oréal - Lancôme


Infatti, negli ultimi mesi L’Oréal ha notevolmente rafforzato la sua presenza sulla scacchiera mondiale della profumeria. In ottobre, il gruppo francese ha finalizzato l’acquisto del marchio Mugler e dei profumi di Azzaro dal gruppo Clarins. Griffe che, con una fragranza fra le top assolute del settore come “Angel”, hanno generato 340 milioni di euro di vendite nel 2018.
 
Proprio nel 2018, L’Oréal si è aggiudicato la licenza dei prodotti per il beauty della maison Valentino, succedendo al gruppo Puig (che fino al termine del 2020 possiede proprio quella di Prada). Tre mesi prima, L’Oréal annunciava il rinnovamento della sua licenza per i prodotti di bellezza di Armani fino al 2050. Una licenza che nel 2017 avrebbe pesato più di un miliardo di euro. Infine, con l’arrivo di Prada nel suo portafoglio all’inizio del 2021, L’Oréal si regala un marchio che, nell’ambito beauty, genera 100 milioni di euro di vendite annue.

Il gigante francese, tuttavia, non guarda solo ai pesi massimi della profumeria. Nel 2016, il gruppo si è impadronito del marchio francese di profumi di nicchia Atelier Cologne che, sotto la sua guida, sta sviluppando il proprio network di negozi e potenziando la rete di rivenditori selettivi che lo commercializzano.
 
Nel terzo trimestre del proprio esercizio finanziario, la divisione lusso di L'Oréal (quella che riunisce Lancôme, Yves Saint Laurent e ancora Giorgio Armani e il marchio di skincare Kiehl’s) ha trainato le vendite del gruppo, registrando un giro d’affari di 2,752 miliardi di euro, in aumento del 18,4%, incrementate soprattutto dal lancio di due nuove fragranze femminili, “Idôle” di Lancôme e “Libre” di Saint Laurent.
 
Il grande rivale e attuale numero 1 del settore, lo statunitense Coty (Burberry, Gucci, Hugo Boss...), sta tentando di resistere alle ambizioni di L'Oréal rinnovando le sue licenze più importanti, come Lacoste quest'anno, ma ha perfezionato il suo più grande investimento recente orientandosi su un nome che vuole rendere un marchio globale: Kylie Cosmetics. Fondato da una delle sorelle del clan Kardashian, Kylie Jenner, il brand sul quale Coty ha investito 600 milioni di dollari è attualmente più operativo dal punto di vista dei cosmetici.
 
Da parte sua, L’Oréal vede più che mai i profumi come grande vettore di crescita. E le richieste per i prodotti dei suoi marchi potrebbero esplodere ulteriormente nei prossimi anni grazie alla Cina. Perché se i consumatori cinesi attualmente sono più appassionati di prodotti per la cura della pelle, le loro spese per i profumi sono raddoppiate negli ultimi dieci anni, con il segmento che ha registrato una percentuale di crescita annua del 15%.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.