×
1 384
Fashion Jobs
MIROGLIO FASHION SRL
Senior E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Digital Campaign Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILAN
LA DOUBLEJ
Junior Sales Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
District Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Product Development Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Taglio
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Centro Italia
Tempo Indeterminato · PESCARA
SIDLER SA
Jersey Product Manager / Luxury Brand / Ticino
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
FOURCORNERS
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Account Manager Triveneto
Tempo Indeterminato · VICENZA
RETAIL SEARCH SRL
HR Admin & Payroll
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Lombardia
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Senior Buyer - Fashion (Provincia Padova)
Tempo Indeterminato · PADOVA
OTB SPA
E-Commerce Accounting Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
MIA BAG
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB SPA
Sap Successfactors Hcm Solutions Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
OTB SPA
Category Buyer
Tempo Indeterminato · BREGANZE
STELLA MCCARTNEY
Health, Safety & Environment Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Marketing & E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · BOLZANO
VALENTINO
Compliance & Sustainability Analyst
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
UMANA SPA
IT Manager
Tempo Indeterminato · VENEZIA

L'Occitane è oggetto dei desideri di tanti: Advent International in pole per comprarlo?

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
today 28 nov 2018
Tempo di lettura
access_time 3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

L'Occitane International sarà presto venduto? Il gruppo di cosmetici basato in Svizzera, a Plan-les-Ouates, vicino Ginevra, potrebbe essere oggetto di offerte pubbliche di acquisto da parte di società di private equity, crede di sapere il Financial Times, il quale azzarda il nome del fondo americano Advent International come quello dell’entità che ha spinto più lontano il suo approccio. Tuttavia non sappiamo se il gruppo e il suo amministratore delegato, Reinold Geiger, sono aperti alla possibilità di una vendita e se l'offerta sia già stata formulata.

Reinold Geiger. - L'Occitane


Reinold Geiger, che ha preso il controllo di L'Occitane en Provence nel 1996, quando il marchio realizzava 8 milioni di euro di giro d’affari, ha fatto entrare il marchio alla Borsa di Hong Kong nel 2010. La capitalizzazione borsistica della società francese è oggi stimata a 2,7 miliardi di dollari (2,4 miliardi di euro), sempre secondo il Financial Times, mentre il gruppo ha registrato un fatturato di 1,31 miliardi di euro nell’ultimo esercizio.
 
Dal potenziale acquirente Advent (ex proprietario di Gérard Darel, e anche azionista di Lululemon) e da L’Occitane, nessuno è stato disponibile a commentare la notizia, precisa il quotidiano economico britannico. Ma il giornale indica di sapere che altri fondi potrebbero esprimere il loro interesse per il gruppo transalpino, visto che il settore dei cosmetici è attualmente molto attraente per loro. La diversificazione di L'Occitane tramite molti marchi ed insegne e le sue numerose posizioni internazionali sono visti come ottimi asset da società di investimento alla ricerca di nuovi obiettivi.

E soprattutto, le cifre dell’ultimo semestre, chiuso il 30 settembre, sono molto incoraggianti. Pubblicato due giorni prima di questa fuga di notizie sull'interesse manifestato da Advent International, il bilancio di metà percorso dell’esercizio indica una bella crescita di fatturato, del 12,4% a cambi costanti, a 595,4 milioni di euro. Su base comparabile, le vendite sono cresciute del 4,9%.
 
Unica nota stonata: il calo dell’utile operativo di L’Occitane, passato da 13,8 milioni di euro a 5,8 milioni di euro, dato che il gruppo spiega con i notevoli investimenti effettuati nel marketing per sostenere la crescita nel secondo semestre, e che ritiene non rifletta la tendenza prevista per la fine dell'anno.
 
Nel dettaglio, i mercati statunitense, cinese e di Hong Kong hanno registrato le crescite maggiori (rispettivamente +65,8%, +18,6%, +14,1%). Logico per gli Stati Uniti, dove il gruppo ha acquisito una quota di maggioranza in un marchio locale nel gennaio del 2017, LimeLight. È questo, ribattezzato LimeLife, che permette al gruppo di veder crescere di oltre il 65% nel primo semestre il fatturato nordamericano. L'Occitane annuncia inoltre che il marchio ha iniziato la sua espansione internazionale nel periodo ed è stato lanciato su nuovi mercati: Canada, Regno Unito e Francia.

La prima boutique portoghese, aperta a Lisbona nel luglio del 2018. - L'Occitane en Provence


Il polo dei marchi emergenti, al quale appartengono anche Melvita, Erborian e L'Occitane au Brésil, è stato uno dei punti positivi del semestre, precisa il gruppo, così come l'espansione nel mercato dei prodotti per la cura del viso e la generazione di una crescita a negozi comparabili nei mercati chiave, dove i rinnovamenti di punti vendita insieme alle aperture di nuove boutique dotate di concept forti sono stati al centro dell’attenzione.
 
In Cina, L'Occitane ha registrato una crescita delle vendite del 14,1%, soprattutto grazie al lancio di una nuova gamma per il suo brand leader, "Immortelle Reset", e a quello di un e-shop ufficiale su JD.com.
 
Qualche mese fa è stato nominato un nuovo direttore generale per affiancare il CEO austriaco di L’Occitane International, Reinold Geiger, 71 anni, nella persona di Sylvain Desjonquères.
 
Il gruppo controlla attualmente 3.000 negozi in 90 Paesi, la metà dei quali sono di proprietà diretta.

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.