×
1 459
Fashion Jobs
CONFIDENZIALE
Europe Man Rtw Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
FACTORY SRL
Responsabile di Linea Maglieria
Tempo Indeterminato · FUCECCHIO
AZIENDA LEADER NEL SETTORE LUXURY GOODS
Global Retail CRM Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
MANDARINA DUCK
Ecommerce Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
Espansionista Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Responsabile Manovia Montaggio
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CMP CONSULTING
E-Commerce e Marketplace Specialist
Tempo Indeterminato · SAN GIOVANNI LA PUNTA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Commerciale - Accessori e Minuterie - Settore Moda
Tempo Indeterminato · PADOVA
RETAIL SEARCH SRL
Back Office Commerciale - Customer Service Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Customer Engagement Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci HR Control Project Lead & Analyst
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Operation Manager/Director
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
SETTORE BELLEZZA
CRM Specialist (Sede Origgio)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
RETAIL SEARCH SRL
Direttore Boutique Lusso Firenze
Tempo Indeterminato · FIRENZE
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Learning & Development Specialist
Tempo Indeterminato ·
JIMMY CHOO
Stock Controller
Tempo Indeterminato · SERRAVALLE SCRIVIA
PVH ITALIA SRL
E-Commerce Content Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Wholesale Account Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Facility & IT Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
APCOM
Pubblicato il
7 feb 2012
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

L'Italia, un Paese in vendita

Di
APCOM
Pubblicato il
7 feb 2012

E' l'allarme che lancia Pambianco nel suo studio sulle operazioni di M&A realizzate nel settore della moda e del lusso nel 2011. Anno in cui molte aziende italiane con marchi di prestigio sono finite in mani straniere.


Bulgari, uno dei marchi italiani passato nelle mani francesi di LVMH - Foto APCOM

Il 16% delle operazioni di M&A messe a segno a livello globale riguardano deal realizzati in Italia da soggetti esteri (15 operazioni). Ma non è tanto il numero che preoccupa - commenta Pambianco - quanto la qualità delle operazioni realizzate dagli stranieri nel nostro Paese. "Andando di questo passo si corre il rischio di perdere nell'arco dei prossimi anni gran parte del patrimonio italiano nei settori della moda e del lusso".

La lista è lunga e ricca di nomi eccellenti. Predatori durante il 2011 sono stati i francesi, con LVMH e PPR che hanno acquisito Bulgari e Brioni, ma anche i coreani, con il gruppo E.Land che ha rilevato Mandarina Duck e Coccinelle e con Lg Fashion che è diventata proprietaria di Allegri. I thailandesi di Central Retail Corporation hanno acquisito La Rinascente, gli austriaci di Labelux hanno rilevato il controllo della Belstaff, dal Medio Oriente il gruppo Paris Group ha acquisito Gianfranco Ferré e infine anche il gruppo Ferretti Yacht è passato ai cinesi di Shandong Heavy.

Nonostante la crisi, il mercato della moda e del lusso a livello mondiale è comunque in crescita, trainato dall'Asia e dai paesi in via di sviluppo. Di questa situazione - spiega Pambianco - si stanno avvantaggiando i grandi gruppi esteri del lusso con crescite a doppia cifra nei fatturati e nei margini così da generare abbondante liquidità in cassa. In Italia, non solo la dimensione media delle aziende è ridotta e non permette loro di agganciare questo treno di crescita ma il mercato interno è in sofferenza. Questo è il motivo per cui le nostre aziende, che non crescono, diventano prede ambite.

In Italia non ci sono player capaci o vogliosi di creare poli e gruppi aggreganti come all'estero. Il paradosso anzi è che sono gli esteri a creare poli di aziende italiane (PPR detiene Gucci, Bottega Veneta, Sergio Rossi e Brioni).

Fonte: APCOM