×
1 393
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
MARNI
Account Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Retail Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · ALBA
ADECCO ITALIA SPA
Tecnico/a Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · STRA
CONFIDENZIALE
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce & Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · ROMA
YVES ROCHER
Digital Performance Marketing Specialist (Origgio-va)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
ULTIMA ITALIA S.R.L
Production And Sourcing CO-Ordinator (Production Merchandiser)
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Estero
Tempo Indeterminato · PECCIOLI
CONFIDENZIALE
Europe Buying Manager Woman Ready to Wear
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
10 apr 2021
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

L'industria tessile intrappolata fra le impennate dei prezzi di materie prime e trasporti

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
10 apr 2021

I prezzi di cotone, poliestere, acrilico, poliammide, lino e lana hanno registrato negli ultimi mesi aumenti che talvolta raggiungono il 100%. Un’impennata dei prezzi che si affianca a quella sperimentata nel mercato dei trasporti. Una situazione che inquieta l'Unione delle Industrie Tessili, che prevede comunque un ritorno alla normalità tra maggio e settembre prossimi, a seconda delle attività.

Shutterstock


“Durante il primo lockdown, mentre l'attività produttiva era ferma in Cina, principale fornitore di materie prime dell’Europa, le aziende tessili [europee] hanno esaurito le proprie scorte e ridotto le loro forniture”, spiega l'UIT in un report dedicato. “L’effetto del calo dell’attività si è dunque fatto sentire in ritardo. La ripresa in Europa è avvenuta dopo la fortissima risalita della domanda in Asia e negli Stati Uniti. Questi accresciuti fabbisogni hanno accelerato il meccanismo di tensione sulle materie prime, sebbene la Cina abbia aumentato la sua capacità di produzione alla fine del 2020. Ciò ha provocato una carenza di materie prime e un aumento dei loro costi”.
 
Secondo le indagini dell'Unione, i prezzi del cotone sono aumentati del 35% in cinque mesi, e si prevede che l'aumento continui fino alla raccolta di settembre. Il prezzo del poliestere è aumentato dal 50 all'80% negli ultimi mesi, mentre l'acrilico mostra aumenti dal 60 al 70%. L’incremento del prezzo del petrolio e la corsa alla produzione di mascherine ha persino aumentato del 100% i prezzi delle poliammidi e dei polipropileni. Nemmeno i materiali naturali e responsabili sfuggono agli incrementi. Che si tratti del poliestere riciclato (+60%), del cotone bio e GOTS (+100%), della lana (+10% da settembre dopo tre anni di calo) o del lino (+25% a causa di una domanda crescente e del ridotto raccolto 2020).

A ciò si aggiungono i costi di produzione. Per i tessuti tecnici, i prezzi di additivi, finiture, colle, poliesteri e poliuretani sono aumentati dal 5 all'11%, mentre la schiuma poliuretanica è aumentata del +20%. Tutto questo ha generato significativi costi aggiuntivi e termini di consegna passati da 3 settimane a 3 mesi per determinati materiali, riferisce l'UIT. Inoltre, i prezzi degli imballaggi e delle forniture non sono più fissi e aumentano fino al 20%. Per quanto riguarda i coloranti, i costi di spedizione hanno generato un aumento di 0,18 euro/kg, mentre i coadiuvanti di tintura stanno registrando aumenti senza precedenti, come il + 20% per la CO² e l'80% per l'acido acetico.

Shutterstock


I costi di trasporto accentuano infatti i problemi di prezzi dei materiali. Come FashionNetwork.com aveva sottolineato alcune settimane fa, i container disponibili si sono esauriti nei porti asiatici a causa dell’irregolarità negli scali, con armatori che in Europa e nelle Americhe attendono carichi a volte in ritardo prima che ritornino in Oriente. “Le navi si accumulano nei porti occidentali, i tempi di scarico si sono allungati e i prezzi dei trasporti merci sono saliti alle stelle, passando da 1.800 dollari a 8.000 dollari”, lamenta l'UIT. L'organismo sottolinea che questa situazione genera un aumento di prezzo del 2% su tutti i materiali.
 
L'aumento cumulato dei prezzi delle materie prime e del loro trasporto, in ultima analisi, si ripercuote sull'intera catena di produzione. I prezzi dei filati possono così aumentare fino al 20%, o persino del 40% nel caso dei filati di cotone biologico. Dal lato dei tessuti prodotti successivamente, questi aumenti si fanno sentire con incrementi fino all'8% per i materiali sintetici, al 15% per il cotone, e al 20% per il lino.

Copyright © 2023 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.