×
1 294
Fashion Jobs
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Italia Wholesale – Responsabile Showroom
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
28 giu 2022
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

L'indicatore di sostenibilità dei materiali Higg MSI, criticato dalla Norvegia, è stato sospeso

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
28 giu 2022

Norrona e H&M sono stati bloccati pochi giorni fa dall'autorità norvegese per i consumi, che ne ha additato le affermazioni fuorvianti relative allo strumento Higg MSI per analizzare l'impatto ambientale dei prodotti tessili. La Sustainable Apparel Coalition (SAC), che ha lanciato questo indicatore nel 2012 e che afferma di rappresentare ben metà della filiera e dei marchi di abbigliamento globali, ha reagito annunciando la sospensione del suo programma e che avvierà un'indagine indipendente sulla metodologia di Higg MSI.

Shutterstock


Come riportato da FashionNetwork.com, l'Agenzia Norvegese dei Consumi (NCA) aveva pesantemente criticato questo indice, sottolineando in particolare il fatto che esso non valuta l'impatto ambientale dei prodotti proposti, visto che i dati sono basati solamente su un impatto medio calcolato materiale per materiale.

Inoltre, il calcolo si fermerebbe alla fase di tessitura e lavorazione a maglia e non terrebbe conto degli step successivi di lavorazione. Due aspetti che, per l'autorità norvegese, renderebbero fuorviante qualsiasi affermazione di sostenibilità di un prodotto che sia basata su questi dati. La NCA era arrivata al punto di indicare alla SAC che sarebbe stata legalmente responsabile se Higg MSI fosse stato utilizzato come argomento di marketing con i consumatori.

Sebbene il caso norvegese abbia ufficialmente solo un valore locale, l'impatto di questa presa di posizione si è fatto sentire in tutto il comparto del tessile-abbigliamento. Va detto che Higg MSI è al centro della strategia di trasparenza della Sustainable Apparel Coalition, che sostiene di riunire il 50% della filiera. “Si sta aprendo una nuova era di trasparenza”, aveva scritto l'autorità il 27 maggio 2021, annunciando la sua partnership con Higg MSI.

La messa in discussione della credibilità dell'indice mette quindi a repentaglio la strategia di trasparenza dell'altissimo numero di marchi della SAC, che annovera tra le sue fila nomi come Benetton, Amazon, Asos, Boohoo, Inditex, Gap, Fast Retailing, Nike, Puma, Under Armour, PVH e Patagonia, ma anche Bestseller, C&A, Camper, Canada Goose, Columbia, Crocs, Guess, HanesBrands, J.Crew, Mango o Zalando.

“Abbiamo preso la decisione di sospendere il programma globale per la trasparenza rivolto ai consumatori mentre collaboriamo con la NCA e altre agenzie per i consumatori e autorità di regolamentazione per capire meglio come giustificare le affermazioni a livello di prodotto con dati affidabili e credibili”, ha affermato l'amministratrice delegata della SAC, Amina Razvi. “Stiamo commissionando con urgenza una revisione indipendente effettuata da una terza parte esperta dei dati e della metodologia Higg MSI. Questa revisione è stata condotta per l'ultima volta nel 2016 ed è un'azione pianificata che stiamo accelerando alla luce della notifica della NCA”.

La SAC afferma che sta lavorando ad un programma completo, per mezzo di partnership industriali, per riordinare e aggiornare la qualità e l'accessibilità dei dati sull'impatto ambientale per gli operatori del settore. E, a lungo termine, per gli stessi consumatori. La dirigenza della coalizione vuole anche rassicurare i suoi membri. “Sappiamo quanto sia importante per i nostri membri e per l'industria nel suo insieme avere fiducia nella nostra missione, nel nostro scopo e nel nostro approccio”, ha affermato Amina Razvi.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.