×
1 855
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · COMO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Showroom Manager Arredamento Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
Sales Area Manager, Emerging Markets - Luxury Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
AZIENDA DI CALZATURE
Application Specialist
Tempo Indeterminato · SAN MAURO PASCOLI
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Website Analytics Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
DIESEL
Europe Head of E-Commerce
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Concessions
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
District Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Area Manager Nord Italia
Tempo Indeterminato · ITALIA
FORPEN
Fisso
Tempo Indeterminato · SAONARA
THUN SPA
Analytics Junior Consultant
Tempo Indeterminato · MANTOVA
THUN SPA
Analytics Senior Consultant
Tempo Indeterminato · MANTOVA
CONFIDENZIALE
Area Manager - Est Europa
Tempo Indeterminato · MILANO
SWAROVSKI
Allocator Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
DOPPELGANGER
Addetto Tesoreria
Tempo Indeterminato · ROMA
HUGO BOSS
Retail Operations Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
STIÙ SHOES
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · COMO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Operations Specialist Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NYKY SRL
E-Commerce Content Creator Specialist
Tempo Indeterminato · SILEA
Pubblicità
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
21 giu 2022
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

L’etichetta africana Moshions si è fatta notare al Pitti Uomo

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
21 giu 2022

Un venticello portatore d'aria fresca, molto ben accetta nel soffocante caldo toscano, ha soffiato la scorsa settimana al Pitti Uomo. Presente al salone di moda maschile con il suo brand Moshions, lo stilista ruandese Moses Turahirwa ha colto l'occasione per organizzare la sua prima sfilata nel Vecchio Continente, nella cornice bucolica di Villa Romana, villa neoclassica adagiata sulle alture di Firenze e circondata da un grazioso parco.

Un look Moshions firmato da Moses Turahirwa - ph Dominique Muret


È in un'atmosfera gioiosa e rilassata che lo stilista accoglie i suoi ospiti a fine pomeriggio per svelare la sua collezione per la Primavera-Estate 2023, insieme a ballerini e musicisti africani.

Il suo stile mescola influenze africane, soprattutto nei modelli stampati, nelle tecniche di tintura, in particolare il tie and dye, e di drappeggio (vera passione di Moses Turahirwa), con ispirazioni italiane nei tagli “sartoriali”.

Pantaloni e top sono ampi e fluidi, i voluminosi pantaloncini neri si abbinano alle classiche camicie bianche a maniche corte, le lunghe tuniche-toga ricordano i boubou tradizionali africani, i tailleur sono attraversati da inaspettate strisce orizzontali colorate. Ma è il lavoro del drappeggio quello che spicca di più, con le camicie di seta che si allungano fino a diventare una sciarpa o una stola da ripiegare su una spalla. Altri sembrano fluttuare, increspati da delicati drappeggi ondulati. Senza dimenticare il blazer, che si allunga come una toga romana, oppure le giacche, fatte a mantella nella parte posteriore.
 
Nato a Kigali, dove tuttora vive e ha insediato il suo studio, Moses Turahirwa (30 anni) si è dapprima orientato sull'ingegneria prima di dedicarsi fin da giovanissimo alla sua passione: la moda. Ha fondato la propria maison nel 2015 attingendo a lavorazioni della cultura locale, come il ricamo, la tessitura e il drappeggio, utilizzando materiali e coloranti naturali.

Moses Turahirwa - ph Dominique Muret


Il successo non tarda ad arrivare. Alcune personalità locali indossano i suoi abiti dandogli visibilità e così Turahirwa inizia a partecipare a diverse Fashion Week, in Ruanda, Nigeria e Sud Africa.

Nel 2021 consegue un master al Polimoda di Firenze, dove scopre il saper fare italiano. “Ho ritrovato a Firenze la stessa identità artigianale che in Africa, la stessa passione per queste tecniche ancestrali, che desidero promuovere attraverso le mie collezioni. Così ho unito le forze con alcuni artigiani fiorentini per realizzare gli abiti”, spiega.
 
I suoi vestiti privi di genere sono rivolti sia a uomini che a donne, e mettono in evidenza un’attenzione particolare ai dettagli nei ricami, nei lavori a maglia o nelle tinture. Posizionato ai vertici della gamma, il marchio si inserisce in un approccio produttivo “lento ed esclusivo”.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.