×
1 418
Fashion Jobs
MICHAEL PAGE ITALIA
Senior Buyer Settore Moda
Tempo Indeterminato · PRATO
MICHAEL PAGE ITALIA
Regional Account Manager Nord Italia Per Realtà di Bigiotteria
Tempo Indeterminato · MILANO
MARTINO MIDALI
Junior Product Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
MARTINO MIDALI
E-Commerce e Retail Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Loss Prevention Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PHILIPP PLEIN
Global CRM Specialist
Tempo Indeterminato · LUGANO
BENEPIU' SRL
Produzione -Qualita'
Tempo Indeterminato · CARPI
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Agile Delivery Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Italia e Svizzera - Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
AMINA MUADDI
Product Manager Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Regional Account Manager Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
BURBERRY
IT Project Manager
Tempo Indeterminato ·
BURBERRY
District Manager Outlets Northern Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIA SRL
Fashion Buyer-Woman Collection
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Hse Specialist / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
RANDSTAD ITALIA
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
2 dic 2022
Tempo di lettura
4 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

L'ecosistema unico del deserto di Atacama è minacciato dai rifiuti tessili del mondo

Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
2 dic 2022

Il deserto di Atacama, nel nord del Cile, è il ricettacolo di tonnellate di vestiti usati, ma anche di auto e pneumatici fuori uso, provenienti da tutto il mondo, una minaccia per il suo ecosistema unico.

Una veduta di alcuni mucchi di vestiti, quasi nuovi però gettati, nel deserto di Atacama vicino alla città di Alto Hospicio, Cile, l'11 novembre 2022 - AFP


Tonnellate di vestiti ricoprono le aride colline che circondano il comune di Alto Hospicio, nella regione di Tarapaca, circa 1.800 km a nord della capitale Santiago.

Nella vicina città di Iquique si accumulano migliaia di auto smantellate provenienti da Stati Uniti, Giappone o Corea, mentre in altre zone di questo deserto della superficie di oltre 100.000 km2 il paesaggio è deturpato da centinaia di pneumatici.

Il Cile si è specializzato da più di quarant'anni nel commercio di abiti usati, che comprendono vestiti buttati via dai consumatori, rimanenze e opere di beneficenza da tutto il mondo.

Secondo le dogane cilene, nel 2021 sono entrate nel Paese circa 46.285 tonnellate di indumenti usati.

I vestiti, come le autovetture, entrano dalla zona franca del porto di Iquique. Sono destinati al mercato dell'usato cileno o a quello di altri paesi dell'America Latina.
 
La maggior parte delle auto viene riesportata in Perù, Bolivia o Paraguay. Tuttavia, molte finiscono nelle strade di Iquique o sui fianchi delle colline circostanti.

Più della metà dei vestiti e delle scarpe, prodotti a basso costo e per lo più in catene produttive asiatiche, finiscono sparpagliati nel deserto a causa della congestione del circuito.
 
Regolarmente, queste discariche selvagge vengono date alle fiamme per ridurre fastidi e seccature, provocando però dense nuvole di fumo tossico.
 
“Questi incendi sono molto tossici, perché ciò che emanano è plastica bruciata”, ha detto Paulín Silva, un’avvocata che a marzo ha presentato una denuncia contro lo stato cileno presso un tribunale dedicato alle questioni ambientali.
 
“Rischio ambientale”

Originaria di Iquique, Silva denuncia in particolare la passività dello stato di fronte a queste discariche che, assicura, costituiscono “un rischio ambientale” e “un pericolo per la salute umana”.

“Sono le persone senza scrupoli di tutto il mondo che vengono a scaricare qui i loro rifiuti”, afferma perentorio all’agenzia AFP Patricio Ferreira, il sindaco di Alto Hospicio, una delle città più povere del Cile.
 
“Abbiamo ripulito una volta, e ci inquinano da un’altra parte”, si lamenta, dicendo di essere impotente di fronte al problema. “Ci sentiamo abbandonati. Abbiamo la sensazione che la nostra terra venga sacrificata”, afferma indignato.

L'avvocata Paulin Silva mostra i vestiti abbandonati nel deserto, nel settore La Pampa di Alto Hospicio, Cile, l'11 novembre 2022 - AFP


Nonostante sia considerato uno dei deserti più secchi del mondo - con precipitazioni che in alcune zone non raggiungono i 20 millimetri all'anno - l'Atacama ospita un ecosistema unico.

Nella sua parte più arida, vicino alla città costiera di Antofagasta, gli scienziati, tra cui la biologa cilena Cristina Dorador, hanno scoperto forme di vita estreme: microrganismi capaci di vivere quasi senza acqua o sostanze nutritive, nonostante un’esposizione estrema all’irraggiamento solare.

Questi microrganismi potrebbero portare con sé i segreti dell'evoluzione e della sopravvivenza sulla Terra, ma anche su altri pianeti, secondo loro.

Un ecosistema “molto fragile”
 
In alcune zone vicino alla costa, la nebbia permette lo sviluppo di vegetazione e animali vertebrati, spiega Pablo Guerrero, professore di botanica all'Università di Concepcion e ricercatore presso l'Istituto di Ecologia e Biodiversità (IEB).

“L'esistenza della vita in questi luoghi è, in un certo senso, un evento fortuito”, spiega, considerando che si tratta di una regione dove l'ecosistema è “molto fragile”. “Qualsiasi cambiamento o diminuzione del regime delle precipitazioni e della foschia ha immediate conseguenze per le specie che vi abitano”.

Un prato fiorito nel deserto cileno di Atacama il 13 ottobre 2021 - AFP


Dozzine di specie di fiori, per la maggior parte di color violetto, fioriscono quando le precipitazioni sono superiori alla media. I loro semi, sepolti sotto la sabbia, possono sopravvivere per decenni in attesa di un minimo d’acqua per germogliare, e poi fiorire.

A causa dei cambiamenti climatici, ma anche dell'inquinamento e dell'avanzata delle città, alcune specie di cactus sono però scomparse.

“Ci sono delle specie di cactus che sono considerate estinte. Sfortunatamente, questo è un fenomeno che si constata su larga scala e con un deterioramento sistematico negli ultimi anni”, afferma Guerrero.

La stragrande maggioranza delle persone vede il deserto di Atacama come semplici “colline spoglie” oppure il “luogo in cui si svolgono operazioni di estrazione mineraria”, si rammarica Carmen Serrano, presidente dell'organizzazione ambientalista Raices Endémicas.

Questa vasta distesa, a volte rocciosa, a volte sabbiosa, ospita le più grandi miniere di rame del mondo, oltre a miniere di litio, due attività che consumano molta acqua sotterranea.

Copyright © 2023 AFP. Tutti i diritti riservati.