×
864
Fashion Jobs
IRIDE GROUP SRL
Commerciale
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Responsabile Commerciale - Premium Fashion Brand
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Impiegato di Magazzino App. Categorie Protette
Tempo Indeterminato · MILANO
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
jr Financial Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MALIPARMI
Responsabile Amministrativo ed Amministrazione Del Personale
Tempo Indeterminato · ALBIGNASEGO
CONFIDENTIAL
Impiegato Ufficio Acquisti Estero
Tempo Indeterminato · NOLA
CONFIDENTIAL
District Manager Veneto
Tempo Indeterminato · VERONA
INTIMAMEDIAGROUP
International Sales & Marketing
Tempo Indeterminato · CORSICO
GIOVANNI RASPINI
Retail Controller
Tempo Indeterminato · AREZZO
CONFIDENZIALE
Responsabile Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · NOLA
RETAIL SEARCH SRL
Sales Account Piemonte Liguria
Tempo Indeterminato · CUNEO
UB INTERNATIONAL SAGL
Head of Retail/Retail Director
Tempo Indeterminato · LANDQUART
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Bottega Veneta - Business Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION S.R.L.
Brand Communication Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Bottega Veneta - Project Manager Security Systems - Consultancy Contract
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Production Director
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Junior Export Area Manager - Calzature
Tempo Indeterminato · PADOVA
CONFIDENZIALE
Senior Legal Specialist
Tempo Indeterminato · VICENZA
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Bottega Veneta - Corporate & Emea Health & Safety Manager + Rspp Hqs Milan
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · NAPOLI
RETAIL SEARCH SRL
Direttore Boutique Fashion Premium Donna Firenze
Tempo Indeterminato · FIRENZE

L'associazione PETA entra nel capitale di Kering, Burberry e Ralph Lauren

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
20 apr 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il declino delle valutazioni in Borsa dei gruppi del lusso, colpiti dalla crisi del coronavirus, almeno ha fatto felice qualcuno: si tratta di PETA Stati Uniti, che annuncia di averne approfittato per diventare azionista di molti marchi di moda. L’associazione People for the Ethical Treatment of Animals (PETA), che si dedica alla protezione dei diritti degli animali, afferma di aver “acquistato azioni di una ventina di aziende, tra le quali figurano il grande gruppo francese di marchi di lusso Kering, e poi Burberry, Ralph Lauren e Guess”.

PETA entra nel capitale del gruppo Kering, di cui Alexander McQueen è uno dei marchi più famosi - PixelFormula


L’obiettivo è “spingere i marchi di moda a smettere di usare lana, mohair e cashmere”, dichiara l'ONG in un comunicato, senza fornire dettagli sul numero esatto di azioni acquistate o sul loro prezzo.
 
“Diventare azionista consentirà all'associazione di incoraggiare grandi gruppi e marchi, da Kering a Guess, a passare a materiali intelligenti, ecologici ed etici”, spiega Mathilde Dorbessan, responsabile delle relazioni con le imprese per PETA Francia, ricordando che “i consumatori odierni desiderano supportare le aziende che condividono i loro valori e vendono solo maglioni e cappotti per realizzare i quali non ha sofferto nessun animale”.

Non è la prima volta che l'associazione prende questo tipo di iniziativa. Dopo aver comprato azioni di Prada e Hermès, il ramo americno di PETA ha approfittato nel 2018 dell’ingresso in Borsa di Farfetch per investire nel retailer online di lusso allo scopo di spingerlo “ad abbandonare le pellicce”.
 
L'associazione acquista spesso il numero minimo di azioni necessarie per partecipare alle assemblee delle aziende di moda, per influenzarne le decisioni e le strategie dall'interno, ricorda nella nota. PETA è fra l’altro azionista di Urban Outfitters, Under Armor, Deckers Outdoor Corporation (la casa madre di UGG), o di Capri Holdings (Michael Kors, Jimmy Choo e Versace).
 
Per quanto riguarda l'uso del mohair e del cashmere, Peta ha denunciato attraverso inchieste condotte in Sudafrica, Cina e Mongolia, il trattamento crudele inflitto a capre e pecore da alcuni produttori quando gli animali vengono tosati o portati al macello.

Copyright © 2020 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.